Domenica 31 Maggio 2020 | 17:57

NEWS DALLA SEZIONE

LA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
l'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
Traffico
Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

 
La decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 
Commercio
Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

 
nella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Le proteste
Trani, «Nuovo padiglione, uno spreco»

Carcere di Trani: «Nuovo padiglione, uno spreco»

 
tragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
il disastro del 2016
Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

 
IL PREMIO
Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

 
il grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

Ambiente

Trani, recupero acque reflue. Via libera alla progettazione

L’impianto sarà a disposizione dell’agricoltura e dell’industria

Trani, depuratore

TRANI - La realizzazione dell'impianto cittadino di recupero delle acque reflue per uso irriguo ed industriale, per il quale la Regione Puglia ha stanziato circa 10 milioni di euro, “è finalmente giunta alla fase dell'affidamento della progettazione definitiva che dovrà concludersi entro 80 giorni al massimo ed alla quale seguirà l'avvio dei lavori”: l’annuncio è del consigliere regionale Mimmo Santorsola, che dall’inizio dell’iter è stato impegnato nell’affiancare le categorie interessate e nel portare avanti questo importante progetto, con il quale “sarà assicurata l'erogazione a costi modesti di acqua all'agricoltura ed alle industrie del settore lapideo”.

I lavori permetteranno infatti di riutilizzare le acque sia per usi irrigui sia per le attività estrattive, riducendo al massimo lo scarico dei reflui depurati in mare. Ne trarranno benefici le aziende del comparto agricolo,con un abbattimento dei costi per l'irrigazione.

Ma di cosa si tratta: il riutilizzo in agricoltura delle acque reflue, considerata la crescente richiesta di acqua per uso umano, è sempre più spesso raccomandato dagli organismi internazionali che promuovono uno sviluppo sostenibile soprattutto nei territori come il nostro, in cui la risorsa idrica scarseggia. L’amministrazione comunale di Trani già nel 2016 ha interessato le categorie produttive del territorio per la manifestazione di interesse all’utilizzo delle acque reflue del depuratore a servizio dell’abitato. “Il mondo agricolo tranese – si legge nella relazione del progetto - primo a soffrire per la penuria di acqua nelle campagne, si è prontamente organizzato e gli aderenti alle comunioni irrigue si sono riuniti nel Consorzio Agricoltori Tranesi, manifestando all’amministrazione l’interesse all’utilizzo delle acque reflue depurate per uso irriguo, per integrare le necessità di una vasta area di ha 2500 di pregiate colture (vigneti, frutteti, oliveti, ortaggi) ampliando così i propri settori di coltivazione, commercializzazione e stoccaggio dei prodotti agricoli”.

Con la realizzazione di questo progetto anche il territorio di Trani potrà avere una realtà irrigua collettiva, alimentata da acque reflue, riducendo considerevolmente gli attuali costi dell’acqua. Le destinazioni d'uso ammissibili delle acque reflue recuperate sono: per irrigazione di colture destinate sia alla produzione di alimenti per il consumo umano e animale, sia a fini non alimentari; l'irrigazione di aree destinate al verde o ad attività ricreative o sportive; lavaggio delle strade nei centri urbani, alimentazione dei sistemi di riscaldamento o raffreddamento;'alimentazione di reti duali di adduzione, separate da quelle delle acque potabili, con esclusione dell'utilizzazione diretta di tale acqua negli edifici a uso civile, a eccezione degli impianti di scarico nei servizi igienici; uso di acqua antincendio, di processo, di lavaggio e per i cicli termici dei processi industriali, con l'esclusione degli usi che comportano un contatto tra le acque reflue recuperate e gli alimenti o i prodotti farmaceutici e cosmetici.

Dunque un vero e proprio parterre di potenziali utenti, ed in particolare per il territorio tranese potrebbe avere grande importanza “prevedendo – dice Santorsola – anche il coinvolgimento delle aziende che lavorano il marmo, per evitare spreco di acqua potabile. Per tutto il lavoro svolto esprimo il mio grazie personale allo staff dell'Ufficio Tecnico di Trani, ed in particolare all'architetto Rosario Sarcinelli”.

Dunque in questa Puglia “sitibonda” un impianto del genere porterebbe una serie di vantaggi dal punto di vista non solo economico ma soprattutto ambientale. “Adesso manca solo un tassello: la condotta sottomarina che allontani dalla costa i reflui affinché, soprattutto durante la stagione estiva, l'impatto del sistema complessivo si abbassi ulteriormente salvaguardando il patrimonio costiero e tutelando la balneazione. E sarebbe un lavoro di cui si farebbe interamente carico l’Acquedotto pugliese”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie