Martedì 26 Gennaio 2021 | 01:13

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Il personaggio

Andria, Ernesto dal tatami a manager mondiale per la Ijf

Il pugliese riveste il ruolo di Capo del Protocollo della Federazione internazionale di judo. Guarda a Tokyo col tifo di Putin e Al Bano

Andria, Ernesto dal tatami a manager mondiale per la Ijf

ANDRIA - Un pugliese a capo del protocollo della Federazione internazionale di judo (Ijf), una delle più prestigiose del Cio, il Comitato internazionale olimpico. Lui è Antonio Ernesto, 40 anni di Andria, con una lunga carriera da atleta della nobile arte marziale, costellata da diversi titoli italiani ed internazionali e da oltre trecento convocazioni con la nazionale. Da una decina di anni ha lasciato il tatami, ma non il mondo sportivo. Dal chimono alla cravatta, da atleta a manager, un passaggio rilevante per Ernesto, che nel 2015 è arrivato a ricoprire un ruolo di grande prestigio e per la prima volta affidato ad un italiano. In quattro anni, l’andriese ha curato per conto della Ijf, l’accoglienza di capi di stato, autorità politiche, militari e imprenditoriali di tutto il mondo in diverse competizioni, a partire dalle olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, passando per i campionati del mondo di judo svolti a Budapest nel 2017, in Azerbaigian nel 2018 e lo scorso agosto a Tokyo.

«Un ruolo che gratifica dopo tutti i sacrifici fatti nella lunga attività agonistica - racconta Antonio Ernesto -. sono riuscito ad entrare nella Federazione internazionale di judo (Ijf) che ha un ruolo molto importante all’interno del Cio. Basta dire che il presidente onorario della Ijf è Vladimir Putin e tra gli ambasciatori internazionali ci sono il cubano Antonio Castro (figlio di Fidel) e il nostro Al Bano. Adesso non ho un avversario da superare, ma devo provvedere all’accoglienza dei vip e delle autorità per ogni manifestazione di caratura mondiale. Nel ruolo di capo del protocollo mi rapporto con i media, le federazioni e i governi di tutto il mondo. Il nostro quartier generale è Losanna, ma i miei uffici sono a Budapest. Ogni anno, mi ritrovo a lavorare in almeno 30 nazioni diverse con continui spostamenti in giro per il pianeta, ma appena posso torno nella mia amata Andria».

Negli oltre 25 anni di attività agonistica, il suo nome balzò agli onori della cronaca anche perché fu uno dei pochi italiani a superare un giapponese, in una finale internazionale. «Il tatami mi manca - aggiunge Ernesto - ma continuo ad allenarmi dopo una vita dedicata al judo, e quindici anni con indosso la divisa del centro sportivo dei Carabinieri. Adesso, però, sono concentrato su questo nuovo lavoro che mi sta già regalando soddisfazioni. Aneddoti? Ricordo con gioia un episodio simpatico legato alla nostra pugliesità: Sono riuscito a far indossare un kimono ad Al Bano ai mondiali veterani del 2018. Poi c’è la lettera di congratulazioni ricevuta dal presidente del Cio dopo le olimpiadi di Rio. Inutile raccontarvi della preparazione in occasione dell’arrivo di capi dello stato. Per esempio, quando viene annunciata la presenza di Putin, un mese prima dell’evento, il mio ufficio lavora solo sulla sua accoglienza».

Antonio Ernesto non è l’unico pugliese nell’ambito della Ijf. Con mansioni tecniche ci sono anche Antonio Chiurlia supervisor arbitri, e l’arbitro Roberta Chiurlia, rispettivamente marito e figlia della presidente Erminia Zonno della Fijlkam Puglia. Un altro nome italiano che rientra nello staff tecnico è quello di Pino Maddaloni, indimenticato vincitore olimpico. «Il mio unico rammarico non avere al fianco mio padre Vincenzo che non ha potuto condividere la gioia di aver raggiunto questo ruolo - conclude Ernesto -. Lui ci ha lasciato cinque mesi prima del mio incarico, dopo il costante supporto durante la mia carriera sportiva. I suoi insegnamenti e la professionalità acquisita mi guideranno anche per i prossimi impegni. Ci sono i mondiali juniores a Marrakech dal 16 al 21 ottobre e poi i master in Cina a Wanzu il prossimo dicembre. Contestualmente sono già super impegnato per le olimpiadi di Tokyo 2020, visto che il judo è lo sport nazionale in Giappone».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie