Venerdì 18 Ottobre 2019 | 13:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

 
L'inchiesta
Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

 
La viabilità in centro
Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

 
Danza
«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

 
nel nordbarese
Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

 
l'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
Nel Nordbarese
Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

 
città e memoria
Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

 
nel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 

Il Biancorosso

Domenica
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLotta al degrado
Bari San Girolamo, ecco un nuovo murale per colorare il mercato

Bari San Girolamo, ecco un nuovo murale per colorare il mercato

 
PotenzaIl caso
Truffe online ai danni di anziani ne Potentino: 3 denunce

Truffe online ai danni di anziani nel Potentino: 3 denunce

 
TarantoIl caso
Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

 
MateraLa struttura
Pisticci, «Pista Mattei? Si apra ai voli turistici e di affari»

Pisticci, «Pista Mattei? Si apra ai voli turistici e di affari»

 
Leccela mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
BrindisiLa beffa
Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

 
BatIl caso
Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

 

i più letti

Il personaggio

Andria, Ernesto dal tatami a manager mondiale per la Ijf

Il pugliese riveste il ruolo di Capo del Protocollo della Federazione internazionale di judo. Guarda a Tokyo col tifo di Putin e Al Bano

Andria, Ernesto dal tatami a manager mondiale per la Ijf

ANDRIA - Un pugliese a capo del protocollo della Federazione internazionale di judo (Ijf), una delle più prestigiose del Cio, il Comitato internazionale olimpico. Lui è Antonio Ernesto, 40 anni di Andria, con una lunga carriera da atleta della nobile arte marziale, costellata da diversi titoli italiani ed internazionali e da oltre trecento convocazioni con la nazionale. Da una decina di anni ha lasciato il tatami, ma non il mondo sportivo. Dal chimono alla cravatta, da atleta a manager, un passaggio rilevante per Ernesto, che nel 2015 è arrivato a ricoprire un ruolo di grande prestigio e per la prima volta affidato ad un italiano. In quattro anni, l’andriese ha curato per conto della Ijf, l’accoglienza di capi di stato, autorità politiche, militari e imprenditoriali di tutto il mondo in diverse competizioni, a partire dalle olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, passando per i campionati del mondo di judo svolti a Budapest nel 2017, in Azerbaigian nel 2018 e lo scorso agosto a Tokyo.

«Un ruolo che gratifica dopo tutti i sacrifici fatti nella lunga attività agonistica - racconta Antonio Ernesto -. sono riuscito ad entrare nella Federazione internazionale di judo (Ijf) che ha un ruolo molto importante all’interno del Cio. Basta dire che il presidente onorario della Ijf è Vladimir Putin e tra gli ambasciatori internazionali ci sono il cubano Antonio Castro (figlio di Fidel) e il nostro Al Bano. Adesso non ho un avversario da superare, ma devo provvedere all’accoglienza dei vip e delle autorità per ogni manifestazione di caratura mondiale. Nel ruolo di capo del protocollo mi rapporto con i media, le federazioni e i governi di tutto il mondo. Il nostro quartier generale è Losanna, ma i miei uffici sono a Budapest. Ogni anno, mi ritrovo a lavorare in almeno 30 nazioni diverse con continui spostamenti in giro per il pianeta, ma appena posso torno nella mia amata Andria».

Negli oltre 25 anni di attività agonistica, il suo nome balzò agli onori della cronaca anche perché fu uno dei pochi italiani a superare un giapponese, in una finale internazionale. «Il tatami mi manca - aggiunge Ernesto - ma continuo ad allenarmi dopo una vita dedicata al judo, e quindici anni con indosso la divisa del centro sportivo dei Carabinieri. Adesso, però, sono concentrato su questo nuovo lavoro che mi sta già regalando soddisfazioni. Aneddoti? Ricordo con gioia un episodio simpatico legato alla nostra pugliesità: Sono riuscito a far indossare un kimono ad Al Bano ai mondiali veterani del 2018. Poi c’è la lettera di congratulazioni ricevuta dal presidente del Cio dopo le olimpiadi di Rio. Inutile raccontarvi della preparazione in occasione dell’arrivo di capi dello stato. Per esempio, quando viene annunciata la presenza di Putin, un mese prima dell’evento, il mio ufficio lavora solo sulla sua accoglienza».

Antonio Ernesto non è l’unico pugliese nell’ambito della Ijf. Con mansioni tecniche ci sono anche Antonio Chiurlia supervisor arbitri, e l’arbitro Roberta Chiurlia, rispettivamente marito e figlia della presidente Erminia Zonno della Fijlkam Puglia. Un altro nome italiano che rientra nello staff tecnico è quello di Pino Maddaloni, indimenticato vincitore olimpico. «Il mio unico rammarico non avere al fianco mio padre Vincenzo che non ha potuto condividere la gioia di aver raggiunto questo ruolo - conclude Ernesto -. Lui ci ha lasciato cinque mesi prima del mio incarico, dopo il costante supporto durante la mia carriera sportiva. I suoi insegnamenti e la professionalità acquisita mi guideranno anche per i prossimi impegni. Ci sono i mondiali juniores a Marrakech dal 16 al 21 ottobre e poi i master in Cina a Wanzu il prossimo dicembre. Contestualmente sono già super impegnato per le olimpiadi di Tokyo 2020, visto che il judo è lo sport nazionale in Giappone».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie