Lunedì 01 Giugno 2020 | 10:59

NEWS DALLA SEZIONE

LA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
l'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
Traffico
Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

 
La decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 
Commercio
Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

 
nella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Le proteste
Trani, «Nuovo padiglione, uno spreco»

Carcere di Trani: «Nuovo padiglione, uno spreco»

 
tragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
il disastro del 2016
Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

 
IL PREMIO
Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

 
il grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, servirà un’estate di fuoco. I playoff con tante mine vaganti

Bari, servirà un’estate di fuoco. I play-off con tante mine vaganti

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCassa integrazione
Bari, l’Inps accelera boccata d’ossigeno per i lavoratori

Bari, l’Inps accelera: boccata d’ossigeno per i lavoratori

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

L'opificio

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Individuate le aree che saranno cedute gratuitamente al Comune

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

TRANI - Un’ex, grande segheria di pietra di Trani sta per essere riconvertita in gran parte in area commerciale. Così facendo, però, i progettisti sono tenuti a rilasciare un’altrettanto congrua porzione di quel suolo in favore del Comune di Trani.
È quanto ha determinato il dirigente dell’area urbanistica, Francesco Gianferrini prendendo atto della disponibilità della società de Camelis Carmine & partners a cedere gratuitamente le aree a standard, ai sensi di legge, così come individuate nel progetto allegato al Provvedimento unico autorizzativo già ottenuto. Tali spazi comprendono l’intera viabilità per il collegamento tra via Barletta, su cui l’ex segheria e futuro centro commerciale si affaccia, e la retrostante via Finanzieri. In tal modo la società cederà gratuitamente una superficie pari a 2.424 metri quadrati, per la realizzazione di spazi di sosta, parcheggio e viabilità di collegamento appunto tra via Barletta e via Finanzieri. Di fatto si creerà una continuità, che adesso non c’è, tra via Papa Giovanni XXIII e via Finanzieri, passando proprio per il terreno della società de Camelis.

Negli anni scorsi i proprietari di quel suolo avevano bonificato gli immobilidalle coperture in eternit, mantenendo attivi alcuni uffici. L’attività lapidea, però, era da tempo cessata e, così, il 4 novembre 2016 la società aveva presentato al Comune la domanda di permesso a costruire per la ristrutturazione edilizia di quell’area, con parziale cambio di destinazione d’uso per attività commerciale, nonché rilascio di Provvedimento unico autorizzativo da destinarsi a centro commerciale di vicinato.

L’Ufficio tecnico aveva comunicato alla società il parere favorevole, ma a condizione che venisse prodotta nuova planimetria, con ampliamento delle aree standard da estendere alla restante parte di viabilità prevista nel progetto, proprio per collegare via Barletta con via Finanzieri: su queste deve essere apposto il vincolo di uso pubblico, per stabilire una maggiore utilità degli spazi indicati nel progetto iniziale. Effettivamente la società ha prodotto una nuova planimetria ottenendo il Provvedimento unico autorizzativo.
Il 15 giugno 2018 la società comunicava l’inizio di lavori relativi a tutta una serie di opere di bonifica e pulizia che hanno interessato l’intero complesso immobiliare, oltre a demolizioni di immobili in cui sorgeranno le aree standard da destinarsi ad uso pubblico.

I lavori sono stati completati il 3 agosto 2018 e, dopo le demolizioni, la de Camelis Carmine & partners dava corso a tutta una serie di pratiche catastali per la regolarizzazione in atti della corretta identificazione e stato di diritto della proprietà definitiva, con conseguente corretta individuazione delle aree a standard, vincolate ad uso pubblico.
Lo scorso 24 luglio 2019, la società proponeva proprio la cessione a titolo gratuito delle aree a standard in favore del Comune di Trani. Per quanto riguarda il centro commerciale di vicinato, si estenderà per comprensivi 12.000 metri quadrati, di cui 1.000 per area verde, 3.000 per coperture e 8.000 di bacino scolante. L’autorizzazione avrà validità di 15 anni e riguarderà il sistema di gestione delle acque meteoriche che, dovrà essere realizzato in conformità alle norme tecniche previste.
Il centro commerciale si occuperà della vendita al dettaglio di prodotti alimentari ed altra merce. Diversi edifici saranno oggetto di recupero edilizio e destinati ad attività di impresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie