Domenica 20 Ottobre 2019 | 15:55

NEWS DALLA SEZIONE

Alla stazione
Trani, indagini su denuncia 12enne: «Molestata da un anziano»

Trani, indagini su denuncia 12enne: «Molestata da un anziano»

 
L'incidente
Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

 
Il caso
Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

 
L'inchiesta
Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

 
La viabilità in centro
Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

 
Danza
«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

 
nel nordbarese
Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

 
l'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
Nel Nordbarese
Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

L'indagine a Lecce

Giustizia svenduta a Trani, Savasta: «Io abbandonato da tutti»

L'ex giudice: «ho perso la famiglia, ma sulle tangenti ho detto la verità»

Ex pm Trani arrestato: «Savasta insabbiò l'indagine su Giancaspro»

TRANI - «Inizialmente ho cercato di arrampicarmi sugli specchi e difendermi, ma io a questo punto ho perso tutto, ho perso la famiglia, ho perso tutto, almeno la dignità lasciatemela, la dignità è dire le cose come stanno». Se il processo penale è anche catarsi, le parole di Antonio Savasta davanti al gip di Lecce sono il punto di arrivo del percorso dell’ex pm: quasi 24 ore (non consecutive) sotto il fuoco di fila delle domande di accusa e difesa, per arrivare al termine dell’incidente probatorio sulla giustizia svenduta nel Tribunale di Trani. Un processo in cui Savasta ha ammesso di essersi fatto corrompere. «Ora - ha detto - mi sento liberato».

La fatidica domanda («Lei ha detto tutta la verità?») gliela ha fatta il gip, Giovanni Gallo. «Io - è lo sfogo di Savasta, che dopo l’arresto aveva tentato di ridimensionare le accuse - ho detto tutta la verità, purtroppo - è vero - è stata sofferta, perché, come è stato detto, io non ho più una famiglia, ho perso mia moglie, ho perso mio figlio, non vedo più nessuno, vivo come un cane, senza un euro, mantenuto dalla mia famiglia, i miei fratelli che mi mantengono, ho perso tutto, ma almeno la dignità di dire le cose come stanno! Non bisogna avere la vergogna di dirlo, ormai questo è il fatto, doveva succedere ed è successo. Ho detto le cose che so. Le cose che non so, fino alla morte non le confermerò, non sarò disponibile a dire né una parola di più né una parola di meno».

Anche l’ex pm, destituito dal Csm per la vicenda della masseria di Bisceglie, prova ad accreditarsi come una vittima dell’ex gip Michele Nardi, come lui al centro dell’indagine di Lecce ma sempre in silenzio dal giorno di gennaio in cui è finito in carcere: ha accettato di assecondare le richieste di Nardi affinché intervenisse in favore dell’imprenditore Flavio D’Introno - questa la linea di Savasta - sperando che Nardi lo aiutasse a uscire dai guai in cui si era cacciato con il Csm. «È una vita che sto vivendo sempre con questa paura di essere condannato, di finire male, e di difendere posizioni che poi a un certo punto diventano anche un fardello. Anche questo fatto di subire i processi mi ha portato a prendere una strada sbagliata. Avessi accettato la situazione iniziale, tra il 2011 e il 2012, non starei qua, me ne fossi andato via probabilmente non avrei ceduto alle richieste di Nardi, quindi di farmi tutelare, secondo le mie aspettative, in sedi disciplinari, perché bastava semplicemente andarmene, mi tenevo le mie condanne, le mie censure, le mie cose, e tutto quanto si sarebbe risolto, non avrei fatto queste cose e me ne sarei andato via da Trani, c’era l’occasione». Savasta è accusato di aver intascato centinaia di migliaia di euro, ma ha ammesso di averne avuti 120mila: non che un euro in più o in meno faccia differenza. «Avevo una situazione particolare e non ho avuto il coraggio di tagliare e di cambiare vita, e ho pensato che attraverso il discorso di salvarmi dai disciplinari, di tentare il tutto e il possibile, io mi sarei salvato da questa cosa. Invece mi sono incartato ancora di più». E così si è trasformato nell’accusatore di Nardi (la Procura di Lecce lo ritiene il capo dell’associazione per delinquere che truccava i processi) e dell’altro ex pm Luigi Scimè. «Mi dispiace anche di aver coinvolto dei colleghi, perché io sto soffrendo di questa cosa. Però purtroppo se devo dire la verità la devo dire». Le versioni emerse nell’incidente probatorio, però, non coincidono. Ora saranno i giudici a stabilire chi ha detto il vero, e chi merita di essere condannato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie