Venerdì 05 Giugno 2020 | 19:10

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Il nuovo presidio ospedaliero
sarà realizzato in zona Macchie di rosa

Andria, un altro passo in avanti per la realizzazione del nuovo ospedale

 
Solidarietà
Barletta, l'imprenditore Crescente dona 21mila euro alla Asl Bt con l'iniziativa «uscirne si può»

Barletta, imprenditore batte il Covid 19 e dona all'Asl Bat 21mila euro

 
l'agguato
Trinitapoli, omicidio in via dei Mulini: 43enne freddato da colpi di pistola

Trinitapoli, ucciso con 3 colpi di pistola in pieno volto: forse guerra tra clan

 
dopo il lockdown
Bisceglie, appello ai turisti: «venite qui in vacanza»

Bisceglie, l'appello ai turisti: «Venite qui in vacanza»

 
nella bat
Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

 
Nel Nord Barese
Trani porto

Trani, stop alla movida irresponsabile

 
Il caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
la scoperta della GdF
Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaEdilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
Brindisiterapia Covid
Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

 
LecceCoronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Potenzafase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

 
BariI dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Tarantomobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 

i più letti

Il caso

Giustizia svenduta, D’Introno fiume in piena: «Ho pagato anche Scimè»

Lecce, domani prosegue l’interrogatorio di D’Introno: «Fui io a presentare a Nardi l’imprenditore Tarantini»

Giustizia svenduta, Savasta: «ho dato 10mila euro a Scimè»

BARI - Non solo l’ex pm Antonio Savasta e l’ex gip Michele Nardi. Flavio D’Introno ha ribadito che anche l’altro pm di Trani, Luigi Scimè (oggi in corte d’appello a Salerno) sarebbe stato pagato per intervenire sui suoi procedimenti penali. L’imprenditore di Corato, che domani pomeriggio continuerà a rispondere alle domande dei pm nell’incidente probatorio davanti al gip di Lecce, Giovanni Gallo, ha confermato tutte le accuse: un milione e mezzo a Nardi (che per questo è in carcere a Taranto), almeno 500 mila euro a Savasta (ai domiciliari a Barletta), circa 75mila euro a Scimè consegnati sia direttamente sia attraverso i primi due.
Il dato era già emerso attraverso gli interrogatori di D’Introno, quelli che la Procura di Lecce ha inteso cristalizzare attraverso l’incidente probatorio. L’imprenditore di Corato ha depositato un lungo memoriale che riassume il senso delle numerose dichiarazioni, memoriale che presumibilmente sarà al centro del controesame da parte dei difensori degli altri indagati.
Scimè avrebbe ricevuto 30mila euro per chiedere l’archiviazione di una parte delle accuse di usura contestate a D’Introno nel processo «Fenerator» (poi concluso con una condanna definitiva in Cassazione), altri 30mila euro per far archiviare due procedimenti relativi agli attentati incendiari contro le ville della moglie dell’imprenditore (che ha così potuto incassare il risarcimento dell’assicurazione), e infine 15mila euro per chiedere il rinvio a giudizio di una delle testimoni del processo «Fenerator». Anche in questo caso, la questione verte sulle modalità di consegna dei soldi: D’Introno ha raccontato di aver pagato Scimè direttamente nel corso di un incontro a Milano, e di aver saputo che altro denaro gli sarebbe stato consegnato in altre occasioni da Savasta e da Nardi. Accuse che l’ex pm, unico tra i magistrati coinvolti a essere indagato a piede libero, ha fermamente respinto.

Nel memoriale di D’Introno si parla anche della stangata all’imprenditore Paolo Tarantini, che a sua volta ha dichiarato di aver pagato 400mila euro per far bloccare una (falsa) indagine per reati fiscali. D’Introno sarebbe infatti stato il «gancio» tra Tarantini, titolare di una agenzia di viaggi a Corato, e Nardi, cui avrebbe chiesto la cortesia di interessarsi al problema dell’indagine. Ma attraverso Tarantini, come già era emerso, D’Introno avrebbe comprato (e pagato) i biglietti per tutti i viaggi effettuati nel tempo da Nardi e Savasta, oltre che da loro parenti e amici. E sempre a proposito di Nardi, D’Introno ha raccontato dei suoi rapporti con il Vaticano: «Aveva un conto allo Ior ed era molto preoccupato della possibilità che i soldi potessero sparire. Lo aveva aperto dopo aver condotto una indagine sul Vaticano», ha spiegato l’imprenditore riferendosi all’attività di pm presso la Procura di Roma, quella che Nardi svolgeva al momento dell’arresto il 14 gennaio scorso.
L’inchiesta di Lecce sulla giustizia truccata nel Tribunale di Trani conta al momento una ventina di indagati, e ipotizza tra l’altro le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e al falso, oltre a vari episodi di millantato credito, minacce ed estorsione. L’ipotesi è che, in cambio di soldi, alcuni magistrati fossero disponibili ad addomesticare fascicoli o a crearne alcuni per screditare testimoni. L’incidente probatorio chiesto dal procuratore Leonardo Leone de Castris e dalla pm Roberta Licci proseguirà con gli interrogatori di Savasta e del poliziotto Vincenzo Di Chiaro, anche lui finito in carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie