Lunedì 27 Maggio 2019 | 00:06

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Il caso

Giustizia svenduta, D’Introno fiume in piena: «Ho pagato anche Scimè»

Lecce, domani prosegue l’interrogatorio di D’Introno: «Fui io a presentare a Nardi l’imprenditore Tarantini»

Giustizia svenduta, Savasta: «ho dato 10mila euro a Scimè»

BARI - Non solo l’ex pm Antonio Savasta e l’ex gip Michele Nardi. Flavio D’Introno ha ribadito che anche l’altro pm di Trani, Luigi Scimè (oggi in corte d’appello a Salerno) sarebbe stato pagato per intervenire sui suoi procedimenti penali. L’imprenditore di Corato, che domani pomeriggio continuerà a rispondere alle domande dei pm nell’incidente probatorio davanti al gip di Lecce, Giovanni Gallo, ha confermato tutte le accuse: un milione e mezzo a Nardi (che per questo è in carcere a Taranto), almeno 500 mila euro a Savasta (ai domiciliari a Barletta), circa 75mila euro a Scimè consegnati sia direttamente sia attraverso i primi due.
Il dato era già emerso attraverso gli interrogatori di D’Introno, quelli che la Procura di Lecce ha inteso cristalizzare attraverso l’incidente probatorio. L’imprenditore di Corato ha depositato un lungo memoriale che riassume il senso delle numerose dichiarazioni, memoriale che presumibilmente sarà al centro del controesame da parte dei difensori degli altri indagati.
Scimè avrebbe ricevuto 30mila euro per chiedere l’archiviazione di una parte delle accuse di usura contestate a D’Introno nel processo «Fenerator» (poi concluso con una condanna definitiva in Cassazione), altri 30mila euro per far archiviare due procedimenti relativi agli attentati incendiari contro le ville della moglie dell’imprenditore (che ha così potuto incassare il risarcimento dell’assicurazione), e infine 15mila euro per chiedere il rinvio a giudizio di una delle testimoni del processo «Fenerator». Anche in questo caso, la questione verte sulle modalità di consegna dei soldi: D’Introno ha raccontato di aver pagato Scimè direttamente nel corso di un incontro a Milano, e di aver saputo che altro denaro gli sarebbe stato consegnato in altre occasioni da Savasta e da Nardi. Accuse che l’ex pm, unico tra i magistrati coinvolti a essere indagato a piede libero, ha fermamente respinto.

Nel memoriale di D’Introno si parla anche della stangata all’imprenditore Paolo Tarantini, che a sua volta ha dichiarato di aver pagato 400mila euro per far bloccare una (falsa) indagine per reati fiscali. D’Introno sarebbe infatti stato il «gancio» tra Tarantini, titolare di una agenzia di viaggi a Corato, e Nardi, cui avrebbe chiesto la cortesia di interessarsi al problema dell’indagine. Ma attraverso Tarantini, come già era emerso, D’Introno avrebbe comprato (e pagato) i biglietti per tutti i viaggi effettuati nel tempo da Nardi e Savasta, oltre che da loro parenti e amici. E sempre a proposito di Nardi, D’Introno ha raccontato dei suoi rapporti con il Vaticano: «Aveva un conto allo Ior ed era molto preoccupato della possibilità che i soldi potessero sparire. Lo aveva aperto dopo aver condotto una indagine sul Vaticano», ha spiegato l’imprenditore riferendosi all’attività di pm presso la Procura di Roma, quella che Nardi svolgeva al momento dell’arresto il 14 gennaio scorso.
L’inchiesta di Lecce sulla giustizia truccata nel Tribunale di Trani conta al momento una ventina di indagati, e ipotizza tra l’altro le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e al falso, oltre a vari episodi di millantato credito, minacce ed estorsione. L’ipotesi è che, in cambio di soldi, alcuni magistrati fossero disponibili ad addomesticare fascicoli o a crearne alcuni per screditare testimoni. L’incidente probatorio chiesto dal procuratore Leonardo Leone de Castris e dalla pm Roberta Licci proseguirà con gli interrogatori di Savasta e del poliziotto Vincenzo Di Chiaro, anche lui finito in carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400