Sabato 23 Marzo 2019 | 15:31

NEWS DALLA SEZIONE

Parla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
Il caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
Analisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 
Il caso
Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

 
Operazione della Polizia
Barletta, 4 baby spacciatori in zona del Castello. In manette anche 25enne

Barletta, 4 baby spacciatori in zona del Castello. In manette anche 25enne

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaUn 72enne
Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

 
BariI fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
LecceA san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 
TarantoDivieto di avvicinamento
Taranto, aggredisce la sorella perché geloso del fidanzato

Taranto, aggredisce la sorella perché geloso del fidanzato

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
MateraPer porto d'armi bianche
Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 

La protesta

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Contro i tagli alla sanità, gli abitanti chiedono di non essere sballottati fra i vari ospedali delle altre città

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Contro i agli alla sanità, ma soprattutto per il diritto alla salute, chiedono che sia ripristinato all’ ex ospedale almeno un Pronto Soccorso degno di questo nome. Senza essere sballotto lati da un ospedale all’altro di altre città, con altre code, altri codici, altre attese, non proprio salvifiche. “Domenica mattina, 17 febbraio, non state dietro le tastiere: per chiedere un Pronto Soccorso efficiente per la nostra città venite tutti alle 10 in piazza Plebiscito”: dopo aver registrato, raccontato o anche assistito ad una serie di episodi relativi a presunti problemi nelle prestazioni sanitarie ricevute da alcuni cittadini/utenti/pazienti di Trani, che si sono affidati ai servizi resi nel Punto di promo intervento cittadino, si sono “incontrati” incontrati dapprima nella rete (su Tranispia facebook) e poi si sono organizzati dandosi appuntamento dal vivo. Sono stati ricevuti per un colloquio con il sindaco Amedeo Bottaro e questa mattina si ritroveranno in piazza Plebiscito, insieme al Primo cittadino.
Loro sono Tonino, Giulia, Wanda, Gaetano, Lucia, e altri e altri ancora, nomi e volti della gente comune, manifesterà per la difesa del Pronto soccorso dell'ex ospedale San Nicola Pellegrino. Come abbiamo detto, nei giorni scorsi hanno anche incontrato il Sindaco: “L'incontro - fa sapere Bottaro -, durato oltre un'ora, ha permesso ai cittadini di testimoniarmi la preoccupazione per i recenti processi di trasformazione del nostro Presidio territoriale di assistenza. Ho dato la mia totale disponibilità a partecipare alla loro riunione pubblica”.


Non sarà presente,al contrario di quanto annunciato da Bottaro, il consigliere regionale Mimmo Santorsola: “Mi sono più volte dichiarato disponibile ad incontrare singoli cittadini o rappresentati di associazioni e partiti politici per discutere su temi di interesse pubblico. La sorte dell’ospedale di Trani è sicuramente un argomento interessante, tanto da meritare una conferenza stampa congiunta tra rappresentanti istituzionali quali Comune, Asl e regione. Tale incontro è stato calendarizzato entro il mese di febbraio per fornire alla comunità informazioni utili ad una valutazione complessiva. Ritengo, però, che l’offerta sanitaria sul territorio tranese nella sua interezza,  piuttosto che il solo pronto soccorso, meriti una attenzione maggiore ed una partecipazione più capillare da parte della comunità. Pertanto, rinnovando la mia disponibilità ad incontrare “ad horas” i promotori di questa manifestazione , chiedo al Sindaco Bottaro di rinviare ad un momento più corale e più rappresentativo l’incontro con la cittadinanza che, se fatto domani, potrebbe essere solo a vantaggio di pochi”.


Il gruppo di cittadini, in ogni caso, sarà questa mattina alle 10, dinanzi alla villa comunale. Chiedono uno scatto di orgoglio a tutti: “Manifesteremo – dicono - affinché la nostra voce possa arrivare alle istituzioni. Perché il diritto alla salute è un diritto di tutti. Il Pronto Soccorso non è un reparto qualunque, è un servizio dedicato all'emergenza, deve essere attivo 24 ore su 24, perché deve essere alla portata di qualsiasi cittadino,che per qualsiasi causa, ne ha bisogno. Non dovete pensare ad oggi che state bene, ma a domani, che potreste averne bisogno. Ma potrebbe essere troppo tardi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400