Lunedì 27 Maggio 2019 | 01:54

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Provvedimento del Questore

Barletta, chiusa discoteca per 15 giorni: «Gestore non segnalò litigi»

Due gli episodi all'origine del provvedimento, tra cui lo scontro tra Alessandro Cacciatore e uno dei figli di Ruggiero Lattanzio, quest'ultimo ucciso dal primo il 15 gennaio

La Polizia ha chiuso ha sospeso la licenza per 15 giorni di una nota discoteca di Barletta dopo alcuni episodi che si sono verificati tra novembre e la notte di fine anno. Il provvedimento, emesso dal questore Carmine Esposito, è motivato da esigenze di sicurezza pubblica per alcuni fatti avvenuti nel locale.

Il primo si è verificato lo scorso novembre, quando un cliente è stato aggredito e colpito con un bicchiere al volto riportando un trauma cranico con ampia ferita lacero contusa frontale. Il secondo episodio, avvenuto la notte di Capodanno, riguarda un violento litigio tra Alessandro Cacciatore ed uno dei figli di Ruggiero Lattanzio, alias “Rino non lo so”, assassinato il 15 Gennaio proprio dal Cacciatore che temeva una ritorsione da parte di quest'ultimo.

In entrambi gli episodi, né il gestore dell’attività né il personale impiegato nei servizi di sicurezza avevano allertato le Forze dell’Ordine, consentendo che tali circostanze potessero sfociare in più gravi situazioni pregiudizievoli per l’ordine e la sicurezza pubblica attesa, peraltro, la notevole affluenza di avventori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400