Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:52

NEWS DALLA SEZIONE

Davanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
Sanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 
giustizia
Trani, il Csm conferma: per procuratore Di Maio investitura bis

Trani, il Csm conferma procuratore Di Maio 

 
L'operazione della Gdf
Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo

Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo VD

 
Trend positivo nella BAT
Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

 
La manifestazione
Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

 
Sport
Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio Puttilli

Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio

 
L'operazione della polizia
Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

 
Dai Cc
Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

 
Il provvedimento
Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

 
Colti in flagrante
Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Agricoltura beffata

Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

Il canale è rotto, incuria dell'Ente regionale irrigazione

Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

La diga Capaciotti, per via del massimo livello raggiunto, continua a scaricare a mare acqua preziosa per i campi della zona di Loconia.
Tanta perdita di acqua utile all’agricoltura per il solo motivo che non sono stati eseguiti ancora gli attesi interventi al canale di adduzione alla diga del Locone da parte del Consorzio Terre D’Apulia.


Sull’accaduto interviene il consigliere comunale del “Gruppo misto”, Enzo Princigalli: “Mentre ci occupiamo di orsacchiotti, la diga Capaciotti, che ha raggiunto i 48 milioni di metri cubi di acqua, ha già sperperato da ottobre 8.640.000 mc. di acqua e sta continuando a scaricare a mare, dal “troppo pieno” acqua preziosa al ritmo di un metro cubo al secondo. Acqua che avrebbe dovuto raggiungere la diga del Locone e che invece va dispersa perché non si provvede ad effettuare le necessarie riparazioni al canale di adduzione. Si tratta di un fatto scandaloso verificato l’altra mattina in compagnia di agricoltori preoccupati, per le ricadute sulle necessità irrigue dei terreni serviti dal Consorzio Terre D’Apulia, dello sperpero di acqua che in questi mesi avrebbe potuto rimpinguare la diga del Locone anziché essere gettata in mare. L’incuria genera anche nell’immediato un danno patrimoniale evidente giacché la scarsa quantità di acqua non consente l’attivazione della centrale idroelettrica che insiste sulla diga del Locone con ulteriore aggravio della nota condizione economica fallimentare del Consorzio. Mi sto quindi attivando affinché vengano tutelate le risorse idriche e con esse la nostra agricoltura”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400