Lunedì 27 Maggio 2019 | 01:43

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Agricoltura beffata

Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

Il canale è rotto, incuria dell'Ente regionale irrigazione

Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

La diga Capaciotti, per via del massimo livello raggiunto, continua a scaricare a mare acqua preziosa per i campi della zona di Loconia.
Tanta perdita di acqua utile all’agricoltura per il solo motivo che non sono stati eseguiti ancora gli attesi interventi al canale di adduzione alla diga del Locone da parte del Consorzio Terre D’Apulia.


Sull’accaduto interviene il consigliere comunale del “Gruppo misto”, Enzo Princigalli: “Mentre ci occupiamo di orsacchiotti, la diga Capaciotti, che ha raggiunto i 48 milioni di metri cubi di acqua, ha già sperperato da ottobre 8.640.000 mc. di acqua e sta continuando a scaricare a mare, dal “troppo pieno” acqua preziosa al ritmo di un metro cubo al secondo. Acqua che avrebbe dovuto raggiungere la diga del Locone e che invece va dispersa perché non si provvede ad effettuare le necessarie riparazioni al canale di adduzione. Si tratta di un fatto scandaloso verificato l’altra mattina in compagnia di agricoltori preoccupati, per le ricadute sulle necessità irrigue dei terreni serviti dal Consorzio Terre D’Apulia, dello sperpero di acqua che in questi mesi avrebbe potuto rimpinguare la diga del Locone anziché essere gettata in mare. L’incuria genera anche nell’immediato un danno patrimoniale evidente giacché la scarsa quantità di acqua non consente l’attivazione della centrale idroelettrica che insiste sulla diga del Locone con ulteriore aggravio della nota condizione economica fallimentare del Consorzio. Mi sto quindi attivando affinché vengano tutelate le risorse idriche e con esse la nostra agricoltura”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400