Venerdì 18 Gennaio 2019 | 18:39

NEWS DALLA SEZIONE

Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi e diamanti. 
Imprenditore: così pagai milioni

 
Dalla Regione
Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

 
Ambiente
Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

 
Monitoraggio Caritas
Trani, padri separati non arrivano a fine mese

Trani, padri separati non arrivano a fine mese

 
Sulla SS16 bis
Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

 
A Barletta
Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

 
Dal 14 gennaio
Andria, parte il servizio mensa a scuola ma fra tante polemiche

Andria, parte il servizio mensa a scuola ma fra tante polemiche

 
Tragedia sfiorata
Barletta, operatore Barsa ferito dal lancio di un petardo

Barletta, operatore Barsa ferito dal lancio di un petardo

 
Esposto in Procura
Andria, in ospedale per intervento di routine: muore una 60enne

Andria, in ospedale per intervento di routine: muore una 60enne

 
Operazione della Polizia
Barletta, preso trafficante di droga: in auto un chilo di cocaina pura

Barletta, preso trafficante di droga: in auto un chilo di cocaina pura

 
All'ospedale Dimiccoli
Barletta, la Befana arriva nel reparto di Pediatria

Barletta, la Befana arriva nel reparto di Pediatria

 

A Barletta

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Rosa Distaso, suocera di Giovanni, gli donò un rene per il trapianto, avvenuto due decenni fa

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Compie 20 anni il coraggioso gesto d’amore e di bontà di una suocera che, attraverso la donazione di un rene, salvò la vita di suo genero. Un compleanno che non passa inosservato tra coloro che a livello istituzionale, socio-sanitario a associativo danno il loro contributo a sostegno dei trapiantati e della diffusione delle donazioni degli organi.
Domani, venerdì 11 gennaio, alle ore 11.30, presso la sede dell’Associazione Trapiantati Alba, sita nella ex cappella del vecchio ospedale, saranno in tanti a celebrare il generoso gesto della signora Rosa Distaso, a conforto della bontà di una procedura chirurgica al quale il Centro Nazionale Trapianti sta dando maggiore impulso.


La signora Rosa è stata una pioniera nel territorio provinciale con un gesto che porta alla ribalta l’importanza e la qualità del trapianto da vivente, il quale farebbe fronte alla cronica penuria di organi, nonostante l’incessante opera dell’Aido e delle associazioni impegnate quotidianamente nel diffondere nella collettività una maggiore sensibilità alle tematiche della donazione. Il trapianto di rene da donatore vivente, offre dei vantaggi rispetto al trapianto da donatore deceduto, rappresentati da una migliore sopravvivenza del paziente e del rene trapiantato e dalla possibilità di programmare l’intervento, riducendo il tempo di attesa in dialisi o evitandolo del tutto, con un conseguente risparmio non indifferente in termini di costi per il sistema sanitario nazionale. Il trapianto di Giovanni, eseguito dall’equipe del prof. Pasquale Berlocco del Policlinico “Umberto I” di Roma, è stato, tra quelli da donatore vivente, uno dei più longevi nella provincia, ma per il suo epilogo ci sono voluti due lustri.


Aveva 17 anni quando, allora teenager, gli viene diagnosticata una glomerulonefrite membrano-proliferativa di tipo 1, che lo porta inevitabilmente a sostenere complessivamente un iter diagnostico e dialittico durato dieci anni, intervallato da un precedente trapianto che, purtroppo, ebbe dopo tre anni un rigetto cronico che lo portò alla perdita dell’organo, con la conseguente ripresa del trattamento emodialittico. Con il passare dei mesi le sue condizioni peggioravano inesorabilmente e, come un arcobaleno dopo un temporale, arriva la coraggiosa decisione della signora Rosa di sottoporsi ai numerosi controlli ed esami per il successivo trapianto. Sono stati anni intensi per Giovanni che ogni giorno sorride alla nuova vita donatagli dalla sua “seconda” madre, consapevole anche che il mantenimento del rene passa anche attraverso il rispetto del periodico follow-up che puntualmente esegue presso la Nefrologia di Barletta del dott. Salvatore Di Paolo e il Policlinico Umberto I di Roma, dove viene sottoposto ad indagini immunologiche al fine di prevenire nuovi episodi di rigetto. Per celebrare questo traguardo il presidente dell’Associazione Alba, Amelio Paparella, consegnerà una targa ricordo alla signora Rosa per il nobile gesto di altruismo in barba al luogo comune tipicamente mediterraneo che vuole che le suocere e i generi non vadano spesso d’accordo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400