Martedì 20 Agosto 2019 | 13:51

NEWS DALLA SEZIONE

L'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
Il furto
Barletta, ruba monete dalla cassetta delle offerte: arrestato

Barletta, ruba monete in chiesa dalla cassetta delle offerte: arrestato

 
Cervelli in fuga
Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

 
In Sicilia
Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

 
L'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
I numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
L'aggressione
«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

 
Nel nordbarese
Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

 
Denunciata una terza persona
Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

 
La tragedia
Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BariNodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 
TarantoSequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
FoggiaL'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
LecceA Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

A Barletta

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Rosa Distaso, suocera di Giovanni, gli donò un rene per il trapianto, avvenuto due decenni fa

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Compie 20 anni il coraggioso gesto d’amore e di bontà di una suocera che, attraverso la donazione di un rene, salvò la vita di suo genero. Un compleanno che non passa inosservato tra coloro che a livello istituzionale, socio-sanitario a associativo danno il loro contributo a sostegno dei trapiantati e della diffusione delle donazioni degli organi.
Domani, venerdì 11 gennaio, alle ore 11.30, presso la sede dell’Associazione Trapiantati Alba, sita nella ex cappella del vecchio ospedale, saranno in tanti a celebrare il generoso gesto della signora Rosa Distaso, a conforto della bontà di una procedura chirurgica al quale il Centro Nazionale Trapianti sta dando maggiore impulso.


La signora Rosa è stata una pioniera nel territorio provinciale con un gesto che porta alla ribalta l’importanza e la qualità del trapianto da vivente, il quale farebbe fronte alla cronica penuria di organi, nonostante l’incessante opera dell’Aido e delle associazioni impegnate quotidianamente nel diffondere nella collettività una maggiore sensibilità alle tematiche della donazione. Il trapianto di rene da donatore vivente, offre dei vantaggi rispetto al trapianto da donatore deceduto, rappresentati da una migliore sopravvivenza del paziente e del rene trapiantato e dalla possibilità di programmare l’intervento, riducendo il tempo di attesa in dialisi o evitandolo del tutto, con un conseguente risparmio non indifferente in termini di costi per il sistema sanitario nazionale. Il trapianto di Giovanni, eseguito dall’equipe del prof. Pasquale Berlocco del Policlinico “Umberto I” di Roma, è stato, tra quelli da donatore vivente, uno dei più longevi nella provincia, ma per il suo epilogo ci sono voluti due lustri.


Aveva 17 anni quando, allora teenager, gli viene diagnosticata una glomerulonefrite membrano-proliferativa di tipo 1, che lo porta inevitabilmente a sostenere complessivamente un iter diagnostico e dialittico durato dieci anni, intervallato da un precedente trapianto che, purtroppo, ebbe dopo tre anni un rigetto cronico che lo portò alla perdita dell’organo, con la conseguente ripresa del trattamento emodialittico. Con il passare dei mesi le sue condizioni peggioravano inesorabilmente e, come un arcobaleno dopo un temporale, arriva la coraggiosa decisione della signora Rosa di sottoporsi ai numerosi controlli ed esami per il successivo trapianto. Sono stati anni intensi per Giovanni che ogni giorno sorride alla nuova vita donatagli dalla sua “seconda” madre, consapevole anche che il mantenimento del rene passa anche attraverso il rispetto del periodico follow-up che puntualmente esegue presso la Nefrologia di Barletta del dott. Salvatore Di Paolo e il Policlinico Umberto I di Roma, dove viene sottoposto ad indagini immunologiche al fine di prevenire nuovi episodi di rigetto. Per celebrare questo traguardo il presidente dell’Associazione Alba, Amelio Paparella, consegnerà una targa ricordo alla signora Rosa per il nobile gesto di altruismo in barba al luogo comune tipicamente mediterraneo che vuole che le suocere e i generi non vadano spesso d’accordo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie