Venerdì 26 Aprile 2019 | 07:55

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Di una catena tedesca

Trani, ex industria marmi diventa centro commerciale

Si vuole riqualificare il capannone

Trani, ex industria marmi diventa centro commerciale

Un piccolo centro commerciale sulle ceneri di una famosissima industria del marmo: è la fotografia dei tempi che cambiamo e dell’economia cittadina che evidentemente si rinnova. Come già avvenuto per numerosi capannoni industriali (che in fila uno accanto all’altro, su quella stessa strada, fino agli anni 70 davano fulgore all’economia dell’industria della pietra e a tutto il suo indotto, fino alla crisi impietosa e alle chiusure definitive) che oggi sono stati riconvertiti e sono diventati sede di altro tipo di attività commerciale, in quella che viene comunemente ancora chiamata “la zona industriale” di via Barletta molto probabilmente sorgerà un nuovo centro commerciale, pare legato ad una catena di supermercati monomarca di nazionalità tedesca.


Lo si evince dalla determina dirigenziale n. 1109 del 22 novembre scorso (VI settore ambiente e rifiuti provincia Bat) pubblicata sull’albo pretorio dell’ente, con la quale viene rilasciata l’Autorizzazione Unica Ambientale relativa all’insediamento destinato ad attività commerciale e vendita al dettaglio ubicato nel Comune di Trani in via Barletta strada statale 16 n.56, richiesta nei mesi scorsi dalla società De Camelis Carmine & Partners snc.
Dalle informazioni “ricavabili dalla documentazione tecnica depositata in atti” si evince che nell’insediamento “che la società proponente intende riqualificare e destinare allo svolgimento delle attività di commercializzazione e di vendita al dettaglio di prodotti alimentari e altro, sono presenti edifici che saranno oggetto di recupero edilizio e che saranno destinati alle attività d’impresa, nonché un’area scoperta che sarà rifunzionalizzata e destinata in parte ad area parcheggio, in parte ad area carrabile e pedonale, lasciando uno spazio a verde attrezzato. L’insediamento si estende per complessivi 12.360 mq così ripartiti: 1.023 mq aree a verde; 3.074 coperture; 8.138,00 mq bacino scolante”.


Si tratterebbe dunque di un centro commerciale nella zona nord della città: le autorizzazioni regolarmente richieste alla Provincia, e regolarmente ottenute dai proprietari del sito, hanno permesso ai tecnici dell’ente provinciale di evidenziare a livello comunale alcune problematiche di carattere ambientale: nella determina si legge infatti che “l’inerzia dell’Amministrazione comunale all’adeguamento della rete pluviale ai requisiti previsti dal RR n.26/2013, sta generando un ricorso sempre più frequente allo scarico delle acque meteoriche di dilavamento negli strati superficiali del sottosuolo, con aggravi irragionevoli a carico di soggetti privati, determinando parimenti una maggiore pressione antropica sull’uso della matrice suolo, quale recapito delle acque meteoriche di dilavamento”.
Della stessa questione se ne era occupata la Cna Bat nei giorni scorsi, denunciando appunto la mancanza di questo tipo di adeguamento comunale per le reti fognanti, e non solo nella zona industriale, cosa che ricade tra l’altro sulle tasche dei privati che devono necessariamente dotarsi di un sistema di gestione delle acque meteoriche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400