Martedì 23 Aprile 2019 | 05:54

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

A Margherita di Savoia

Fabbro sparato e abbandonato davanti a ospedale, fermo convalidato al 34enne

L'uomo, Ruggero Leone, si è costituito giorni fa perché sapeva di essere ricercato

carabinieri

E’ stato convalidato il fermo per Ruggiero Leone, il pregiudicato di 34 anni accusato del tentato omicidio di Giuseppe Sciotti, fabbro incensurato di 41 anni ferito con numerosi colpi di pistola lo scorso 14 novembre a Margherita di Savoia. L'uomo si era già costituito qualche giorno fa perché sapeva di essere ricercato. 
Attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza, poste nelle immediate vicinanze dell’officina del fabbro, i carabinieri sono riusciti a ricostruire l’intera dinamica dell’agguato avvenuto in località Isola Verde un quartiere a pochi metri dal centro cittadino.

I due avrebbero avuto prima un litigio per problemi di circolazione stradale. Poi Leone, promettendo vendetta, avrebbe incrociato in strada la vittima alla guida del proprio furgone. Leone, a quel punto, si sarebbe avvicinato al mezzo ed avrebbe esploso numerosi colpi di pistola.
Secondo chi indaga tra i due, che si conoscerebbero da tempo, c'erano già vecchi dissapori. Ruggiero Leone, sapendo di essere ricercato, ha fatto perdere le proprie tracce per alcuni giorni, per poi costituirsi martedì scorso alla polizia di Cerignola. Si cerca, ancora, l’arma del delitto. Intanto le condizioni della vittima restano ancora gravi. È sempre ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Barletta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400