Martedì 11 Dicembre 2018 | 05:08

NEWS DALLA SEZIONE

l’inchiesta
Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

 
Il caso
Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

 
La sentenza
Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

 
Spaccio di droga
Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte

Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte VIDEO

 
Il caso a Trani
Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

 
La storia
Brahima: dopo le torture in Libia, l'atleta ivoriano vince torneo di boxe a Taranto

Brahima: dopo le torture in Libia, l'atleta ivoriano vince torneo di boxe a Taranto

 
Ambiente
Trani, «La discarica? Colmiamola con inerti di cave e cantieri»

Trani, «La discarica? Colmiamola con inerti di cave e cantieri»

 
INUTILE LA FUGA
Trani, tenta una rapina in una parafarmacia: arrestato 17enne

Trani, tenta una rapina in una parafarmacia: arrestato 17enne

 
il piano di fabbisogno
Trani, assunzioni al Comune nei prossimi tre anni

Trani, assunzioni al Comune nei prossimi tre anni

 
Nella notte
Corato, bomba distrugge auto di un carabiniere, nessun ferito

Corato, bomba distrugge auto di un carabiniere. Ministro: ferma condanna

 
Il fenomeno
Sale la «febbre» da tartufo sulla Murgia Nord Barese: più tartufai

Sale la «febbre» da tartufo sulla Murgia Nord Barese: più tartufai

 

Il blitz

Da Andria a Canosa, due ladri d'auto arrestati dopo sparatoria

Si è concluso con due arresti l’inseguimento con sparatoria nei pressi dello stadio

polizia

CANOSA - Due arrestati, dei quali uno ferito, un terzo fuggito. È il bilancio dell’inseguimento con sparatoria, avviato ad Andria e concluso a Canosa nel tardo pomeriggio di lunedì scorso.
In manette sono finiti due andriesi già noti alle forze dell’ordine: il 44enne Alberto Di Bari e il 30enne Umberto Coratella.
il fattoI tre uomini viaggiavano a bordo di una potente Alfa Romeo Giulietta Quadrifoglio (240 cavalli), auto da tempo sotto osservazione da parte delle forze dell’ordine della provincia.
Questa, infatti, era la vettura alla quale sono stati associati svariati furti d’auto di grossa cilindrata nelle città di Andria, Barletta, Trani e Canosa. La Giulietta è stata intercettata ad Andria da due carabinieri fuori servizio che, senza esitazione, hanno tallonato il veicolo sospetto lungo il tratto della provinciale 231 che da Andria porta a Canosa. Appena entrati nella città ofantina, l’inseguimento è entrato nel vivo.
la sparatoriaL’Audi su cui viaggiavano i due carabinieri andriesi ha speronato e bloccato la Giulietta, nello slargo vicino allo stadio San Sabino, in zona 167. Il movimento sospetto dei tre malviventi, avrebbe indotto i militari a fare fuoco.
Arrestato sul posto Alberto Di Bari, mentre sono riusciti a fuggire gli altri due passeggeri della Alfa Romeo Giulietta. Umberto Coratella, però, è stato rintracciato nelle campagne circostanti dagli agenti del commissariato di polizia di Canosa, giunti sul posto, in supporto ai carabinieri di Andria. I due arrestati dovranno rispondere di ricettazione.
le indaginiAdesso le attenzioni degli investigatori si stanno concentrando sul terzo componente del gruppo criminale.
I controlli alla Giulietta sono durati fino alla tarda serata di lunedì. Nella vettura sono stati trovati arnesi da scasso, jammer e centraline elettroniche: tutti strumenti utilizzati per il furto delle auto.
All’interno della stessa vettura probabilmente gli investigatori hanno trovato anche un’arma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400