Giovedì 18 Aprile 2019 | 19:12

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Dopo il ritiro delle dimissioni

Barletta, Cannito resta a galla
ma la maggioranza traballa

Per sbrogliare la matassa della presidenza del Consiglio, il sindaco potrebbe affidarsi alle opposizioni e in particolare al M5S

Barletta, il primo giornodi lavoro del nuovo sindaco

Il sindaco di Barletta, Cannito

L’ipotesi di un ritorno al voto, ad appena due mesi dalle elezioni, sembra al momento scongiurata. Ma per il sindaco di Barletta Mino Cannito, eletto al primo turno con il supporto di dieci civiche, poi dimissionario e infine ritornato in sella dopo aver revocato la decisione, la strada rimane in salita.

La storia è nota: a far detonare la crisi barlettana, lo scindersi della maggioranza in occasione dell’elezione del Presidente del Consiglio Comunale con lo strappo degli otto consiglieri «scissionisti», frontalmente opposti ai dodici «lealisti» vicini al primo cittadino. La spaccatura, in realtà, non è mai rientrata ma anzi è divenuta irreversibile dopo che Cannito ha respinto la richiesta formulata dal «gruppo degli otto» che avrebbe voluto incassare due assessorati e la presidenza dell’assise da affidare a Giuseppe Losappio. Proposta rifiutata e tentativo di conciliazione tramontato. A complicare la faccenda, il sospetto, esternato alla «Gazzetta» dal consigliere dem Ruggiero Mennea che gli otto siano in realtà manovrati da un «commissario tecnico», individuato nella figura del consigliere regionale Filippo Caracciolo il quale, però, ha seccamente smentito.

Tensioni, accuse, veleni, sulla sfondo di una crisi irrisolta. Per sbrogliare la matassa della presidenza del Consiglio, Cannito potrebbe affidarsi alle opposizioni e in particolare al Movimento 5 Stelle nella persona della consigliera anziana Angela Carone (scelta preferita dalla maggioranza, il sindaco potrebbe indicarla espressamente) o del consigliere Antonio Coriolano, magari con l’appoggio del Pd che non dovrebbe mettersi di traverso. Superato lo scoglio, però, il problema resta, perché, potendo contare solo su se stesso e i dodici, Cannito avrebbe comunque bisogno di altri quattro voti per garantirsi un governo stabile. Dove reperirli? La prima opzione è la più ovvia: «scindere gli scissionisti», cioè recuperare unità dalle frange meno accese del gruppo dissidente (sue tre o quattro, pare, si possa lavorare). L’altra è quella di un governo in «seconda convocazione», come ai tempi di Cascella. «Non il massimo», si commenta a Palazzo di Città. Ma il ritorno al voto è uno spettro che fa ancora più paura. [leonardo petrocelli]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400