Sabato 29 Febbraio 2020 | 11:08

NEWS DALLA SEZIONE

a poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
a toritto (Ba)
Quasano, cc trovano 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

Quasano, 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

 
l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
a picone
Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

 
Do ut des
Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolati»

Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolari»

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La recensione
Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccea Milano
Ospedale «Sacco»: una ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Ospedale «Sacco»: ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

L'allerta per il coronavirus

Barese appena tornato da Wuhan: «ecco cosa sta succedendo in Cina»

La testimonianza di Beppe Serino da 30 anni tra le due sponde del mondo

Barese appena tornato da Wuhan: «ecco cosa sta succedendo in Cina»

Foto Ansa

BARI - La prima segnalazione del virus 2019-nCoV, per il quale l’Organizzazione mondiale della sanità non ha ancora stabilito «l’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale», è del 31 dicembre scorso a Wuhan, 11 milioni di abitanti, capoluogo della provincia di Hubei, Cina Centrale. Per quanto ci si affanni a rassicurare e a evidenziare che un’epidemia in Europa sia improbabile, i quasi nove mila chilometri di distanza da Bari si riducono in realtà a una decina di ore di viaggio in aereo. Ciascuno di noi può testimoniare di aver incontrato un barese in capo al mondo. In questo caso, in Estremo Oriente ci sono concittadini che soggiornano, lavorano, transitano periodicamente anche a Wuhan.

IL VIAGGIATORE Beppe Serino, 54 anni, si occupa di intermediazione tra aziende pugliesi e cinesi. Da quasi 30 anni fa la spola dal capoluogo pugliese alle metropoli della Repubblica Popolare. Rientrato a Bari venerdì 17 (sano e salvo, nonostante il giorno...), ha trascorso circa una settimana in Cina, passando per Wuhan e rientrando da Canton (Guǎngzhōu i locali). «Già il giorno 11, giorno della mia partenza - racconta - all’aeroporto di Fiumicino c’erano locandine del ministero della Salute per informare della diffusione di polmoniti in corso. Al momento del check-in le hostess ci hanno ribadito i rischi cui andavamo incontro, consigliandoci, qualora ci fossero stati casi sospetti, di rivolgerci alle autorità sanitarie. Io non potevo decidere di rinunciare, avevo appuntamenti di lavoro».

IL PRECEDENTE Per il nostro... inviato in Cina non è stata la prima volta di un incontro ravvicinato con un virus pericoloso. «Ho rivissuto - ricorda - la stessa situazione del 2003 con la Sars (la sindrome acuta respiratoria grave, che condivide parte del patrimonio genetico con il nuovo coronavirus: causò 813 decessi e 8.437 contagi in una trentina di Paesi - n.d.r.). Ci sono state anche stavolta esattamente le stesse dinamiche. Nessuno ha avuto consapevolezza di quello che stava accadendo. Poi, una volta scattate l’emergenza e l’informazione capillare, tutto è cambiato, come abbiamo visto: le città sono spettrali. Ricordo che nel periodo della Sars, dato l’allarme, cambiò idea anche chi, incontrandoci in albergo con le mascherine, diceva con tranquillità: non starai esagerando? La polizia in autostrada fermava gli automobilisti per misurare con gli scanner la temperatura corporea. E tutto questo avveniva anche negli alberghi, negli aeroporti e altrove dalla mattina alla sera».

IL RITORNO Serino non tornerà in Cina almeno fino alla fine di febbraio. In questo periodo, poi, da quelle parti si ferma tutto: oggi è Capodanno. «Inizia - informa - l’anno del topo. Generalmente gli spostamenti interni sono centinaia di milioni al giorno. Immaginate cosa avviene nel periodo di festa, anche se stavolta hanno giustamente sospeso tutte le iniziative. Ma quel che è peggio è che milioni di cinesi convergono da tutti i Paesi del mondo, Italia compresa. Chi ha potuto permetterselo ha affidato la gestione dei negozi di Bari e provincia a persone di fiducia pur di tornare a casa. Non so dire se qualcuno abbia raggiunto proprio Wuhan prima dell’isolamento, ma suppongo proprio di sì. Poi dovranno pur tornare qui. Ovviamente questo può non significare nulla, del resto ci saranno controlli serratissimi. Però, la morale è che 8mila chilometri sono un’inezia per un virus ancora sconosciuto come il 2019-nCoV. Si chiama così, vero?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie