Giovedì 23 Gennaio 2020 | 20:53

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
Il primo in Italia
Virus Cina, caso sospetto a Bari: cantante rientrava da Wuhan

Virus cinese, caso sospetto a Bari: cantante rientrava da Wuhan. Prime analisi escludono coronavirus
La donna in isolamento al Policlinico

 
Il dibattito
Newco Aqp in Puglia, Amati (Pd) e Laricchia (M5s) contrari al progetto

Newco Aqp in Puglia, Amati (Pd) e Laricchia (M5s) contrari al progetto

 
La storia
Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

 
Il convegno
Bari, ok a bozza del Codice per la tutela della salute dei minori

Da Bari arriva l'ok alla bozza del Codice per la tutela della salute dei minori

 
Bari
Amtab, meno soldi per le «malattie brevi»: scoppia la guerra

Amtab, meno soldi per le «malattie brevi»: scoppia la guerra

 
nel Barese
«Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore a Bitonto, affiliato clan Cipriano in carcere

Bitonto, «Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore, in carcere affiliato clan Cipriano VD

 
nel Barese
Ruvo, caccia al cinghiale illegale nel Parco dell'Alta Murgia: denunciati in 2

Ruvo, caccia al cinghiale illegale nel Parco dell'Alta Murgia: denunciati in 2

 
nel Barese
Altamura, arrestato pusher 19enne che riforniva di droga la movida

Altamura, arrestato pusher 19enne che riforniva di droga la movida

 
nel Barese
Noicattaro, pusher in trasferta per acquistare droga: 4 arresti, sequestrati 13kg di sostanze

Noicattaro, pusher in trasferta per acquistare droga: 4 arresti, sequestrati 13kg di sostanze

 
in via Capruzzi
Bari, 6kg di marijuana nascosta fra i bagagli: arrestati 2 nigeriani

Bari, 6 kg di marijuana nascosta fra i bagagli: arrestati 2 nigeriani

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
TarantoLa decisione
Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

 
BariAmbiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
FoggiaIl procedimento
Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

la storia

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

È stato inaugurato il 4 ottobre del 1855, ma non porta il nome della Regina delle Due Sicilie

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Perché il Teatro Piccinni non si chiamò Teatro «Maria Teresa d’Asburgo, Regina delle Due Sicilie»?
13 luglio 1835, afosa sera d’estate. Tra i 250 spettatori nella Sala «del Sedile» a Piazza Mercantile, paura di crollo, fuggi fuggi e chiusura della sala.
Come dare a Bari un Teatro? Si nominò una Commissione per dove costruirlo: alla marina, al Corso, a Bari Vecchia. Non si finiva più. Tagliò corto l’Intendente Giordano Bianchi Dottula, Marchese di Montrone, che, nel novembre 1835 scrisse, «Signor Sindaco, stanco di più udire le opposte querele intorno alla scelta del sito onde elevarsi un Teatro degno della grandezza ed opulenza di questa città e persuaso che l’intrattenermi più oltre nella discussione di siffatta materia a nulla servirebbe, se non che a prolungare il cominciamento di un’opera. Io dico che questo monumento si innalzi dinnanzi al Palazzo dell’Intendenza».
Decisivo poi l’intervento del Re Ferdinando IV e nel 1854 i lavori furono conclusi.
Il Consiglio voleva intitolare il Teatro alla Regina Maria Teresa che, dal carattere riservato, non consentì.

Il Teatro fu intitolato a Niccolò Piccinni ed inaugurato, il 4 ottobre 1855.
Negli anni il «Piccinni» non ebbe vita facile. Aperto il «Petruzzelli», il «Piccinni» venne chiuso per evitare … concorrenza. Fu una brutta decisione della Amministrazione che aveva come influente Consigliere Onofrio Petruzzelli (non c’era pubblico per due Teatri …)
Il Teatro Piccinni riprese, Anni ’20, con rappresentazioni di prosa, mentre il «Petruzzelli» si veniva caratterizzando come cinema.
La gestione fu assunta da Antonio Quaranta nel 1925 insieme al genero Giuseppe Santoro.
Quaranta organizzò una Compagnia drammatica che chiamò «Città di Bari» (il primo Teatro Stabile!). Quaranta morì nel febbraio 1928 il genero Santoro continuò l’attività anche perché (si dice) non era insensibile, al fascino delle belle donne che in teatro non mancano.
Per li rami l’impresa teatrale continuò poi con Florenzo Brattelli, Alfredo Santoro, Michele Caldarola, Saverio Zuccarino. L’Impresa Santoro - Zuccarino diede nuova vita al Teatro dagli anni ’30 fino agli anni ’50, sempre con qualche difficoltà perché il pubblico era scarso.

Poi, dopo una breve parentesi gestionale dell’Ente Teatrale Italiano, nel 1959-60 cominciò la gestione del Maestro Carlo Vitale, un personaggio della vita teatrale di Bari e della Puglia, in specie nel settore del Teatro Lirico.
Al «botteghino» – centro della vita teatrale dietro il palcoscenico - Peppino Monteoliveto, bravissimo a scovare un biglietto di loggione per qualche studente in bolletta. Con lui dal 1967 appare il giovanissimo Pinuccio Scotti, poi emulo del suo «maestro».
Il Teatro rendeva poco, era aperto raramente, non più dodici spettacoli nell’anno e con scarso pubblico! Così negli anni ’60 si voleva aprirlo a proiezioni cinematografiche. Aspirazione mai concretizzata (fortunatamente!) fortemente contrastata da me con il Cut (Teatro Universitario).
Da questo anno 2019, riaperto ancora una volta, il Teatro Piccinni può star sicuro.
Almeno così sperano, in Cielo, il Re Ferdinando di Borbone e il Marchese di Montrone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie