Giovedì 13 Agosto 2020 | 07:46

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Scuola, Sasso (Lega) contro Azzolina: «Ministra ignora il caos dei precari»

Scuola, Sasso (Lega) contro Azzolina: «Ministra ignora il caos dei precari»

 
La novità
Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

 
LA GAZZETTA NEI BAR
La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

 
SANITÀ
A Ginecologia ho visto medici disperarsi

Caos calmo a Ginecologia, il Policlinico di Bari corre ai ripari

 
contagi
Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

 
l'episodio
Monopoli, guasto in ospedale: perse 400 sacche di sangue

Monopoli, guasto in ospedale: perse 400 sacche di sangue

 
SERATA CHOC
Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

 
LA DENUNCIA
Lo sfogo di una mamma per 4 parti solo 2 ostetriche

Bari, lo sfogo di una neomamma: «Per 4 parti solo 2 ostetriche»

 
La denuncia
Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

 
L'annuncio
Acquaviva delle Fonti, in due al rientro dall'estero contraggono il Coronavirus

Acquaviva delle Fonti, in due rientrati dall'estero sono positivi al Coronavirus

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoOrgoglio tarantino
Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 100 rana

Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 50 rana

 
BariIl caso
Scuola, Sasso (Lega) contro Azzolina: «Ministra ignora il caos dei precari»

Scuola, Sasso (Lega) contro Azzolina: «Ministra ignora il caos dei precari»

 
FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

la storia

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

È stato inaugurato il 4 ottobre del 1855, ma non porta il nome della Regina delle Due Sicilie

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Perché il Teatro Piccinni non si chiamò Teatro «Maria Teresa d’Asburgo, Regina delle Due Sicilie»?
13 luglio 1835, afosa sera d’estate. Tra i 250 spettatori nella Sala «del Sedile» a Piazza Mercantile, paura di crollo, fuggi fuggi e chiusura della sala.
Come dare a Bari un Teatro? Si nominò una Commissione per dove costruirlo: alla marina, al Corso, a Bari Vecchia. Non si finiva più. Tagliò corto l’Intendente Giordano Bianchi Dottula, Marchese di Montrone, che, nel novembre 1835 scrisse, «Signor Sindaco, stanco di più udire le opposte querele intorno alla scelta del sito onde elevarsi un Teatro degno della grandezza ed opulenza di questa città e persuaso che l’intrattenermi più oltre nella discussione di siffatta materia a nulla servirebbe, se non che a prolungare il cominciamento di un’opera. Io dico che questo monumento si innalzi dinnanzi al Palazzo dell’Intendenza».
Decisivo poi l’intervento del Re Ferdinando IV e nel 1854 i lavori furono conclusi.
Il Consiglio voleva intitolare il Teatro alla Regina Maria Teresa che, dal carattere riservato, non consentì.

Il Teatro fu intitolato a Niccolò Piccinni ed inaugurato, il 4 ottobre 1855.
Negli anni il «Piccinni» non ebbe vita facile. Aperto il «Petruzzelli», il «Piccinni» venne chiuso per evitare … concorrenza. Fu una brutta decisione della Amministrazione che aveva come influente Consigliere Onofrio Petruzzelli (non c’era pubblico per due Teatri …)
Il Teatro Piccinni riprese, Anni ’20, con rappresentazioni di prosa, mentre il «Petruzzelli» si veniva caratterizzando come cinema.
La gestione fu assunta da Antonio Quaranta nel 1925 insieme al genero Giuseppe Santoro.
Quaranta organizzò una Compagnia drammatica che chiamò «Città di Bari» (il primo Teatro Stabile!). Quaranta morì nel febbraio 1928 il genero Santoro continuò l’attività anche perché (si dice) non era insensibile, al fascino delle belle donne che in teatro non mancano.
Per li rami l’impresa teatrale continuò poi con Florenzo Brattelli, Alfredo Santoro, Michele Caldarola, Saverio Zuccarino. L’Impresa Santoro - Zuccarino diede nuova vita al Teatro dagli anni ’30 fino agli anni ’50, sempre con qualche difficoltà perché il pubblico era scarso.

Poi, dopo una breve parentesi gestionale dell’Ente Teatrale Italiano, nel 1959-60 cominciò la gestione del Maestro Carlo Vitale, un personaggio della vita teatrale di Bari e della Puglia, in specie nel settore del Teatro Lirico.
Al «botteghino» – centro della vita teatrale dietro il palcoscenico - Peppino Monteoliveto, bravissimo a scovare un biglietto di loggione per qualche studente in bolletta. Con lui dal 1967 appare il giovanissimo Pinuccio Scotti, poi emulo del suo «maestro».
Il Teatro rendeva poco, era aperto raramente, non più dodici spettacoli nell’anno e con scarso pubblico! Così negli anni ’60 si voleva aprirlo a proiezioni cinematografiche. Aspirazione mai concretizzata (fortunatamente!) fortemente contrastata da me con il Cut (Teatro Universitario).
Da questo anno 2019, riaperto ancora una volta, il Teatro Piccinni può star sicuro.
Almeno così sperano, in Cielo, il Re Ferdinando di Borbone e il Marchese di Montrone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie