Venerdì 14 Agosto 2020 | 22:16

NEWS DALLA SEZIONE

mobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Il fenomeno
Scomparse nel Barese 6.370 persone

Bari e provincia: in 50 anni scomparse 6370 persone, metà sono minori

 
In città
Sos prostituzione anche a Ferragosto l'aiuto dei volontari a Bari

Sos prostituzione anche a Ferragosto l'aiuto dei volontari a Bari

 
In città
Bari, uffici comunali sono in arrivo i termoscanner

Bari, termoscanner e sportello virtuale: il Comune si attrezza

 
Il giallo
Corato, morto investito dal Suv, indagati pure i due figli

Corato, morto investito da Suv, indagati pure i due figli

 
Impennata dei contagi
Bari, gli agenti di viaggio: danni incalcolabili

Bari, pioggia di disdette dopo ordinanza. Agenti di viaggio: «Danni incalcolabili»

 
a pane e pomodoro
Bari, vendono in spiaggia vestiti contraffatti: sequestrati 100 capi

Bari, vendono in spiaggia vestiti contraffatti: sequestrati 100 capi

 
Violenza domestica
Bari, botte e offese alla moglie: allontanato e denunciato

Bari, botte e offese alla moglie: allontanato e denunciato

 
La studentessa
Bari, non paga il posteggiatore e trova auto graffiata, la denuncia di Marianna è virale

Bari, non paga il posteggiatore e trova auto graffiata, la denuncia di Marianna è virale

 
LA DIRETTA
Bari, si riaccendono le luci su Parco 2 Giugno, Decaro: «Riprendiamoci i nostri spazi ma con le mascherine»

Bari, si riaccendono le luci su Parco 2 Giugno, Decaro: «Riprendiamoci i nostri spazi ma con le mascherine»

 
Il concorso
«Piccoli cuochi crescono in casa»: premiata una scuola di Alberobello

«Piccoli cuochi crescono in casa»: premiata una scuola di Alberobello

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

L'attacco

Il marittimo di Molfetta ferito in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

Grosso, a bordo della nave italiana «Remas», era stato ferito da un gruppo di pirati

Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

MOLFETTA - È di due feriti, fortunatamente non gravi, il bilancio dell'assalto alla petrolifera «Remas». Tra loro (come riportato ieri dalla Gazzetta) Vincenzo Grosso, un molfettese di 57 anni. Nei giorni scorsi, infatti, un commando di 7-8 pirati hanno assaltato nel Golfo del Messico la «Remas», una nave italiana di rifornimento per le piattaforme petrolifere offshore. I pirati sono riusciti ad affiancare l'imbarcazione lunga 75 metri e con un tonnellaggio di 2.600 tonnellate costruita nel 2011 in Turchia, con due barchini veloci e, dopo essere saliti a bordo, hanno aperto il fuoco contro l'equipaggio, derubandolo di quanto possibile prima di fuggire.

Al momento dell'assalto, sulla nave si trovavano 35 persone, compreso un ufficiale della Marina mercantile messicana, che ha poi coordinato i contatti con le autorità locali. A riportare ferite non gravi è stato il molfettese Grosso, veterano della navigazione, tra i nove marittimi italiani a bordo della petroliera recante il tricolore. L'uomo, seppur in convalescenza, ricoverato in un ospedale del posto, sta bene ed attende il nulla osta dello staff medico per poter far rientro in Italia. A far luce sullo stato di salute di Grosso, è stato direttamente suo figlio Guglielmo. «Quello che mio padre mi ha raccontato - ha affermato Guglielmo Grosso - è che lunedì notte, mentre era di guardia, sono saliti all'improvviso un gruppo di pirati. Lui ne ha visti cinque, ma non ricorda esattamente se fossero di più. Papà è stato il primo ad essere aggredito. Porta da sempre una collanina, da quando era piccolo. È un regalo dei suoi e quindi, appena uno dei pirati gliel'ha strappata dal collo - ha proseguito - ha reagito, entrando in colluttazione con uno dei malviventi. Poi però qualcuno lo ha colpito alle spalle con un oggetto contundente, non ha saputo dirmi quale. Lo hanno colpito alla testa facendolo svenire, tanto da essere necessari due punti di sutura». Choc e spavento: sono questi i due sentimenti che emergono dal racconto del figlio di Vincenzo Grosso, alle prese con una situazione apparentemente anomala e distante, ma reale e frequente nelle acque caraibiche.

Non è la prima volta che un'imbarcazione del gruppo italiano Micoperi, con sede a Ravenna, venga presa di mira da gruppi armati: dieci anni fa, l'11 aprile 2009, la «Buccaneer» venne assaltata al largo della Somalia e i 16 membri dell'equipaggio furono presi in ostaggio per 4 mesi. La liberazione avvenne il 10 agosto, dopo un lungo lavoro diplomatico. Tornando, alla seppur drammatica storia, ma dal finale lieto, di Vincenzo Grosso, va detto che non è molto dissimile a quella di altri marittimi molfettesi, che continuano a solcare i mari di tutto il mondo per sostenere le proprie famiglie. Classe 1962, Vincenzo «va per mare» dall'età di 16 anni, dopo la scuola dell'obbligo e dopo aver conseguito il tanto agognato «libretto di mare». È da quasi quarant'anni che gira il mondo. Era partito a settembre e sarebbe dovuto rientrare a Molfetta a dicembre per le festività natalizie. Dopo essere scampato all'assalto dei «pirati dei Caraibi», potrà riabbracciare i suoi cari molto prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie