Lunedì 11 Novembre 2019 | 21:30

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
nel Barese
Mola di Bari, nasce ambulatorio infermieristico: struttura intitolata al dottor Pesce, «medico dei poveri»

Mola di Bari, ambulatorio infermieristico intitolato al dottor Pesce, «medico dei poveri»

 
dalla Procura
Soldi per estrarre petrolio in Africa e America, truffato avvocato barese: indagato ingegnere

Soldi per estrarre petrolio all'estero, truffato avvocato barese: indagato ingegnere

 
nel Barese
Altamura, appartamento trasformato in bazar di droga e ordigni artigianali: 3 arresti

Altamura, appartamento trasformato in bazar di droga e ordigni artigianali: 3 arresti

 
cibo
Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

 
l'inchiesta
Bari, «Se spacci guadagni fino a 800 euro a settimana»: i clan assoldano intere famiglie

Bari, «Se spacci guadagni fino a 800 euro a settimana»: i clan assoldano intere famiglie

 
l'operazione
Bari, GdF sequestra al porto 196 carte d'identità in bianco, destinate alla criminalità albanese

Bari, GdF sequestra al porto 196 carte d'identità in bianco, destinate a criminalità albanese

 
nel Barese
Valenzano ha un nuovo sindaco: Romanazzi eletto al primo turno

Valenzano ha un nuovo sindaco: Romanazzi eletto al primo turno

 
nel Barese
Monopoli, Polizia Locale scopre auto di un imprenditore con pass disabili falso

Monopoli, Polizia Locale scopre auto di un imprenditore con pass disabili falso

 
i dati
Bari, uccisi 9 pedoni da gennaio, 600 multe per i telefoni alla guida

Bari, uccisi 6 pedoni da gennaio, 600 multe per i telefoni alla guida

 
le orme
Dinosauri? Passarono anche da Gravina

Dinosauri? Passarono anche da Gravina

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

La causa civile

Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

La perizia disposta dal tribunale sulla morte della 12enne Zaraj, uccisa da una febbre alta (44 gradi): era stata ricoverata per una frattura di femore

Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, Via Giovanni Amendola, 207, 70126 Bari, Italia

Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari

Da un lato le presunte responsabilità penali dei medici che l’hanno avuta in cura per ridurre una frattura al femore. Dall’altro, presunti «deficit organizzativi» dell’Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico di Bari rilevanti sotto il profilo civilistico. La triste vicenda di Zaraj Tatiana Coratella Gadaleta, 12 anni, barese, deceduta il 19 settembre 2017 a causa delle conseguenze di una ipertermia maligna probabilmente scatenata a seguito dell’anestesia e diagnosticata troppo tardi, si arricchisce di un nuovo tassello.

Stando alla consulenza medico-legale disposta dal Tribunale Civile di Bari nella causa per il risarcimento danni relativo alla morte della 12enne, in sala operatoria mancavano il termometro e il farmaco salvavita, quest’ultimo rimosso qualche settimana prima perché scaduto. Elementi che avrebbero contribuito ad aggravare le condizioni cliniche della ragazza, deceduta nell’ospedale Pediatrico Giovanni XXIII che dipende dal Policlinico. Nella causa civile, la mamma con le due nonne della ragazza da un lato e l’Azienda ospedaliera dall’altro sono al momento in disaccordo sulla quantificazione del danno.

I consulenti nominati dal giudice civile, più nel dettaglio, sono stati chiamati a individuare le responsabilità ai fini del risarcimento, gli «errori attivi attribuibili ai sanitari che la ebbero in cura» e gli «errori latenti attribuibili a tutti i livelli di responsabilità dell’organizzazione».

Nel procedimento penale per omicidio colposo, invece, sono indagati l’anestesista Vito De Renzo che ha chiesto il patteggiamento a 14 mesi e il primario del reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedaletto, Leonardo Milella, per il quale il Pm Bruna Manganelli sta valutando se chiedere il rinvio a giudizio. «Dall’approfondimento di tutti gli atti emergerà la correttezza dell’operato del mio assistito», fa sapere l’avvocato Angelo Loizzi, difensore del dottor Milella.

Le principali responsabilità vengono ricondotte nella consulenza tecnica d’ufficio depositata nei giorni scorsi nella causa civile alla mancata diagnosi da parte dei medici. L’alterazione di un valore (Cpk) avrebbe dovuto indurre a sospettare che si potesse trattare di ipertermia maligna. In particolare il dottor De Renzo avrebbe potuto scegliere «una tecnica anestesiologica “triggers fre” ovvero priva di agenti scatenanti» scrivono i consulenti.

Durante l’intervento poi, non fu possibile monitorare la temperatura corporea della paziente perché «erano assenti in sala operatoria sonde termometriche o altri presidi», «anche un semplice termometro funzionante». Altri valori, però, sempre nella ricostruzione dei consulenti nominati dal giudice, iniziavano ad alterarsi e quindi fu richiesto l’intervento del primario Milella, il quale inizialmente diagnosticò una tromboembolia polmonare e solo dopo tre ore l’ipertermia maligna, ad intervento ormai concluso. Il farmaco salvavita, però, non era disponibile e fu necessario andarlo materialmente a prendere nella farmacia ospedaliera. Nel frattempo la 12enne fu trasferita in terapia intensiva. Lì, con la temperatura ormai a 43,6 gradi, le fu somministrato il farmaco quando ormai era troppo tardi.

I consulenti concludono che i due medici e il Policlinico «sono tutti co-responsabili, a vario titolo, egualmente, del decesso» della ragazza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie