Sabato 14 Dicembre 2019 | 12:02

NEWS DALLA SEZIONE

donne
Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

 
falsi d'autore
Venduti migliaia di quadri falsi di Nino Caffè in tutta Italia: indagini a Bari, 23 rinviati a giudizio

Venduti migliaia di quadri falsi di Nino Caffè in tutta Italia: indagini a Bari, 23 rinviati a giudizio

 
La curiosità
Emiliano ha un sosia "storico": la somiglianza in un dipinto scovata da Sgarbi

Emiliano ha un sosia «storico»: la somiglianza in un dipinto scovata da Sgarbi

 
Concerto di Natale
Bari, la banda dell'aeronautica suona per i bimbi malati dell'Oncologico: il video

Bari, la banda dell'aeronautica suona per i bimbi malati dell'Oncologico: il video

 
Mafia
Guerra tra clan, pianificavano agguati a Bari: chieste 11 condanne

Guerra tra clan, pianificavano agguati a Bari: chieste 11 condanne

 
Al trampolino
Bari, ecco il super nonno: dopo la corsa si tuffa in mare

Bari, ecco il super nonno: dopo la corsa si tuffa in mare

 
nel barese
Corato, la fidanzata non vuole fare sesso, lui la violenta: arrestato 24enne

Corato, la fidanzata non vuole fare sesso, lui la violenta: arrestato 24enne

 
docente all'università
Bari, scomparso professore Tommaso Masiello, il cordoglio di Decaro

Bari, scomparso professore Tommaso Masiello, il cordoglio di Decaro

 
nel settembre scorso
Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo: identificati e arrestati 2 baresi

 
Stalking
Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, parla storico mister Salvemini: «Quella promozione in A un sogno, quest'anno può rivincere»

Bari, parla storico mister Salvemini: «Quella promozione in A un sogno, quest'anno può rivincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaè un pregiudicato
Polizia insegue per 40km bitontino su auto rubata: bloccato nel Foggiano

Polizia insegue per 40km bitontino su auto rubata: bloccato nel Foggiano

 
Materanel Materano
Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

 
Baridonne
Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

 
Leccenel Salento
Carmiano: dopo scioglimento comune, Centro Legalità vandalizzato. Giovani sui social: «Crediamo nell'onestà»

Carmiano: dopo scioglimento comune, Centro Legalità vandalizzato. Giovani sui social: «Crediamo nell'onestà»

 
Batil caso
Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

 
BrindisiDomenica 15 dicembre
Brindisi città fantasma, evacuati 53mila per la bomba: tutto quello che c'è da sapere. Le strade

Brindisi città fantasma, evacuati 53mila per la bomba: tutto quello che c'è da sapere. Le strade

 
HomeMaltempo in Basilicata
Lauria, vento spazza via tetto di una palestra: ci sono feriti

Lauria, tromba d'aria spazza via tetto del PalaAlberti: 8 feriti, una operata, è gravissima VD/FT

 

i più letti

La sentenza

Valenzano, il Consiglio di Stato: «Gravi rapporti con i clan nel Comune»

La decisione sullo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni. Il caso della mongolfiera

il sindaco di Valenzano, Antonio Lomoro

Antonio Lomoro, ex sindaco di Valenzano

BARI - Non conta se le indagini della magistratura non hanno portato a emettere condanne nei confronti di politici e colletti bianchi. E non contano nemmeno le eventuali «imprecisioni» nelle relazioni investigative. La vicinanza dell’amministrazione di centrodestra guidata dall’ex sindaco Antonio Lomoro a persone ritenute vicine alla criminalità organizzata è ragione più che sufficiente a giustificare lo scioglimento per mafia del Comune di Valenzano disposto nel settembre 2017. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato (Terza sezione), che ha accolto il ricorso presentato dal Viminale contro lo stop deciso dal Tar del Lazio: la mongolfiera dedicata a un morto ammazzato durante la festa patronale del 2016, secondo i giudici di Palazzo Spada, è «episodio centrale» nell’economia di questa decisione e non può essere minimizzato.

Per lo scioglimento di un Comune, ha ricordato il Consiglio di Stato, sono sufficienti anche elementi indiziari di un possibile condizionamento da parte della mafia. E a Valenzano «vi sono - è scritto in sentenza - cointeressenze economiche e collegamenti con amministratori e soggetti controindicati». E proprio quella mongolfiera - il caso fu denunciato dall’allora parlamentare Pd, Dario Ginefra - dedicata alla memoria del pregiudicato Michele Buscemi - ha un «significato altamente simbolico», perché fu fatta alzare in volo «alla chiusura se non al culmine della giornata di festa».

I giudici amministrativi hanno esaminato il fascicolo dell’indagine che fu aperta sull’episodio dalla Direzione distrettuale antimafia: «Dagli atti si ricava che il volo della mongolfiera fosse stato sì programmato dal comitato organizzatore (della festa patronale, ndr) e che la famiglia Buscemi si sia offerta di “sponsorizzarlo”, pagandone i costi, in cambio della possibilità di scegliere la scritta» in cui «il riferimento, accanto e prima a quello del santo patrono, era verosimilmente riconducibile» al Buscemi: «Un modo di celebrare il defunto, ma anche la potenza della famiglia, nel contesto di un’occasione collettiva centrale nella vita cittadina».

Ma, stigmatizza il Consiglio di Stato, «è soprattutto nelle reazioni degli amministratori locali (...) che risiede il significato dell’episodio»: avrebbero dovuto prenderne le distanze, e invece «le dichiarazioni del sindaco e di alcuni consiglieri comunali alla stampa locale sono state di minimizzazione dell’accaduto o addirittura di solidarietà con la famiglia».

Insieme al caso della mongolfiera, hanno pesato le numerose irregolarità amministrative rilevate nella gestione degli appalti comunali che il Tar del Lazio aveva derubricato a «episodi di malagestione» ma che per il Consiglio di Stato «esprimono un significato indiziario» forte nel senso del condizionamento mafioso. Si va dal cantiere di lavori pubblici supervisionato da un pregiudicato per traffico di stupefacenti parente di un consigliere comunale, appalto affidato peraltro con modalità piuttosto discutibili: il sorteggio - osserva la sentenza - aveva «favorito proprio una impresa già da tempo “gradita” all’amministrazione (la Artel, ndr) e facente capo a un soggetto con precedenti di polizia», Alessandro Candelora, che aveva avuto alle sue dipendenze il fratello del Buscemi celebrato con la mongolfiera.

I cittadini di Valenzano torneranno alle urne il 10 novembre (eventuale ballottaggio il 24). Il 10 ottobre il Tribunale di Bari dovrebbe esprimersi sull’incandidabilità di Lomoro, che in ogni caso resta eleggibile fino a quando la sentenza che lo riguarda personalmente non diventerà definitiva: potrebbe dunque essere eletto e poi decadere dalla carica. [m.sc.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie