Martedì 23 Aprile 2019 | 02:44

NEWS DALLA SEZIONE

La raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
Degrado in città
Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

 
Gli eventi in città
Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

 
Il video
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
La tragedia
Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

 
Uscita fuori porta
Cassano, negozi aperti a Pasquetta per i gitanti di Mercadante

Cassano, negozi aperti a Pasquetta per i gitanti di Mercadante

 
Il colpo di fortuna
Mola, tra i rifiuti trova gratta e vinci fortunato: 100mila euro a ex pescatore

Mola, tra i rifiuti trova gratta e vinci fortunato: 100mila euro a ex pescatore

 
L'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
La protesta
Bari, rinnovo esenzione ticket: code e disagi. Fi: «Solita disorganizzazione»

Bari, rinnovo esenzione ticket: code e disagi. Fi: «Solita disorganizzazione»

 
L'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
Verso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Processo Speranza

Case di Cura Riunite: a Bari assolti ex manager Biallo e boss Parisi

La sentenza potrebbe riaprire dopo 25 anni la vicenda processuale di Cavallari, unico condannato per associazione mafiosa, falso in bilancio e corruzione

Case di Cura Riunite: a Bari assolti ex manager Biallo e boss Parisi

La terza sezione penale della Corte d’appello di Bari ha assolto 'perché il fatto non sussiste' dall’accusa di associazione mafiosa l’ex manager barese delle Case di cura riunite (Ccr), Paolo Biallo, e il boss mafioso barese Savino Parisi. I due erano imputati nel processo chiamato 'Speranza' sul mai provato intreccio tra mafia, affari e politica risalente agli anni '90 nella gestione delle Ccr di Francesco Cavallari, l’allora re Mida della sanità privata pugliese in convezione con la Regione Puglia.

Questa sentenza potrebbe riaprire la vicenda processuale che coinvolge Cavallari, il quale nel 1995 patteggiò per questi fatti una condanna a 22 mesi di reclusione per associazione mafiosa, falso in bilancio e corruzione. Cavallari è l’unico imputato condannato, tramite patteggiamento, per un reato associativo mafioso a seguito del quale ha subito la confisca del patrimonio per 350 miliari di lire. Già in un precedente giudizio di revisione del processo avanzata da Cavallari, la Corte di appello di Lecce aveva sottolineato l’importanza della sentenza nei confronti di Biallo e Parisi per poter rivalutare la situazione processuale dell’imputato.

La decisione dei giudici della Corte d’appello di Bari emessa oggi segue la sentenza del 21 dicembre 2016 della Cassazione che aveva annullato con rinvio il non luogo a procedere per prescrizione per i due imputati.
I giudici della Suprema Corte avevano stabilito, in sostanza, che se una sentenza definitiva esclude l’esistenza di un’associazione mafiosa in un processo a carico di alcuni imputati, tale valutazione va estesa anche ad altri imputati accusati, in un altro processo, di appartenere alla stessa associazione. Nel processo principale, infatti, 31 imputati sono stai assolti con sentenza irrevocabile nel 2009, mentre Biallo e Parisi, processati separatamente, non sono mai stati giudicati nel merito perché i reati erano prescritti prima ancora che iniziasse il processo.

«L'operazione Speranza è finita e per Paolo Biallo è terminata, sia pure con doloroso ritardo, nel migliore dei modi. Biallo - spiega il suo difensore, Francesco Paolo Sisto - è stato assolto perché il fatto non sussiste: la formula parla da sola. Tutto quello che ha subito deve ritenersi del tutto ingiustificato a partire da 25 anni fa. Questa scritta oggi è una bella pagina di giustizia che azzera una fase di indagini davvero poco edificante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400