Domenica 18 Agosto 2019 | 13:52

NEWS DALLA SEZIONE

Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
«The Nest»
La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta De Feo

La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta barese De Feo

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
La denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

 
Lo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
Il giorno di Ferragosto
Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

 
Dopo le analisi
Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

 
Nel Barese
Casamassima, pastore bengalese sottopagato, costretto a fare i bisogni nel pozzo: arrestato imprenditore

Casamassima, sfrutta pastore, gli fa usare il pozzo per i bisogni: arrestato

 
Nella serata del 16 agosto
Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariDisagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeNel Tarantino
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
FoggiaI controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Processo Speranza

Case di Cura Riunite: a Bari assolti ex manager Biallo e boss Parisi

La sentenza potrebbe riaprire dopo 25 anni la vicenda processuale di Cavallari, unico condannato per associazione mafiosa, falso in bilancio e corruzione

Case di Cura Riunite: a Bari assolti ex manager Biallo e boss Parisi

La terza sezione penale della Corte d’appello di Bari ha assolto 'perché il fatto non sussiste' dall’accusa di associazione mafiosa l’ex manager barese delle Case di cura riunite (Ccr), Paolo Biallo, e il boss mafioso barese Savino Parisi. I due erano imputati nel processo chiamato 'Speranza' sul mai provato intreccio tra mafia, affari e politica risalente agli anni '90 nella gestione delle Ccr di Francesco Cavallari, l’allora re Mida della sanità privata pugliese in convezione con la Regione Puglia.

Questa sentenza potrebbe riaprire la vicenda processuale che coinvolge Cavallari, il quale nel 1995 patteggiò per questi fatti una condanna a 22 mesi di reclusione per associazione mafiosa, falso in bilancio e corruzione. Cavallari è l’unico imputato condannato, tramite patteggiamento, per un reato associativo mafioso a seguito del quale ha subito la confisca del patrimonio per 350 miliari di lire. Già in un precedente giudizio di revisione del processo avanzata da Cavallari, la Corte di appello di Lecce aveva sottolineato l’importanza della sentenza nei confronti di Biallo e Parisi per poter rivalutare la situazione processuale dell’imputato.

La decisione dei giudici della Corte d’appello di Bari emessa oggi segue la sentenza del 21 dicembre 2016 della Cassazione che aveva annullato con rinvio il non luogo a procedere per prescrizione per i due imputati.
I giudici della Suprema Corte avevano stabilito, in sostanza, che se una sentenza definitiva esclude l’esistenza di un’associazione mafiosa in un processo a carico di alcuni imputati, tale valutazione va estesa anche ad altri imputati accusati, in un altro processo, di appartenere alla stessa associazione. Nel processo principale, infatti, 31 imputati sono stai assolti con sentenza irrevocabile nel 2009, mentre Biallo e Parisi, processati separatamente, non sono mai stati giudicati nel merito perché i reati erano prescritti prima ancora che iniziasse il processo.

«L'operazione Speranza è finita e per Paolo Biallo è terminata, sia pure con doloroso ritardo, nel migliore dei modi. Biallo - spiega il suo difensore, Francesco Paolo Sisto - è stato assolto perché il fatto non sussiste: la formula parla da sola. Tutto quello che ha subito deve ritenersi del tutto ingiustificato a partire da 25 anni fa. Questa scritta oggi è una bella pagina di giustizia che azzera una fase di indagini davvero poco edificante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie