Giovedì 13 Dicembre 2018 | 03:26

NEWS DALLA SEZIONE

La mobilitazione
Welfare, in 2mila protestano per servizi socio-sanitari davanti la Regione

Diritto cure, protesta dei sindacati alla Regione: in 2mila al sit in

 
Il rimborso
Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

 
Il gesto estremo
Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

 
L'operazione della Gdf
Porto di Bari, sequestrate oltre 4500 paia di scarpe contraffatte

Porto di Bari, sequestrate quasi 4800 paia di scarpe contraffatte

 
L'omaggio
Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

 
Le tasse
Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

 
Il consiglio e il «buco» di 11 milioni
Bari, la Cassa prestanza infiamma il Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi

Bari, bagarre sulla Cassa prestanza in Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi. Decaro ai sindacati: dite la verità

 
Cinema
Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

 
L'iniziativa
Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

 
Per il pm è stato riorganizzato il partito fascista
Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari VD

 
Gruppo gestiva il porto
Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

 

la città che cambia

Via Sparano a Bari, si «scopre»: il cantiere è ormai chiuso

In questi giorni posata l'ultima pietra. Il sindaco Decaro: «Ora guardiamo al futuro»

Bari, la nuova via Sparano, più sicura, innovativa e agibile per tutti

(foto Luca Turi)

BARI - La prima pietra il 9 gennaio del 2017 e la chiusura del cantiere in questi giorni. «Via Sparano - dice il sindaco Antonio Decaro - é stata l'opera più partecipata della storia cittadina. Non c'è stato un barese o un forestiero che non abbia espresso la sua opinione su questo progetto e che ancora oggi non mi fermi per strada per un complimento o per ribadire che, in fin dei conti, era meglio prima. Comunque la riqualificazione di via Sparano è sicuramente l'opera più importante di questi anni, forse non in termini di dimensioni o di risorse impegnate, ma sicuramente lo è per gli abitanti della città».
Il sindaco ieri mattina, in compagnia del geometra Donato Leonetti, responsabile del cantiere per la ditta De Marco che ha effettuato il restyling, ha percorso la strada pedonale delle vetrine e della moda.

Commenta: «Questa è e resterà sempre la strada più rappresentativa di Bari. Proprio come il resto della città, ora guarda al futuro, alle altre città europee e al nuovo percorso che abbiamo intrapreso. Sono stati due anni intensi per i quali vorrei ringraziare innanzitutto i cittadini che hanno sopportato i disagi dovuti ad un cantiere "ingombrante" nel cuore della città, ma devo ringraziare anche i commercianti che ci hanno accompagnato in questa avventura, oltre all’azienda che si è resa disponibile a effettuare tutti i cambiamenti in corsa, le modifiche, le richieste e a soddisfare la curiosità dei passanti. Non ringrazio invece coloro che hanno strumentalizzato per fini politici i lavori, tentando di bloccare un cantiere fondamentale per la riqualificazione di Bari».

Decaro conclude: «Forse dovremo aspettare ancora qualche giorno prima che il risultato sia definitivo, ma sono orgoglioso del lavoro realizzato».
Intanto sono partite le operazioni di montaggio di 20 delle 45 telecamere previste nel progetto. Le restanti 25 saranno installate in corrispondenza degli incroci non appena arriverà la fornitura dei pali, oggetto di una gara già in corso. Tutte le telecamere saranno da subito collegate con la sala operativa della polizia locale. L’intervento ha l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza nella strada più importante della città, frequentata dai baresi e dai turisti in visita nel capoluogo.
Intanto si sta procedendo con il posizionamento di una ventina di altoparlanti che saranno in funzione entro la prossima settimana e che, durante le feste, contribuiranno a riscaldare l’atmosfera.
Sono in fase di completamento le lavorazioni sulla pavimentazione della zona di piazza Umberto, dove a breve sarà rimossa l’intera recinzione. In occasione del Natale saranno piantumati gli arbusti e il verde nelle aiuole che sono state tutte ultimate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400