Giovedì 25 Aprile 2019 | 01:58

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
Approvato dal Ministero
Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

 
Il retroscena
Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare tanti soldi

Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare soldi

 
L'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
le proposte dell’anas
Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Commercio

Bari, dopo 66 anni chiude
storica salumeria De Carne
«Il marchio lo porto con me»

L’ultimo titolare, Piero Lucignano, 58 anni, nipote di Rosa De Carne, va in pensione scrivendo la parola fine su una tradizione consolidata nel murattiano (gli eredi non proseguiranno)

Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Si spegne un’altra insegna storica del commercio di Bari. Entro fine ottobre cessa le attività la salumeria De Carne di via Calefati, bottega di delizie alimentari fondata nel 1952 da Onofrio De Carne e Pasquale Lucignano. L’ultimo titolare, Piero Lucignano, 58 anni, nipote di Rosa De Carne, va in pensione scrivendo la parola fine su una tradizione consolidata nel murattiano (gli eredi non proseguiranno).

«Tutto era iniziato proprio negli anni 50’, come evoluzione della vendita al mercato che si teneva in piazza San Ferdinando. Il nostro patriarca, Onofrio, da formaggiaro, decise di aprire un negozio per il figlio grande, Francesco De Carne, che morì giovane. La prima sede? - racconta Piero Lucignano - Era in via Calefati 118, poi nel 1963 il trasferimento al civico 130, dove siamo adesso». Il locale fu ristrutturato nel 1989 ed è arredato con marmi pregiati «su disegno dell’architetto Gaibazzi di Parma, con la collaborazione della azienda Bocchini di Ancona».

De Carne ha consolidato per decenni la sua fama grazie ad un banco nel quale capeggiavano primizie e vere eccellenze gastronomiche. «Siamo stati tra i primi a vendere - ricorda ancora Lucignano - il baco da seta in scatola, e i salumi delle migliori aziende nazionali come i prosciutti San Daniele dei fratelli Muraro o la Mortadella Alcisa del signor Ivo Galletti di Bologna, che ci ospitava nella città felsinea. Oltre ai prodotti scelti, la differenza l’ha sempre fatta la cura del cliente e la qualità del servizio che solo chi è cresciuto in questo settore può garantire. Ho iniziato a lavorare nell’ottobre 1975. Avevo 15 anni, sempre stato nel negozio. La gavetta? Come garzone, poi con le consegne al domicilio. Dopo un po’ di anni ho iniziato a lavorare dietro al banco. Con mia figlia Nakita, abbiamo vissuto la quarta generazione dell’attività».

Il mondo del commercio nel centro di Bari è cambiato e la chiusura delle storiche insegne fotografa la metamorfosi del quadro socio-economico. E su questo fronte Piero De Carne offre considerazioni che inquadrano il problema: «Negli ultimi dieci anni, con le giunte Emiliano soprattutto, il commercio nel murattiano ha pagato l’apertura indiscriminata di tanti supermercati che hanno desertificato il panorama, e degli iper che possono vendere tutti i giorni dell’anno. In questo frangente ho dovuto licenziare almeno dieci dipendenti a tempo indeterminato, posti di lavoro che non so se sono stati poi assorbiti dalla grande distribuzione. Le regole di apertura e le scelte politiche hanno il loro peso: andando avanti così la professione di salumiere in proprio non ha futuro».

E alla fine è tempo di amarcord: «Chiudo il negozio con tante gioie: il marchio registrato lo porto con me. Lascerò qui un pezzo del mio cuore, ma - lo dico con una metafora calcistica - mi ritiro al momento giusto, non da fallito. Come cimelio mi conserverò una affettatrice Berkley del 1966, rosso Ferrari». «L’ordinazione impossibile? Nel 2016 riuscì a consegnare, nonostante le forti nevicate, un super tartufo di Alba ad un mio cliente, nonostante la bufera. I nostri avventori ricorderanno le nostre proposte più originali: la bresaola di Cavallo, il prosciutto di Cervo, il formaggio stagionato in grotta su Paglia, il formaggio blu di fattoria dei Monti Dauni, il formaggio di capra in cenere di ulivo, lo sfoglio di mozzarella affumicata con la ricotta, lo speck della Foresta Nera». E comprare queste prelibatezze in un futuro prossimo su web non avrà mai lo stesso sapore che al banco della storica bottega barese…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400