Mercoledì 27 Marzo 2019 | 03:11

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Zecchino d’oro l’infanzia d’Italia

di Enzo Verrengia
di Enzo Verrengia

«Tutti i bambini, tranne uno, crescono», scrive James Matthew Barrie all’inizio di Peter Pan. Purtroppo, nella realtà non esistono le eccezioni. Il tempo scorre per le persone e le cose. L’invecchiamento è un obbligo. Anche per una rassegna altamente simbolica dell’universo infantile. Dunque, esattamente oggi, lo «Zecchino d’oro» compie mezzo secolo.
Era il 24 settembre 1959, nell’Italia del dopoguerra che compone una memoria collettiva fatta di immagini in bianco e nero. Carlo Triberti, storico direttore del «Corriere dei Piccoli», scrive una favola scenica ispirata a Pinocchio. Gliela suggerisce il regista ed autore televisivo Cino Tortorella, che deve condurre, al Teatro dell’Arte di Milano il «Salone del Bambino». Tre giorni, dal 24 al 26 settembre 1959, nei quali il tema conduttore sarà il burattino di Collodi.
Il testo teatrale di Triberti si suddivide in tre parti: «Pomeriggio di Mangiafuoco», «Il gatto e la volpe» e «Il campo dei miracoli». Una traccia che serve da collante per la gara canora. Il brano migliore verrà premiato con uno «zecchino d’oro» staccato dall’albero dei miracoli del romanzo di Collodi. Di qui il titolo della fiaba: «Festival dello zecchino d’oro». Gli interpreti sono dei bambini. Vince «Quartetto» di Izzi-Bignotti. Il vero evergreen di quell’esordio rimane però la canzone Lettera a Pinocchio di Mario Panzeri, cui legherà il suo successo Johnny Dorelli, con quel dolcissimo attacco: «Carissimo Pinocchio, amico dei giorni più lieti…».
L’evento di costume acquisisce nuovo spessore il 20 novembre dello stesso anno, allorché l’Assemblea generale dell’ONU vara la Dichiarazione sui Diritti del Bambino, nel quale si affermano i principi di bontà e solidarietà che ispirano le canzoni partecipanti allo «Zecchino d’oro».
Cino Tortorella, mente dell’iniziativa milanese, conduce indossando un costume divenuto autentica icona, con lustrini e mantello. Il suo personaggio era stato creato nientemeno che da Umberto Eco per la Tv dei ragazzi. Si chiamava «Zurlì, il mago del giovedì», e dava il titolo a un programma molto celebre per l’epoca. Dal 1959, sarà legato allo «Zecchino d’oro». La rassegna, poi, nel 1961 si trasferisce all’Antoniano di Bologna, dove resterà. E cambierà un po’ i costumi dei bambini italiani (dalle recite scolastiche ai tormentoni canori).
All’Antoniano fa il suo ingresso un’altra personalità che avrebbe segnato la storia dello «Zecchino d’oro». I frati dell’Antoniano interpellano per dirigere il coro la professoressa Mariele Ventre, bolognese di genitori lucani (il padre, Livio, di Marsico Nuovo, la madre, di Sasso di Castalda, entrambi i centri in provincia di Potenza). La musicista infonde un’impostazione che caratterizzerà lo «Zecchino d’oro» per tutti i trent’anni della sua direzione. Mariele Ventre scompare il 16 dicembre 1995, solo qualche giorno dopo la sua ultima presenza alla 38ª edizione della rassegna. L’amministrazione comunale di Marsico Nuovo le dedica la via in cui sorge l’abitazione paterna. L’anno dopo, esce il CD Omaggio a Mariele, con canzoni eseguite dal Piccolo Coro dell’Antoniano, che lei stessa aveva fondato nel 1963. Tra queste, Ele, un’elegia alla grande Mariele.
Per quanto i premiati siano gli autori dei brani, i riflettori del «divismo» si accendono sempre sui bambini. Una rassegna delle voci che per cinquant’anni si sono avvicendate sul palcoscenico sarebbe interminabile. Ma ci si può soffermare su episodi eclatanti, alcuni radicati nel meridione.
Il valzer del moscerino lancia Cristina D’Avena, nata a Bologna da padre di Apricena (Foggia). Lei ha solo tre anni, ma la sua carriera non finisce al Teatro dell’Antoniano. Intanto entra a far parte del coro fino all’età di 11 anni. Quindi, nel 1981 viene scelta per interpretare la sigla di un cartone animato su Pinocchio di produzione giapponese. È il compositore Filippo Martelli che si ricorda di lei e la segnala ad Alessandra Valeri Manera, che cura le trasmissioni per l’infanzia delle televisioni Fininvest. Per la D’Avena è l’inizio di un trionfo che la porterà a vendere 5 milioni di dischi. Il suo nome sarà associato alle serie più popolari e lei stessa diventerà attrice e produttrice.
Differente il percorso di Eliana Cristalli di San Severo (FG). Selezionata nel 1968 per il coro, ottiene uno spazio di gloria incidendo poi delle cover di Il pulcino ballerino, Il valzer del moscerino, Abracadabra e 44 gatti. Un numero, quest’ultimo, stampato anch’esso nel retaggio italiano dei decenni fanno dello «Zecchino d’oro» un caposaldo del costume nazionale.
Walter Brugiolo, nel 1967, riportò un’affermazione di grande simpatia con Popoff. Tanto che fu chiamato a interpretare dei «musicarelli», i film tratti dalle canzoni di successo, come Nel sole, Zum zum zum e Lisa dagli occhi blu. Nel 2008, Brugiolo si è addirittura candidato alla camera dei deputati.
Allora, i cinquant’anni dello «Zecchino d’oro» offrono un’altra prospettiva di analisi della crescita e dei mutamenti nella società italiana. Gli inviati dell’Antoniano che attraversano la provincia per le selezioni, con i rigorosi parametri di ricerca del vero talento sono modalità di un’attenzione e un rispetto per i valori dell’infanzia nel segno di un’etica insopprimibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400