Giovedì 17 Giugno 2021 | 04:26

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 
L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 
L'analisi
Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

 
La riflessione
I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

 
La riflessione
Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

 
LecceA Nardò
Polizia salva 85enne durante incendio in casa nel Salento

Attimi di paura nel Salento, polizia salva 85enne da incendio divampato in casa

 
BariA Bari
Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

 
PotenzaLa denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
TarantoIl siderurgico
Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

 
MateraTelevisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 

i più letti

L'analisi

L’autorevolezza della politica tra il «Marshall» ed il Recovery

I contesti sono diversi. Le macerie pure. Ma c’è qualcosa in comune: il sostantivo Recovery

L’autorevolezza della politica tra il «Marshall» ed il Recovery

I contesti sono diversi. Le macerie pure. Ma c’è qualcosa in comune: il sostantivo Recovery. Quello del 1947 si chiamava European Recovery program, più prosaicamente conosciuto come piano Marshall, quello odierno Recovery fund o Next Generation secondo le opportunità. E a settant’anni dalla conclusione del piano ideato e voluto dagli Usa per sostenere la ripresa dell’Europa, compresa la Germania e l’Italia uscite sconfitte dal secondo conflitto bellico, l'obiettivo rimane più o meno identico, assicurare un futuro alle giovani generazioni ricostruendo i Paesi ed un sistema economico-sociale dalle macerie materiali e morali: quelle della seconda guerra mondiale ieri, quelle della pandemia oggi.
Il piano Marshall, ben 12,7 miliardi di dollari da spendere in quattro anni (1947-1951), puntava sui beni di prima necessità, sui prodotti per l’industria per rimettere in piedi un tessuto produttivo capace di creare occupazione e pil, l’acquisto di combustibili e macchinari. L’Italia beneficiò all'epoca della somma non indifferente di 1,204 miliardi di dollari serviti, in prevalenza, per rialzare il Paese e preparare quello che di lì a poco sarebbero stati i favolosi anni Sessanta, quelli del boom economico e dell’emancipazione di fasce sociali ridotte per lunghi anni alla miseria e alla subalternità, oltre al dramma della guerra.

Bisogna evidenziare che gli Stati Uniti si affidarono senza se e senza ma alle classi politiche locali rispetto alle scelte e alla qualità della spesa sostenuta con i fondi straordinari stanziati. Del resto, oltre alla necessità di far rialzare l’Europa e di rimettere in piedi un mercato utile anche agli americani, gli Usa erano sostanzialmente interessati a garantirsi una zona d’influenza che rispondesse - come già accadeva per l'Inghilterra - al sistema polìtico economico atlantico. Soprattutto di fronte all’avanzare dell’ascendente comunista pilotato dall’Urss. Questo per dire che la montagna di soldi destinati all’Europa non aveva vincoli particolari se non quello di un sostegno più forte dell’ancoraggio politico al sistema atlantico pure in casi di mareggiate inattese (in Italia ad esempio era presente il più importante Partito comunista d'occidente). Nel complesso, va detto, le risorse messe a disposizione dagli Usa furono utilizzate nel migliore dei modi possibili, in particolare in Italia (non ci sarebbe stato dopo qualche anno il boom economico), anche perché il Paese aveva un ceto politico, quello nato dopo la Liberazione e con l’assemblea costituente, autorevole e di grande prestigio.

E la situazione odierna? Ci sono i fondi del Recovery dell’UE non vi è dubbio (ed anche in questo caso l’Italia è tra i Paesi privilegiati con ben 209 miliardi di euro), ma è altrettanto vero che a livello europeo ci sarà una cabina di controllo non solo legata alla commissione dell’Unione, ma anche alla procura europea per evitare frodi, malversazioni, abusi e quant’altro. Insomma, al di là del ceto politico pro tempore (e l’Italia si presenta al riguardo con una figura di grande reputazione come Draghi) sul controllo e la gestione delle risorse economiche, a differenza del piano Marshall, ci saranno anche le magistrature europee oltre a quelle nazionali. E a 70 anni dagli aiuti straordinari americani si tratta di una differenza sostanziale che induce a più di una riflessione, sulla casta in particolare e sulle classi dirigenti più in generale, categorie che, fatte le dovute eccezioni, hanno da tempo smarrito etica e codici di comportamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie