Giovedì 17 Giugno 2021 | 23:28

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 
L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 
Leccel'allarme
Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

 
BrindisiIl fatto
Brindisi, Altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

Brindisi, altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

 
Foggiacovid 19
Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

 
Tarantola vicenda giudiziaria
Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

 

i più letti

il punto

Maratea e Rio de Janeiro l’abbraccio «Redentore»

Entrambe sono nate per diventare il simbolo della speranza e della rinascita

Maratea e Rio de Janeiro l’abbraccio «Redentore»

Entrambe sono nate per diventare il simbolo della speranza e della rinascita. L'una compie 90 anni, l'altra 56, opere «gemelle» non nelle fattezze ma nelle intenzioni, nell’anima, nel messaggio da lasciare alle rispettive comunità.

Da sempre c'è un ideale ponte che unisce le statue del Cristo Redentore di Rio de Janeiro (Brasile) e di Maratea (Potenza), rapporto partorito dall'ispirazione dell'artista fiorentino Bruno Innocenti, di ritorno da un viaggio oltre Oceano, a cui negli anni Sessanta il conte Stefano Rivetti affidò il progetto della scultura dominante sul porto della «perla del Tirreno».

Tra le opere più iconiche di tutti i tempi, sdoganata e, spesso, «violentata»» fino ad addentrarsi nella blasfemia per calarla in contesti più disparati, dal cinema alla musica, trasformandola anche in un avatar di Ronaldo (quello «vero», direbbero gli interisti), la statua della metropoli brasiliana festeggerà il suo novantesimo compleanno il prossimo 12 ottobre.

E per celebrare la ricorrenza verrà sottoposta a un grande restauro, con l'obiettivo di depurarla da decenni di smog e ristorarla dopo lustri d'esposizione al «sole spacca pietre», per dirla con Vinicio De Moraes, musicista di Rio scomparso nel 1980. L'eco della ricorrenza riecheggia a migliaia di chilometri di distanza, nell'anfratto lucano sul Tirreno, dove il legame con la città che ha dato i natali a Paulo Coelho va al di là della simbologia delle due statue: le comunità sono unite sin dall’800 da fenomeni migratori, come si registra nelle anagrafi brasiliane dalle cui pieghe spuntano cognomi con chiare origini marateote.

Intere famiglie partite in cerca di fortuna nel Nuovo Mondo e che all'ombra del Cristo hanno continuato ad innaffiare le radici lucane di generazione in generazione. Nel solco di questo terreno arato dalla memoria il sindaco di Maratea, Daniele Stoppelli, ha firmato una sorta di gemellaggio con Padre Omar, il Rettore della Mitra Arcivescovile, proprietaria della scultura del Redentore che con i suoi 38 metri di altezza giganteggia su tutta Rio.

Si favoriranno scambi culturali, eventi, occasioni di incontro nella comune speranza di superare la pandemia al più presto. Il simbolismo delle due opere, in questa emergenza epocale, è il gancio che regge la fiducia al futuro. In Brasile il monumento fu plasmato proprio con l'idea di farne un «manifesto» all'ottimismo, approccio che Innocenti mutuò nella versione lucana del Cristo: «La statua – scriveva l'artista - sorge candida sulla cima del monte San Biagio, imponente, ma discreta; non un urlo dal mare verso le valli, ma un pacato richiamo ad accogliere e a raccogliere, a rinfrancare la speranza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie