Giovedì 29 Ottobre 2020 | 09:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

 
L'ANALISI
La resistenza civile per battere il virus

La resistenza civile per battere il virus

 
L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 
Barinel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
BrindisiDolci
«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
LecceContagi in città
Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

Lettera alla Gazzetta

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Sono appena rientrata dalla vacanza passata in uno dei resort in Salento incastonati in una bellissima pineta curata con anche l’irrigazione automatica, spiagge bianche chilometriche mare cristallino a circa 6/7km da Ugento

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Cara Gazzetta, sono Anna Maria Lambiassi, vivo in Brianza amo l’arte e la natura in tutte le sue forme. Perché le scrivo? e mi scusi se sarò prolissa ma la prego di essere paziente e di leggermi sino in fondo e capirà che non posso fare diversamente. Vengo al punto. Sono appena rientrata dalla vacanza passata in uno dei resort in Salento incastonati in una bellissima pineta curata con anche l’irrigazione automatica, spiagge bianche chilometriche mare cristallino a circa 6/7km da Ugento. Come sappiamo non si vive solo per nutrire il corpo, ma anche lo spirito. Qui sorge il mio sincero rammarico. 

Volevo visitare Ugento di cui mi ero informata tramite internet dove si parlava dei suoi musei con reperti archeologici e non, delle chiese del XVII secolo con affreschi e opere di una certa rilevanza storica, un castello di epoca normanna con tratti barocchi con un museo che ne racconta la storia a partire dai messapici.

Tutte queste opere a partire dal 2013 sono state ristrutturate con soldi pubblici e questo è un bene che dovrebbe essere fruibile da tutti, pagando un giusto biglietto. Mi ero già messa in modalità “andiamo a ritemprare lo spirito“ ma ecco il primo ostacolo, mi si dice che il servizio pubblico non garantisce la puntualità, per cui domenica 13/09 chiamo un taxi e mi faccio portare in quel d’Ugento, vengo lasciata nella piazza principale, sole cocente e incomincio ad avviarmi per il mio tour. Prima delusione musei chiusi, guide che operano solo sino al 31/08, arrivo al castello dove trovo un gran portone che ne impedisce la visione, suono ma mi dicono che non si può entrare se non con un biglietto rilasciato dal museo (che era chiuso).

Vado per visitare le chiese, chiuse, negozi abbigliamento, chiusi, (mentre i turisti comprano dai “commercianti” abusivi che passano tutti i giorni in spiaggia vendendo in nero, evadendo quindi le tasse). Ristoranti e pochi bar aperti, parlo con i residenti locali e sono anche loro sconfortati per la gestione della loro cittadina, un ragazzo sui 20 anni mi racconta della loro situazione, fanno dei lavori in nero per racimolare quanto può servire per espatriare, mentre alcuni loro coetanei prendono il reddito di cittadinanza e per arrotondare lavorano in nero.

Mi guardo intorno e vedo un paese che non viene valorizzato, eppure girando lo sguardo vedo un posto che, gestito bene, potrebbe mantenere i propri figli. Non posso sentir parlare di un Sud povero, meglio dire che è un Sud mal governato... Amo il mio paese, è il più bello del mondo, confido in lei è in tutta la redazione, so che potete influire nei cambiamenti, so che voi stampa potete pressare le istituzioni affinché facciano il loro dovere, non girate la testa dall’altra parte. Spero che pubblichiate questa mia e proseguiate ad essere di stimolo. Vi ringrazio dell’attenzione un abbraccio ecumenico a tutta la redazione e al direttore. Un abbraccio, cordialmente. #IoNonMiFermoQui
Pubblichiamo la sua lettera. Diciamo solo che c’è ancora molto da fare in Puglia e nel Sud sul piano dell’accoglienza. Quello che si fa non è mai abbastanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie