Sabato 15 Agosto 2020 | 15:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Se un altro virus contagia le istituzioni

Se un altro virus contagia le istituzioni

 
l'opinione
Solito Nord neanche ora vuol vedere il Sud crescere

Solito Nord, neanche ora vuol vedere il Sud crescere

 
fase 3
Dal ballo in maschera al ballo a distanza

Dal ballo in maschera al ballo a distanza

 
Il punto
Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

 
L'ANALISI
Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

 
L'EDITORIALE
Il modello elettorale come capro espiatorio

Il modello elettorale come capro espiatorio

 
Il punto
Perché quei ragazzi senza mascherine

Perché quei ragazzi senza mascherine

 
L'EDITORIALE
Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

 
L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Monopoli, la Madonna della Madia in...avaria: l'accusa dei 5 Stelle

Monopoli, la Madonna della Madia in...avaria: l'accusa dei 5 Stelle

 
LecceL'incidente
Salento, auto si ribalta: feriti 5 ragazzi baresi di Gravina in vacanza

Salento, auto si ribalta: feriti 5 ragazzi baresi di Gravina in vacanza

 
MateraLa tragedia
Perde l'equilibrio e precipita nel vuoto dopo un volo di 6 metri: morta 17enne a Irsina

Perde l'equilibrio e precipita nel vuoto dopo un volo di 6 metri: morta 17enne a Irsina

 
HomeIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, crescono i contagi: 5 positivi di rientro su 230 tamponi

Coronavirus Basilicata, crescono i contagi: 5 positivi di rientro su 230 tamponi

 
TarantoIl caso
Taranto al S. Annunziata: «Niente tamponi nei turni di notte»

Taranto al S. Annunziata: «Niente tamponi nei turni di notte»

 
BrindisiL'incidente
Esplode bombola gas a Fasano: donna avvolta dalle fiamme, è grave

Esplode bombola gas a Fasano: donna avvolta dalle fiamme, è grave

 
BatIl caso
Barletta, stop al bullismo appello contro le aggressioni: «baby gang scatenate nel centro»

Barletta, stop al bullismo appello contro le aggressioni: «baby gang scatenate nel centro»

 
FoggiaLa decisione
Festa patronale a Foggia: solo una messa all'aperto, annullata processione

Festa patronale a Foggia: solo una messa all'aperto, annullata processione

 

i più letti

Analisi

Osare significa facilitare la vita

L’Italia è un Paese dove la Pubblica Amministrazione mette sovente i bastoni tra le ruote dei cittadini e degli imprenditori. Non è stata disegnata per facilitare la vita alla persone, bensì all’ostracismo

Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

L’Italia è un Paese dove la Pubblica Amministrazione mette sovente i bastoni tra le ruote dei cittadini e degli imprenditori. Non è stata disegnata per facilitare la vita alla persone, bensì all’ostracismo. Lo Stato, con i suoi uffici kafkiani, è visto come un nemico e, all’alba del 2020, mostra tutti i segni del tempo. Mentre il mondo accelera vorticosamente – grazie alle reazioni post-Covid – l’Italia pubblica arranca mentre il settore privato in poco tempo ha preso le contromisure, disposto protocolli, attivato linee di azioni. E’ necessario e vitale prendere consapevolezza dei problemi, facendo leva sui punti di forza del Paese – che esistono eccome – per rivoluzione gli apparati burocratici affetti da inefficienza, lentezza esasperante, parassitismo.

Il grande giurista Arturo Carlo Jemolo nel magistrale “Anni di prova” che in Anni di prova rimpiangeva l’Italia di Giolitti: “In questo ricordo della burocrazia del tempo di Giolitti ravviso ancora un elemento comune con la scuola: l’idea del servizio. Si sa che la burocrazia non è un fine a se stessa, è al servizio del Paese; chi domanda informazioni, chi inoltra reclami magari infondati, chi avanza denunce o proteste, non è un seccatore, è il cittadino, il nostro padrone”.

Se queste premesse, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – appena confrontatosi sia con Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico, suo alleato di governo – ha dichiarato che bisogna “osare” e ha intenzione di portare all’approvazione del prossimo Consiglio dei ministri un “decreto semplificazione”, con all’ordine del giorno il codice degli appalti (mentre parliamo del Ponte sullo Stretto, vicino casa mia sono passati quattro anni dall’inizio della realizzazione di una pista ciclabile, non ancora completata), la riforma dell’abuso d’ufficio, misure di semplificazione digitale (lo smart working deve essere efficace, non un modo per eludere il servizio al cittadino, come ben ha sostenuto Pietro Ichino).

Semplificare significa togliere, rendere agile il contesto economico e civile. Speriamo che nuove norme non appesantiscano il corpus esistente. Mentre nei Paesi del Nord Europa sono in vigore circa 5.000 leggi, qui in Italia ne abbiamo, stimate, oltre 150mila, 30 volte tanto. E come si fa ad adempiere a tutte queste leggi-ginepraio? Impossibile. Il cittadino è quindi considerato un suddito, da vessare.

Noi ci accontenteremmo di norme leggibili. La burocrazia è un Moloch irriformabile anche nel linguaggio, astruso e gattopardesco. Italo Calvino nel 1965 prese in giro il burocratese imbalsamato e constatò l’esistenza dell’antilingua: “Ogni giorno, soprattutto da cent’anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un’antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli di amministrazione, redazioni di giornali e di telegiornali scrivono parlando nell’antilingua. […] Nell’antilingua i significati sono costantemente allontanati, relegati in fondo a una prospettiva di vocaboli che di per se stessi non vogliono dire niente o vogliono dire qualcosa di vago o sfuggente”.

Come scrisse Natalia Ginzburg nel 1981, “La nebbia è salita al potere, essa è il potere; e la gente si sottomette alla nebbia, e a contemplare la vita pubblica come qualcosa di contorto, di inestricabile e di sibillino. E tuttavia, quando appare un lampo di chiarezza, ci si sente rivivere”. Se non approfittiamo della discontinuità del Coronavirus per riformare il nostro apparato normativo e burocratico, forse non avremo un’altra occasione. Favoriamo il merito e facciamo lavorare le intelligenze, numerose, presenti nella pubblica amministrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie