Martedì 14 Luglio 2020 | 14:40

NEWS DALLA SEZIONE

Analisi
Salute e lavoro. Avanti Taranto

Salute e lavoro. Avanti Taranto

 
l'Analisi
Situazione d’eccezione e repubblica parlamentare

Situazione d’eccezione e Repubblica parlamentare

 
Il ricordo
Vernola, la politica per il bene comune

Vernola, la politica per il bene comune

 
L'Editoriale
Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

 
Analisi
Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

 
Analisi
Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

 
Analisi
Il fascino della politica strega pure i virologi

Il fascino della politica strega pure i virologi

 
Il commento
Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

 
L'Analisi
Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

 
Analisi
Se il coronavirus smaschera i big

Se il coronavirus smaschera i big

 
Editoriale
Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal: a Taranto sciopero e presidio a oltranza dal 20 luglio

ArcelorMittal: a Taranto sciopero e presidio a oltranza dal 20 luglio

 
Foggiamedicina
Foggia, ai «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio

Foggia, al «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio in Neurochirurgia

 
Potenzatrasporti
Il Basilicata, il lavoro corre sui binari che collegano Nord-Sud

Il Basilicata, il lavoro corre sui binari che collegano Nord-Sud: parla il sottosegretario Margiotta

 
BrindisiLa protesta
Brindisi, disperazione tra i lavoratori sul futuro della Revisud

Brindisi, disperazione tra i lavoratori sul futuro della Revisud

 
Leccenel leccese
Galatone, colpi di pistola contro auto zia pregiudicato: indaga la polizia

Galatone, colpi di pistola contro auto zia pregiudicato: indaga la polizia

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 

i più letti

L'ANALISI

Scuola, chi ascolterà il Visco per l’estate?

Il nostro Paese negli ultimi venticinque anni non è riuscito ad adeguarsi ai mutamenti portati da globalizzazione, rivoluzione dell’information technology e demografia

Scuola, chi ascolterà il Visco per l’estate?

Nel leggere le Considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco emerge chiara la necessità di una svolta decisa. Il nostro Paese negli ultimi venticinque anni non è riuscito ad adeguarsi ai mutamenti portati da globalizzazione, rivoluzione dell’information technology e demografia.

La crisi economica incipiente conseguente al Coronavirus non può che peggiorare le cose, visti i nostri numerosi punti deboli. Come diceva Aldo Moro (1916-78), l’Italia è un Paese caratterizzato da “passionalità intensa e strutture fragili”. Occorrono riforme di struttura per rafforzarlo. Visco, invece di pestare nel mortaio delle nostre debolezze, ha enumerato i nostri punti di forza (saldo della bilancia commerciale, basso indebitamento privato, elevato risparmio delle famiglie), che sono la base da cui ripartire, sempre che governo, imprenditori, sindacati, comunità civile tutta siano in grado di prendere contezza della gravità della situazione e agire in modo responsabile. La relazione dedica diversi passaggi alle disuguaglianze, che potranno accentuarsi con l’esplodere della crisi (secondo le stime di Bankitalia il Pil nel 2020 scenderà nella forchetta tra meno 9 e meno 13%). Disuguaglianze che vengono alimentate dalla chiusura delle scuole, cosa assolutamente non condivisibile. Un bambino su cinque non ha il personal computer. Le scuole elementari non hanno praticamente fatto lezione da marzo a oggi. L’assenza di frequenza scolastica non può che favorire i ragazzi di famiglie benestanti. Mentre in Francia non riaprono il campionato di calcio e hanno riaperto le scuole – che rimarranno operative anche nel mese di luglio – noi abbiamo fatto l’opposto: sì al calcio e no alle scuole. Inutile sottolineare che il buon funzionamento della scuola è il modo migliore per ridurre le disuguaglianze. La povertà educativa non solo crea asimmetrie all’interno del Paese, ma alimenta il divario tra noi e il resto del mondo. Come possiamo sperare di favorire la mobilità sociale se teniamo le scuole chiuse con un uso esagerato del principio di precauzione? Senza un capitale umano all’altezza, le imprese non avranno a disposizione quelle teste pensanti che consentono di innovare e di essere competitivi con il resto del mondo. Il governatore Visco nei suoi precedenti scritti – in particolare “Investire in conoscenza” (il Mulino) ha insistito sulla necessità di una formazione continua, che duri tutta la vita, un “life long learning”, ossia una predisposizione a studiare per tutto il corso della propria esistenza. Carlo Azeglio Ciampi (1920-2016), prima di andare a letto, si rileggeva Giacomo Leopardi - in particolare “Il dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere” – per mantenere il cervello in esercizio.

Il Comitato per il rientro scolastico guidato da Patrizio Bianchi ha proposto per settembre ore di 40 minuti e incremento dell’organico dei docenti, ma solo per il prossimo anno, fino al 10-15%, che significherebbe 100 mila insegnanti in più. Siccome però le analisi demografiche della Banca d’Italia indicano un forte calo della popolazione scolastica nei prossimi anni, sarebbe bene evitare di assumere a tempo indeterminato gli insegnanti. Visco spiega come nella Pubblica Amministrazione vada accelerata la digitalizzazione dei processi e reso possibile l’ingresso di “giovani motivati e con competenze elevate”. Visto che il premier Giuseppe Conte ha dichiarato di essere completamente d’accordo con la relazione di Visco – “preparazione e motivazione degli insegnanti sono essenziali – dovrebbe escludere a priori nuove assunzioni senza concorso. Altrimenti sono le solite “chiacchiere e distintivo”. I sindacati della scuola hanno veramente compreso poco il momento decisivo del nostro Paese. Non hanno esitato a proclamare uno sciopero per l’8 giugno, chiedendo più risorse (che novità!) e regole certe per la ripresa dell’anno scolastico. Visco ha chiuso le sue Considerazioni invocando “scelte mature, consapevoli, guardando lontano…Nessuno deve perdere la speranza”. Dopo tre mesi di scuole chiuse e famiglie in considerevole difficoltà nel lavorare con i figli a casa, sentire i sindacati parlare di scioperi fa purtroppo proprio perdere la speranza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie