Sabato 28 Marzo 2020 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 
l'editoriale
Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

 
L'analisi
Disobbedienza civile degli inutili idioti

Disobbedienza civile degli inutili idioti

 
l'editoriale
Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

 
L'analisi
La rivincita del fato sul fatto tecnologico

La rivincita del fato sul fatto tecnologico

 
Il punto
L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

 
Il punto
Quel tele-pallone sgonfiato dal virus

Quel tele-pallone sgonfiato dal virus

 
Il commento
Coraggio e chiarezza contro spinte centrifughe

Coraggio e chiarezza contro spinte centrifughe

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

La curiosità

L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

Il brevetto del disinfettante risale al 1923 e porta la firma di un altamurano, Oronzio Denora (1899-1995). Il prodotto in questi girni è diventato ricercatissimo

L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

Ffamiglia di cervelli: Oronzio e Niccolò De Nora

È l’articolo più ricercato sugli scaffali dei supermercati e sui banchi delle farmacie. È la parola più ricercata su «google» e c’è gente disposta a pagarla molto di più del suo valore di vendita pur di farne scorta, sebbene è chiaro che siano aumenti ingiustificati del costo. Parliamo dell’amuchina. Tutti sanno cosa sta accadendo in questi giorni per il disinfettante (un marchio della Angelini Pharma). Pochi, invece, sanno che il brevetto del 1923 porta la firma di un altamurano, Oronzio Denora (1899-1995), ingegnere elettrotecnico e genio delle applicazioni della chimica nell’industria.

Figlio dell’ingegnere civile Michele De Nora (a cui è intitolata la scuola, ex professionale e oggi istituto di istruzione secondaria superiore), esperto di ferrovia e acquedotti. Oronzio fece fortuna a Milano dove fondò un’industria che oggi è una multinazionale, un colosso nella produzione di elettrodi.
Mente molto raffinata, a Oronzio la passione per le scienze era stata trasferita dal padre. Uno studente eccezionale, non temeva alcun esame, nemmeno quelli in apparenza proibitivi. Come racconta l’aneddotica della famiglia De Nora, per lui il padre coniò il motto «Durantes vincunt». Chi persevera vince. E lui certamente vinse. Mise il suo grande intuito a fondamento della storia di industriale.
Nel 1922 si laureò con tutti gli onori al Politecnico di Milano (con una tesi sull’elettrolisi dei cloruri alcalini, il settore in cui si affermò nel mondo). Qui rimase e frequentò il corso di elettrochimica. Ebbe grandi intuizioni e una di queste portò all’invenzione di un potente antibatterico, l’ipoclorito di sodio diluito in acqua. La brevettò come «amuchina». Poi vendette il brevetto. Nel 1924 fondò la sua ditta e si lanciò in un mondo in cui fu pioniere: la realizzazione di impianti per la produzione di cloro e soda caustica. Le redini del gruppo chimico industriale furono poi prese dal figlio Niccolò e oggi sono tenute dai nipoti Federico e Michele.

I De Nora furono una famiglia di grandi cervelli. Oronzio è poco conosciuto ad Altamura dove visse l’infanzia e i primi studi, prima di trasferirsi a Milano. Lo stesso è avvenuto per il fratello Vittorio, ingegnere chimico, pure lui di fama internazionale. Tanto che a Vittorio De Nora è intitolato dal 1971 il premio «The Vittorio de Nora Award», assegnato ai contributi più significativi nel campo dell’ingegneria e della tecnologia elettrochimica. A Vittorio, morto nel 2008, il consiglio comunale di Altamura nel 2011 ha assegnato il titolo «Leonessa di Puglia» alla memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie