Lunedì 17 Febbraio 2020 | 08:42

NEWS DALLA SEZIONE

l'editoriale
Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

 
Il commento
Saper spendere rimane la questione principale

Saper spendere rimane la questione principale

 
il punto
Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

 
Il commento
Quote rose ed esterni la strada da seguire

Quote rose ed esterni: la strada da seguire

 
L'analisi
L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

 
Il commento
Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

 
Il punto
Solita Italia che butta ogni cosa in politica

Solita Italia che butta ogni cosa in politica

 
L'analisi
Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

 
Hollywood Militante
Marx 4.0, scene di lotta di classe a Beverly Hills

Oscar 2020, scene di lotta di classe a Beverly Hills

 
L'analisi
La strada giusta per processo penale e prescrizione

La strada giusta per processo penale e prescrizione

 
Il punto
Se nel bene e nel male la Puglia fa rumore

Se nel bene e nel male la Puglia fa rumore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
BariL'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
TarantoIncidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
PotenzaI vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
LecceNel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Foggianel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
MateraViolenza in casa
Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

 

i più letti

L'analisi

Cari candidati di Puglia tirate fuori gli argomenti

Verso il voto, l'invito rivolto ai candidati presidenti della Regione: «Non dimenticatevi l'impegno sulle inderogabili urgenze del nostro territorio»

Regione puglia

Cari candidati presidenti, consentitemi, da cittadino pugliese che ha avuto la ventura di conoscervi entrambi, e non da pochi giorni soltanto, di esprimere qualche pensiero che può riguardarvi e, dunque, per il ruolo che vi apprestate a ricoprire nell'imminente campagna elettorale, che ci riguarda tutti.
Credo che sia un fatto positivo che, a rappresentare le coalizioni più strutturate, ci siano due persone che hanno una storia politica alle spalle, storia che ha, peraltro, già incluso il ruolo di presidente della regione pugliese. Lo dico con piena convinzione: in una stagione in cui la cifra della politica sembra essere quella dell'incompetenza, con gli effetti disastrosi che rimbalzano sulle spalle del «popolo sovrano», due biografie personali che possono contare su lustri di amministrazione locale appaiono rassicuranti.

Almeno l'elettore sa qual è il prodotto dentro la confezione. E, visto da un lato diverso, il fatto che entrambi non siate degli «absolute biginners» non porta il vantaggio della novità a nessuno dei due: la vostra lunga storia di amministratori, dunque, vi precede. Insomma: in questo partite alla pari.
La Puglia oggi non è affatto felix. Come spesso ricorda il direttore della Gazzetta De Tomaso, stiamo vivendo una stagione assai difficile, forse tra le peggiori della nostra storia cinquantennale (quest'anno nuovo celebriamo, infatti, l'anniversario a cifra tonda dell'avvento delle Regioni). Sembra che qualche dio pagano, sadico e sicuramente minore, si stia divertendo un mondo a scaricarci addosso qualsiasi iattura: il drammatico avvitamento dell'Ilva nel buco nero delle parole che galleggiano sulla città di Taranto e il crack della Banca Popolare di Bari, sono le calamità più rovinose ma non le sole nubi dense di fumo nero che oscurano il cielo di Puglia. La verità è che stiamo rosicchiando l'osso delle nostre riserve e l'intero tessuto produttivo, da quello industriale a quello agricolo, del commercio e dell'artigianato, pilastri dell'economia regionale, langue. Come langue, richiudendosi in un cono d'ombra, l'intera economia meridionale.

Ecco, cari candidati, ciò che potrebbe rappresentare la prima, fondamentale obbligazione che vorrei vi assumeste, naturalmente con le diverse sensibilità politiche e programmatiche che muoveranno la vostra proposta ai pugliesi: l'impegno sulle inderogabili urgenze del nostro territorio, naturalmente, e, insieme, quello sulla ripresa dello sviluppo, inseriti, però, in una più larga visione meridionalista. Occorre una nuova scossa meridionalista in un tempo in cui persino il vocabolo "meridione" ha perso cittadinanza nel lessico della politica. Occorre una nuova solidarietà tra meridionali, che forse non c'è mai stata, ma che oggi diventa necessaria non per sollecitare ridicole nostalgie, ma per condividere un largo e compiuto disegno mediterraneo.

Tra l'altro a cinquant'anni dall'istituzione delle Regioni a statuto ordinario e a quasi un ventennio dalla riforma del titolo V della Costituzione, il processo politico in atto nel nostro paese sembra andare, anche con le spinte verso l'autonomia differenziata, nella direzione opposta agli interessi del Sud, con la nefasta convergenza da un lato di spinte antisolidariste delle regioni del nord con quelle neocentralistiche della politica nazionale. E in questo non c'è un giudizio politico che ricada su simboli specifici, ma la constatazione di comportamenti che attraversano trasversalmente l'intero arco della politica italiana, presente e passata. Passata di recente, intendo.

«The last but not the least», come si dice a Londra febbricitante di Brexit, coltivo l’attesa di un’inusuale gentilezza nel confronto politico. Sorprendeteci con lo stile: basta con le risse, con gli insulti con le contumelie da Terza Repubblica. Dateci una prova di confronto civile, roba da piccolo mondo antico, forse, ma un po’ più bella a vedersi. Da voi lo possiamo esigere: non siete precisamente dei millennians tutto web e trapper metropolitani. Siete persone, appunto, adulte e civili, che non hanno bisogno di urlare o di spaccare nei social per affermare le loro ragioni. Ragioniamo insieme sui contenuti e non facciamo gli hater, gli “odiatori” seriali. Un’altra cosa: occhio alle liste. Lasciamo gentilmente a casa i candidati che si portano appresso un cattivo odore morale. Per un grappolo di voti in più non vale la pena trovarsi nel mezzo di una campagna elettorale con problemi di inquinamento. Facciamo un po’ di ecologia politica.

Siete «politici» a tutto tondo e questo aiuta. Ci aspettiamo da voi una buona e sana campagna elettorale. E che vinca davvero chi ha argomenti e fatti convincenti da mettere sul tappeto.
Un augurio sincero. A tutti. In «par condicio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie