Venerdì 25 Settembre 2020 | 08:44

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 
Intervista
Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

 
Il commento
Ora una spinta per riformare il Belpaese

Referendum, ora una spinta per riformare il Belpaese

 
L'Analisi
Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

 
L'editoriale
Pd, Emiliano sbatte la porta: i suoi fuori dalla segreteria

Lo schiaffo del vincitore al fronte sovranista

 
Il ricordo
Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

 
Lettera alla Gazzetta
Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiBlitz della Ps
Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: eseguite 13 misure cautelari

Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: eseguite 13 misure cautelari

 
BariL'udienza
Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

 
HomeIl delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

 
BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
FoggiaOrdinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 
NewsweekL'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 

i più letti

negazionismo

Storia sottosopra sulla Shoah, e uno su cinque omaggia il Duce

I dati diffusi ieri dall’Eurispes col «Rapporto Italia 2020» confermano che la rimozione della storia è un processo culturale già a pieno regime a livello sociale

Storia sottosopra sulla Shoah, e uno su cinque omaggia il Duce

In questi giorni rimbalza sui social una singolare foto-ricordo da Auschwitz: non è un selfie, e questo testimonia una certa complicità nella ricerca di questa immagine da parte anche di chi l’ha scattata. Una ragazza bruna, con i capelli lunghi, italiana, si è fatta fotografare mentre sorride in una plastica posa da discoteca saltando sui binari che conducono al campo di concentramento. Quella ragazza insomma è tra quegli studenti che hanno viaggiato con la propria scuola sul «treno della memoria» e che però non ha capito niente di questo viaggio, interpretandolo come una gita goliardica. Il fatto è che quella studentessa non è l’unica così impermeabile alla tragedia della nostra storia recente.
I dati diffusi ieri dall’Eurispes col «Rapporto Italia 2020» confermano che la rimozione della storia è un processo culturale già a pieno regime a livello sociale. Il rapporto descrive infatti un Paese che ha dimenticato, anzi rimosso, cancellato l’orrore nazista, tanto che arriva a negare quanto hanno vissuto i nostri genitori o i nostri nonni. Dal 2004 ad oggi è aumentato in maniera esponenziale il numero di quanti ritengono che la Shoah non sia mai avvenuta: erano solo il 2,7 per cento 16 anni fa, oggi sono il 15,6 per cento.

Risultano in aumento anche coloro che ridimensionano la portata del genocidio (dall’11,1 per cento al 16,1 per cento). Sfiora addirittura il 20 per cento la percentuale di quanti credono che Mussolini sia stato «un grande leader che ha solo commesso qualche sbaglio». E poi, variazioni stilistiche sul tema: «gli italiani non sono fascisti ma amano le personalità forti» (14,3% per cento); «siamo un popolo prevalentemente di destra» (14,1), «ordine e disciplina sono valori molto amati dagli italiani» (12,7).
Posto questo scenario, è naturale che i recenti episodi di antisemitismo siano considerati dalla maggioranza come casi isolati, persino come una bravata (37,2 per cento) ma sicuramente conseguenza di un diffuso linguaggio di odio e di razzismo (60,6 per cento). E in questo quadro, non stupiscono neppure le considerazioni intorno all’immigrazione: un quarto degli italiani ha un rapporto negativo con gli immigrati e uno su tre li vede come una minaccia all’identità nazionale. Rispetto a questo, consola dunque poter apprendere che per il 77,2 per cento degli italiani gli immigrati nel nostro Paese vengono sfruttati dai datori di lavoro italiani. Consola pure sapere che i social vengano considerati inaffidabili. Almeno questo...
Che i dati contenuti nel rapporto Eurispes siano allarmanti e insieme inquietanti è fuori di dubbio. Il negazionismo cresce, fecondato da ignoranza e qualunquismo. Certo, in un momento storico in cui si moltiplicano persino i teorici della «terra piatta», è facile negare le atrocità compiute dal nazismo e dai suoi complici. Ma questo ancora di più dovrebbe mobilitare le coscienze perché ciò che è stato non si ripeta mai più.

Negare la Shoah è un ossimoro, una contraddizione della storia, è lo sbiancamento dell’evidenza. Shoah è termine ebraico: in italiano viene tradotto come «tempesta devastante». E tale fu il genocidio nazista, questo fu lo sterminio dei bambini, degli ebrei, ma anche dei rom, dei malati terminali, degli invalidi, degli omosessuali.
Questi dati parlano chiaro e sono sconcertanti. Queste percentuali impongono un cambio di registro nel linguaggio della politica, intesa troppo spesso come ring e sempre meno come dialogo e come confronto. Questi dati documentano gli effetti di una dialettica rissosa e urlata, come se abbia più ragione chi più alza la voce.
La scuola ne esce male, sicuramente. Perché è a scuola che si impara la storia, ma la scuola non ce la fa a star dietro a tutto: non è più l’unica agenzia di istruzione ed è ancora legata a programmi ministeriali ripetitivi che non consentono di approfondire il Novecento se non negli ultimi mesi di lezione dell’ultimo anno di studi.
Non è un caso neppure che, accanto a questi dati, il rapporto Eurispes racconti anche un calo di fiducia nelle istituzioni. Sappiamo pure quanta sfiducia si respiri sotto il profilo economico e occupazionale, quanta paura per il futuro incerto si avverta in giro, per strada e negli uffici.
Diffusi a ridosso della «Giornata della Memoria», questi dati sconfortano, ma nello stesso tempo spronano all’azione, perché confermano che solo se abbiamo parole di memoria possiamo avere parole di futuro. L’alternativa è la ripetizione degli errori del passato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie