Sabato 29 Febbraio 2020 | 08:47

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Bentornati cari ragazzi fuggiti due volte

Bentornati cari ragazzi fuggiti due volte

 
la denuncia
Coronavirus, la lettera: «Incredibile, congelati i neomedici»

Coronavirus, la lettera: «Incredibile, congelati i neomedici»

 
L'editoriale
Uno Stato emotivo portato alla depressione

Uno Stato emotivo portato alla depressione

 
La curiosità
L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

 
Il punto
Il vaccino della «pulce» fa guarire dalla paura

Il vaccino della «pulce» fa guarire dalla paura

 
Il commento
I danni all’economia e i danni all’immagine

I danni all’economia e i danni all’immagine

 
Il punto
Ma non dobbiamo dare un calcio al pallone

Ma non dobbiamo dare un calcio al pallone

 
L'analisi
Non è ancora pandemia ma sui «social» è pandemonio

Non è ancora pandemia ma sui «social» è pandemonio

 
Il commento
L'alfabeto imperfetto della tempesta perfetta

L'alfabeto imperfetto della tempesta perfetta

 
L'analisi
Restare uniti: l’esame di maturità per la politica

Restare uniti: l’esame di maturità per la politica

 
Il commento
La chiesa e il vocabolario del «metodo barese»

La chiesa e il vocabolario del «metodo barese»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

 
LecceL'allarme
Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

Il commento

Le collette da migliaia di euro per difendere i tifosi del Rionero

Avviata la raccolta fondi per sostenere le spese legali dei 24 tifosi rioneresi arrestati nell'ambito dell'inchiesta sull'agguato del 19 gennaio

Le collette da migliaia di euro per difendere i tifosi del Rionero

foto Tony Vece

«Non si può morire d'amore, ciao Fabio». Ma era amore l'agguato dei supporter del Rionero quella domenica bestiale del 19 gennaio scorso? Mazze e tirapugni, mica fiori e carezze. Tra tifosi si fa quadrato, ci si giustifica, si alza un muro. Accade anche tra quelli del Potenza e del Rionero in nome di un gemellaggio storico. E così nella curva dello stadio Viviani del capoluogo lucano è apparso lo striscione in cui si saluta il tifoso investito e ucciso a Vaglio scalo, pronto a morire per la patria. Bianconera, come i colori sociali rioneresi. La passione per il calcio e la lealtà tra tifoserie non devono annebbiare le idee. In questa storia, di amore non c'è proprio nulla. Ma nemmeno un atomo. È una vicenda di odio, di campanilismo esasperato, di violenza, diciamo le cose come stanno.

È vero, l'umana pietà non si nega a nessuno, finanche ai mafiosi e ai criminali più incalliti. Pietà e compassione per una vita spezzata, per un'anima da raccomandare al Signore, per una pecora smarrita. Pietà anche per Fabio Tucciariello e per la sua famiglia. Non parliamo, però, di amore. Non è amore aspettare l'arrivo dei tifosi avversari incappucciati e in assetto di guerra. Non è amore portarsi dietro mazze, cavi elettrici e altri corpi contundenti. Non è amore amare la propria squadra al punto da aggredire chi ha una fede calcistica diversa.

Non sappiamo chi abbia materialmente redatto quello striscione, magari è il frutto di una condivisione all'interno della curva rossoblù, il che confermerebbe quanto emergeva dai primi commenti subito dopo l'accaduto, nei quali più che condannare l'aggressione, facendo leva sulla «sacra» alleanza calcistica con il Rionero, si è tentato di attribuire la responsabilità alla tifoseria melfitana, oggetto dell'imboscata, solo perché inserita tra quelle «indesiderate», «nemiche». In linea con quanto accaduto pochi minuti dopo la notizia della morte di Tucciariello: sugli spalti dello stadio di Catania, dove il Potenza giocava contro i padroni di casa, i sostenitori potentini si sono chiusi in silenzio e hanno abbandonato l'impianto. Senza chiedersi di chi fosse la colpa dell'incidente, senza tentare di capire la dinamica. Domenica scorsa, quando il quadro accusatorio era già chiaro e inequivocabilmente inchiodava i tifosi del Rionero, sono rimasti in silenzio per tutti i 90 minuti durante il match contro il Bisceglie, lasciando parlare solo lo striscione «incriminato».

Lutto prolungato per il fratello del tifo a cui dimostrare lealtà, spirito corporativo da ultras. Al di là di tutto, dei fatti, della violenza, delle accuse. Dietro questa linea di confine si collocano tutti quei cittadini che stanno raccogliendo fondi per sostenere le spese legali dei 24 tifosi rioneresi arrestati nell'ambito dell'inchiesta sull'agguato del 19 gennaio. Sono state avviate tre collette, due delle quali su internet: le donazioni vanno da 20 a 600 euro e sarebbero già state raccolte decine di migliaia di euro.

Un atteggiamento che dimostra come tutti i discorsi sulla violenza nel mondo del calcio, sull'assurdità di certi atteggiamenti, sulla necessità di cambiare registro siano dei concetti astratti. Chi raccoglie fondi per gli indagati, oltre a non spendere una parola di condanna per il «commando», si sta comportando come i sodali dei boss. E magari non sa neppure che rischia di commettere un reato: chiedere soldi per i carcerati non è un atto di elemosina, ma può rappresentare un'estorsione. Lo dice la Corte di Cassazione in riferimento a un episodio accaduto a Salerno: raccogliere contributi da destinare a detenuti uniti da un'accusa, secondo la Suprema Corte, contiene un'implicita minaccia perché evocativa dell'appartenenza a un gruppo. Un gruppo che con mazze e tirapugni ha agito per la visione distorta di una rivalità sportiva. Morire di calcio è già successo più volte. Ed è la morte più assurda che ci sia. Facciamo che non accada mai più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie