Mercoledì 05 Agosto 2020 | 12:52

NEWS DALLA SEZIONE

L'EDITORIALE
La filosofia del gattopardo sulla questione femminile

La filosofia del Gattopardo sulla questione femminile

 
L'ANALISI
Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete,

Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete

 
Il punto
L’incredibile certezza degli italiani che il peggio debba sempre colpire gli altri

L’incredibile certezza degli italiani che il peggio debba sempre colpire gli altri

 
L'editoriale
Una narrazione «eroica» col trionfo della pancia, Mingardi

Una narrazione «eroica» col trionfo della pancia

 
L'analisi
Che Croce guidare l’istruzione in un paese dimentico dei grandi maestri

Che croce guidare l’istruzione in un Paese dimentico dei grandi maestri

 
il punto
Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

 
L'EDITORIALE
Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

 
il punto
Da Bruxelles alla penisola, il miracolo è a mezzogiorno

L’Europa: è il Sud il nuovo miracolo italiano

 
Il punto
La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

 
L'ANALISI
Salento spiazzato senza la taranta

Salento spiazzato senza la taranta

 
L'EDITORIALE
Rileggere Andreatta: promemoria sul bilancio

Rileggere Andreatta: promemoria sul bilancio

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil caso
Taranto, imprenditore truffa la Regione. L'Avvocatura gli fa sequestrare la casa

Taranto, imprenditore truffa la Regione: Avvocatura gli fa sequestrare casa

 
Batl'episodio a giugno
Minore pestato dal branco a Bisceglie: arrestati altri 6 minori

Minore pestato dal branco a Bisceglie: arrestati altri 6 minori

 
Barila decisione
Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

 
PotenzaSANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
MateraL'EROSIONE
Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia

Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia: lidi in ginocchio

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 
Foggiacaporalato
Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

 

i più letti

il punto

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Servono capitali freschi per rifare i vecchi impianti e costruire i nuovi, bisogna convincere la famiglia Mittal a restare in Italia oppure formare una nuova società

Ilva

Il sentiero è stretto ma tenere insieme lavoro e salute, acciaio e ambiente, salvare insomma lo stabilimento siderurgico di Taranto con i suoi ventimila dipendenti diretti e indiretti senza per questo condannare Taranto e i tarantini a un futuro fatto di monocolture economiche e malattie rappresenta ormai un passaggio obbligato per il premier Conte e il suo esecutivo.

Proprio sull'Ilva, la maggioranza composta da Pd e Movimento 5 Stelle ha litigato in lungo e largo per anni, apparecchiando visioni diverse.

Visioni quasi sempre contrapposte e spesso poggiate sugli slogan dell'acciaio tarantino indispensabile per la manifattura italiana (quest'anno i coils made in Taranto non arriveranno nemmeno al 20 per cento della produzione tricolore) e della chiusura delle fonti inquinanti (non c'è industria, come automobile o perfino scooter che non inquini: bisogna vedere dove lo fa e quanto lo fa).

Per tenere tutto assieme, ormai è convinzione diffusa nella maggioranza che sostiene Conte, a parte eccezioni fondate più su digiuni di potere che altro, occorre cambiare il modo di fare acciaio a Taranto, puntando sul progressivo addio al carbone proposto due anni fa dalla cordata AcciaItalia (con dentro gli indiani di Jindal, gli italiani Arvedi e Del Vecchio e lo Stato tramite Cassa depositi e prestiti) e quasi sdegnosamente snobbata dai Calenda boys che invece scommisero su ArcelorMittal, il numero uno al mondo nella produzione dell'acciaio, strenuamente legata al ciclo integrale.

Ma cambiare modo non è semplice. Occorre una precondizione (assicurarsi tariffe energetiche competitive, quelle finora sempre promesse e sistematicamente negate a Jindal che infatti frena su Piombino), servono capitali freschi per rifare i vecchi impianti e costruire i nuovi, bisogna convincere la famiglia Mittal a restare in Italia oppure formare una nuova società che metta assieme le competenze maturate nell'amministrazione straordinaria, qualche signore dell'acciaio italiano (Arvedi?) e le società partecipate pubbliche in grado di garantire da un lato le tecnologie necessarie per cambiare verso all'acciaieria di Taranto e dall'altro ordini consistenti utili per assicurarsi un futuro senza grossi affanni di mercato.

Il tempo è tiranno. All'udienza del 20 dicembre prossimo dinanzi al tribunale civile di Milano bisognerà arrivare con un accordo o quantomeno una pre-intesa. Ma già domani ai sindacati, capaci ieri di mobilitare migliaia di operai a Roma, organizzando uno degli scioperi più riusciti degli ultimi tempi in termini di adesioni in fabbrica, bisognerà fornire una prospettiva, spiegare se davvero l'annuncio di ArcelorMittal di dover mandare a casa 4.700 operai tra il 2020 e il 2023 sia stata l'ennesima minaccia calata sul tavolo delle trattative da Lucia Morselli per spuntare migliori condizioni o se invece il piano del Governo, anticipato ieri dalla Gazzetta, sarà in grado di riassorbire tutta la forza lavoro.

Una comunità fortemente provata come quella tarantina non può accettare ulteriori giri di valzer, sopportare a lungo folate di incertezza, resistere ad altre campagne elettorali basate sui suoi posti di lavoro e sulle sue condizioni di salute. Sia benedetto il «Cantiere Taranto» in corso di varo dal premier Conte ma i cantieri belli sono quelli che si aprono e soprattutto si chiudono nei tempi e nei risultati promessi e qui, in riva allo Jonio, c'è disperato bisogno di fatti, avendo esaurito gli spazi ove contenere le parole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie