Martedì 21 Gennaio 2020 | 21:45

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

 
L'analisi
Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

 
il punto
Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

 
L'analisi
I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

 
Il commento
Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

 
Il commento
Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. purtroppo

Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. Purtroppo

 
Il commento
Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

 
Il caso
Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

 
Il punto
Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

 
L'analisi
L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

 
L'analisi
Divergenze parallele sul celibato dei preti

Divergenze parallele sul celibato dei preti

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

il punto

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Servono capitali freschi per rifare i vecchi impianti e costruire i nuovi, bisogna convincere la famiglia Mittal a restare in Italia oppure formare una nuova società

Ilva

Il sentiero è stretto ma tenere insieme lavoro e salute, acciaio e ambiente, salvare insomma lo stabilimento siderurgico di Taranto con i suoi ventimila dipendenti diretti e indiretti senza per questo condannare Taranto e i tarantini a un futuro fatto di monocolture economiche e malattie rappresenta ormai un passaggio obbligato per il premier Conte e il suo esecutivo.

Proprio sull'Ilva, la maggioranza composta da Pd e Movimento 5 Stelle ha litigato in lungo e largo per anni, apparecchiando visioni diverse.

Visioni quasi sempre contrapposte e spesso poggiate sugli slogan dell'acciaio tarantino indispensabile per la manifattura italiana (quest'anno i coils made in Taranto non arriveranno nemmeno al 20 per cento della produzione tricolore) e della chiusura delle fonti inquinanti (non c'è industria, come automobile o perfino scooter che non inquini: bisogna vedere dove lo fa e quanto lo fa).

Per tenere tutto assieme, ormai è convinzione diffusa nella maggioranza che sostiene Conte, a parte eccezioni fondate più su digiuni di potere che altro, occorre cambiare il modo di fare acciaio a Taranto, puntando sul progressivo addio al carbone proposto due anni fa dalla cordata AcciaItalia (con dentro gli indiani di Jindal, gli italiani Arvedi e Del Vecchio e lo Stato tramite Cassa depositi e prestiti) e quasi sdegnosamente snobbata dai Calenda boys che invece scommisero su ArcelorMittal, il numero uno al mondo nella produzione dell'acciaio, strenuamente legata al ciclo integrale.

Ma cambiare modo non è semplice. Occorre una precondizione (assicurarsi tariffe energetiche competitive, quelle finora sempre promesse e sistematicamente negate a Jindal che infatti frena su Piombino), servono capitali freschi per rifare i vecchi impianti e costruire i nuovi, bisogna convincere la famiglia Mittal a restare in Italia oppure formare una nuova società che metta assieme le competenze maturate nell'amministrazione straordinaria, qualche signore dell'acciaio italiano (Arvedi?) e le società partecipate pubbliche in grado di garantire da un lato le tecnologie necessarie per cambiare verso all'acciaieria di Taranto e dall'altro ordini consistenti utili per assicurarsi un futuro senza grossi affanni di mercato.

Il tempo è tiranno. All'udienza del 20 dicembre prossimo dinanzi al tribunale civile di Milano bisognerà arrivare con un accordo o quantomeno una pre-intesa. Ma già domani ai sindacati, capaci ieri di mobilitare migliaia di operai a Roma, organizzando uno degli scioperi più riusciti degli ultimi tempi in termini di adesioni in fabbrica, bisognerà fornire una prospettiva, spiegare se davvero l'annuncio di ArcelorMittal di dover mandare a casa 4.700 operai tra il 2020 e il 2023 sia stata l'ennesima minaccia calata sul tavolo delle trattative da Lucia Morselli per spuntare migliori condizioni o se invece il piano del Governo, anticipato ieri dalla Gazzetta, sarà in grado di riassorbire tutta la forza lavoro.

Una comunità fortemente provata come quella tarantina non può accettare ulteriori giri di valzer, sopportare a lungo folate di incertezza, resistere ad altre campagne elettorali basate sui suoi posti di lavoro e sulle sue condizioni di salute. Sia benedetto il «Cantiere Taranto» in corso di varo dal premier Conte ma i cantieri belli sono quelli che si aprono e soprattutto si chiudono nei tempi e nei risultati promessi e qui, in riva allo Jonio, c'è disperato bisogno di fatti, avendo esaurito gli spazi ove contenere le parole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie