Sabato 30 Maggio 2020 | 10:54

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
I signori della rete nel recinto dell’odio

I signori della rete nel recinto dell’odio

 
Il punto
America di ieri. Europa di oggi

America di ieri. Europa di oggi

 
La riflessione
Tornate da Nord a studiare nelle università del vostro Sud

«Ragazzi tornate dal Nord a studiare nelle università del vostro Sud»

 
L'Editoriale
Così regolati così sregolati il pandemonio della pandemia

Così regolati, così sregolati: il pandemonio della pandemia

 
Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

 
Il commento
Non come eravamo prima ma come saremo dopo

Non come eravamo prima ma come saremo dopo

 
L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiail colpo
Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

 
LecceParenti serpenti
Lecce, lite sull'eredità, 70enne fericse due cognati a colpi di forbici

Lecce, lite sull'eredità, 70enne ferisce 2 cognati a colpi di forbici

 
GdM.TVOggi la festa
Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia  omaggia il Santo Patrono

Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia omaggia il Santo Patrono

 
BariTragedia sfiorata
Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltelate: 21 denunciati dalla Polizia

Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltellate: 21 denunciati dalla Polizia

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 
MateraLa decisione
Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

 
TarantoIl caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
BatLa decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 

i più letti

Caso Mittal

Taranto, forse sarà meglio preparare il Piano B

Gli interrogativi che si celano dietro le notizie sul siderurgico

Ex Ilva, sindacati: anomalie su assunzioni e esuberi

Siderurgico. Facciamo il punto. Lucia Morselli, presidente e dd di AmInvestco Italy ha comunicato che sono in pagamento le fatture di gran parte delle aziende dell’indotto con il loro scaduto al 31 ottobre. Tuttavia da quanto trapela da alcuni imprenditori interessati pare che il saldo del dovuto non sia stato il 100% dell’importo, ma il 65-70%.

Avvocati di ArcelorMittal e dell’Amministrazione straordinaria inoltre hanno lavorato per posticipare il pronunciamento del Tribunale di Milano sull’istanza di recesso dal contratto di affitto finalizzato all’acquisto dell’intero Gruppo e sul ricorso urgente contro tale istanza presentato dall’AS. Infatti dopo l‘incontro svoltosi venerdì scorso fra il presidente Conte e i Mittal - che ha individuato un percorso ventilato l’ipotesi di addivenire ad un nuovo piano industriale e ambientale che non escluda l’avvio di un progressivo processo di decarbonizzazione ed un ingresso di capitale pubblico in Am Investco Italy - i tecnici di Governo e azienda starebbero lavorando a individuare le linee di tale nuovo piano industriale, il cronoprogramma per avviarlo e completarlo, le risorse necessarie e gli eventuali esuberi di personale che emergessero.

Questi sono i fatti salienti degli ultimi giorni noti al grande pubblico. Ma su ciò che sta accadendo nella fabbrica e dietro le quinte – pur nel doveroso rispetto della riservatezza sui lavori in corso - alcune domande sorgono spontanee. La prima: in queste settimane su quante colate giornaliere come sta marciando il sito di Taranto ? E le materie prime per il suo esercizio - che da indagini della Magistratura erano risultate quasi del tutto esaurite - sono state acquistate ? E quelle che lo erano già state sono state poi consegnate ? Che movimentazioni registra al riguardo l’Autorità di sistema portuale del capoluogo ionico ? Inoltre ad oggi e sino a fine anno vi sono commesse per il sito ? E l’azione commerciale è tuttora in corso, o è stata rallentata in vista degli esiti della trattativa fra Governo ed azienda ? E le manutenzioni ordinarie sono tutte in corso e i pezzi di ricambio sono stati acquistati ?

Circa poi le linee di un nuovo piano industriale, si è appreso che l’Esecutivo si sta avvalendo degli expertise del Gruppo Rina che controlla il CSM-Centro di sviluppo dei materiali che era già una struttura della Finsider, ma poi abbandonato dal Gruppo Riva. Il suo amministratore delegato l’Ing.Ugo Salerno ha dichiarato opportunamente che la sua organizzazione: 1) ha conoscenze specifiche dell’impianto di Taranto; 2) che collabora con il Politecnico di Milano e un suo autorevole docente di siderurgia come il prof.Mapelli, già consulente a suo tempo di Bondi; 3) che ha già lavorato con la Morselli alle Acciaierie di Terni: 4) che già collabora con i Commissari straordinari di Ilva. Secondo l’Ing. Salerno il percorso di un nuovo piano dovrebbe innanzitutto “mettere tecnologicamente in ordine quello che c’è, rendendolo ambientalmente compatibile e poi avviare un graduale (il corsivo è nostro) processo di decarbonizzazione verso un utilizzo del gas e dell’idrogeno. Ma bisognerà conservare l’elevata qualità dell’acciaio che si produce a Taranto, altrimenti non vi sarà partita con i prodotti cinesi”.

Affermazioni queste che rimandano subito alla soglia di capacità produttiva che si vorrebbe conservare nell’acciaieria tarantina, ai costi e ai tempi che il percorso da lui delineato renderebbe probabili, all’ammontare dei capitali di avviamento per il nuovo ciclo di investimenti e ad eventuali incentivi europei per la decarbonizzazione, ed infine agli esuberi di personale che risultassero inevitabili. E una volta stabilito il quadro del cosa fare, con quali risorse, in che tempi e con quali costi sociali, bisognerebbe stabilire poi la percentuale da dividersi fra capitale privato ed eventuale presenza pubblica nella AmInvestco Italy. E ancora, se si stabilisse di comune accordo fra Governo ed azienda che una partecipazione pubblica fosse utile, quale società a controllo pubblico del nostro Paese dovrebbe assicurarla?

Si è detto negli ultimi giorni Invitalia, ma a parere di chi scrive non sembra che questa società abbia le risorse sufficienti per un intervento che, se fosse deciso sia pure in quota minoritaria, dovrebbe comunque assumere dimensioni ragguardevoli. Si impegnerebbero allora capitali della Banca del Mezzogiorno, controllata da Invitalia, ammesso che lo statuto lo consenta ? A meno che non si voglia istituire un fondo di dotazione da affidare ad Invitalia per consentirle di entrare nel capitale del soggetto societario di attuazione dell’investimento e di gestione degli impianti. Si tornerebbe così agli anni Ottanta quando Governi e Parlamento stanziavano i fondi di dotazione per le Partecipazioni statali.

Comunque, il percorso da compiersi verso un nuovo piano industriale che si vuole verificare con buona volontà da parte di Governo ed azienda, non è detto - per ammissione dello stesso Conte - che sia destinato poi ad avere successo, molti essendo gli elementi di particolare complessità che lo caratterizzano, cominciando proprio dalle ingenti risorse pubbliche e private necessarie per portarlo a compimento. Sarebbe opportuno pertanto che il Governo preparasse un piano B perché la comunità tarantina – e con la essa la business community meccanica italiana - non possono restare in balia di ipotesi che potrebbero rivelarsi alla lunga anche del tutto impraticabili. Tale prudente decisione sarebbe sicuramente apprezzata dall’Arcivescovo di Taranto Monsignor Santoro, preoccupato come tutti noi di una situazione che continua a presentare forti margini di incertezza.
Federico Pirro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie