Giovedì 09 Luglio 2020 | 13:48

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Quella voglia matta di tornare alle urne Prima pagina

Quella voglia matta di tornare alle urne

 
Analisi
Se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

Termoli-Lesina: se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

 
Il punto
La rivoluzione? Stop ai timbri e linguaggio comprensibile

La rivoluzione? Stop ai timbri e linguaggio comprensibile

 
L'analisi
Il luglio caldo della politica tra resistenze e spallate

Il luglio caldo della politica tra resistenze e spallate

 
L'opinione
Covid? Ci siamo illusi. Non siamo migliori

Covid? Ci siamo illusi. Non siamo migliori

 
Il punto
Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

 
L'ANALISI
Il tesoro dei santi medici al tempo della pandemia

Il tesoro dei Santi Medici al tempo della pandemia

 
L' editoriale
Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

 
Analisi
Osare significa facilitare la vita

Osare significa facilitare la vita

 
L'Analisi
Siamo tornati nella palude dell’epoca Ante Covid

Siamo tornati nella palude dell’epoca ante covid

 
L'analisi
Menopausa post covid

Menopausa post covid

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatVerso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 
MateraInnovazione
Matera avrà la prima Casa della tecnologia

Matera avrà la prima Casa delle tecnologie emergenti

 
PotenzaAbusivismo
Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

 
Bariconsuntivo
Bari Policlinico, bilancio 2019 in «rosso» ma recupera 27 mln rispetto all'anno precedente

Bari Policlinico, bilancio 2019 in «rosso» ma recupera 27 mln rispetto all'anno precedente

 
FoggiaIndagini Gdf
Alberona, gestione familiare appalti comunali: sospesi 2 funzionari Ufficio tecnico

Alberona, gestione familiare appalti comunali: sospesi 2 funzionari Ufficio tecnico VIDEO

 
TarantoLa firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
Brindisinel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 

i più letti

Il punto

Quest’autunno fra tasse da pagare e nudi di donna

Basta, basta, dicono dai Comuni e dalle prefetture. E basta, aggiunge il cittadino onesto e educato, che paga le tasse come da calendario. Anche la prossima feroce Imu.

Bari, le sanzioni ridotteper i «ritardatari» Imu

Spigolature autunnali. La prima. Giorni fa, a Bari, ho colto una locuzione adirata, anzi, uno sfogo imbestialito. Un tale, all’edicola, leggiucchiando un titolo di un giornale finanziario in cui si parlava del fisco esoso che si avventerà ancora, non solo sui guadagni da lavoro, sui redditi qualsivoglia, ma anche sulla casa, compitava: «Irpef, Iva, l’Imu» e concludeva sbuffando, «Li murt ca’ tin». A voce bassa, mormorando quasi e indirizzando quella giaculatoria insultante ad un «tu» preciso, non generico o immaginario, quel «tu» che era lo Stato, il governo, il ministero delle Finanze, quel prossimo gabelliere esoso che gli, ci e vi sta rovinando l’aspettativa del Natale.

In attesa di varare, finalmente, dopo le ringhiose concessioni della Commissione europea, la legge finanziaria, il governo programma il suo calendario con sottigliezze astute e astuzia di sottigliezze e balzelli e inasprimenti fiscali frutto di fantasia operosa e furbizie di ogni risma. E, non contento di istigare ansia, ci ricorda da tempo, e ogni giorno, che lo Stato, quando vuole, ha fantasia e, da tempo immemorabile, se la piglia sempre e solamente con gli stessi: i deboli refrattari alle astuzie, alle ritrosie furbastre, all’elusione, all’evasione, al furto contro la collettività. E, forse, quell’uomo della strada avrebbe preferito un calendario semplice e profumato: i santi al posto giusto e un fiore per ogni giorno, invece che una scadenza fiscale. Ecco perché insolentiva trapassati e antenati di quel mostruoso essere tentacolare che raduna nel suo corpaccione famelico le decine di migliaia di evasori che, con la loro attività criminale, rubano allo Stato, agli altri contribuenti, ai cittadini onesti centocinquanta miliardi di euro ogni anno. «Li murt di chidd» , si direbbe in vernacolo vendicativo.

Ogni anno, arrivato il mese di luglio possiamo, noi Italiani, pensare a noi stessi. Pare, a conti fatti, fatti da malinconici esperti contabili e da economisti depressi, che, con la fine di giugno, entrando nella costellazione del Cancro, abbiamo finito di lavorare per lo Stato, di pagare, cioè, tasse e balzelli di ogni tipo e natura e possiamo pensare a noi stessi, a fare una vacanza, a comprare una camicia, a mettere da parte due soldi per la riapertura delle scuole, il rinnovo del guardaroba e dei libri di testo. E del diario. Su questo pregheremo i figli di appuntare la data che segnerà, l’anno prossimo, il limite temporale del lavoro in cui ci prodighiamo per lo Stato e l’inizio del lavoro che facciamo per noi stessi. E per le nostre famiglie. Sarà, temo, spostato alla costellazione del Leone in cui, peraltro, ci trovammo mentre ancora pagavamo balzelli, mentre il governo Conte 1 si scioglieva al sole ferragostano e alle aggressività leghiste. Mentre il carrettiere cambiava i cavalli alla stazione di posta del partito democratico, ma non cambiava idea sul fallimentare «reddito di cittadinanza», abbiamo girato la pagina dell’almanacco da muro e abbiamo doppiato la metà dell’anno, anzi, eravamo ben oltre. Ottobre è finito e abbiamo squadernato la decima pagina, la decima figura, quella delle vendemmie autunnali. E siamo a novembre. Nella pagina arriva l’allarme dell’anticipo delle tasse. Natale sobrio, per non dire rinsecchito, si profila sul calendario.

Seconda spigolatura autunnale. Amo i calendari. Da bambino li guardavo incantato: non solo quelli illustrati da vedute di paesi lontani o impossibili: plaghe fiorite, incantevoli baie di sirene, orridi meravigliosi di altitudini innevate. Io guardavo con avidità anche l’umile repertorio di giorni e santi compilato di righe rosse e nere con, al piede, la pudica pubblicità del digestivo delle fabbriche premiate o la reclame della farmacia o della tipografia che avevano stampato e regalato il calendario.
Il tempo, in quell’icona numeraria, mi sembrava regolato da mano umana che eccedeva la disciplina contabile del tipografo per dedicarsi al fluire delle stagioni e al repertorio delle effemeridi. Non capisco, oggi, chi espone i calendari con le donne nude. Io l’ho fatto, lo ammetto, ma ho abbandonato la pratica perché non si trovano più quelli con le signorine anonime e sconosciute, disegnate e velate. Mi mettevano allegria con quella neutralità della bellezza finta e smaltata: donne lontane e impossibili come le valli delle Svizzere almanaccanti d’un tempo, donne che non pretendevano d’essere corteggiate o sedotte, ma, con l’affabilità del loro silenzio di carta, chiedevano solo d’essere ammirate, irreali com’erano. I ritratti di donne vere non mi piacciono sull’almanacco, non mi piacciono perché, quelli, sì, sono artificiali e mi fanno sentire voyeur. Quelli di un tempo, eredi dei provocanti almanacchi da barberia, profumati di lavanda, erano civettuoli, maliziosi, mai scabrosi, con quelle donne anonime e immaginarie. Panorami docili allo sguardo malinconicamente svagato che dilatava il pudore privatissimo della paura per il tempo che passa in un’onda di fantasia quasi adolescenziale. Le foto di donne famose, poi, mi mettono in imbarazzo, non sono nude, sono discinte o svestite.

Terza spigolatura, a proposito di discinte. E discinti. Finalmente si sta affermando una sensibilità che si ribella all’arroganza del turista e del villeggiante (no, vacanziere no, non lo userò mai!). Spesso costoro si sentono legittimati e autorizzati a comportamenti incivili e scabrosi, per dir poco. Insozzano strade, parchi, piazze, chiese e monumenti, bivaccano insolenti e spogliati (nudi, no, il nudo è bello e loro sono orribili), mangiano e bevono dove capita, si lavano nelle fontane monumentali, scrivono sui muri, incidono affreschi, fotografano tutto e non guardano nulla. E quanto alle spiagge, viene la malinconia e vedere lo strame che ne fanno. Basta, basta, dicono dai Comuni e dalle prefetture. E basta, aggiunge il cittadino onesto e educato, che paga le tasse come da calendario. Anche la prossima feroce Imu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie