Martedì 12 Novembre 2019 | 03:42

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Governo, troppe le spinte centrifughe

Governo, troppe le spinte centrifughe

 
l'opinione
Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

 
l'opinione
In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

 
il commento
Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

 
L'analisi
Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

 
Il punto
Poveri giovani, se lavorate

Poveri giovani, se lavorate

 
L'analisi
Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

 
L'analisi
Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

 
L'analisi
Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

 
L'opinione
L'altra Italia, quella più bella che non ha bisogno di odiare

L'altra Italia, quella più bella che non ha bisogno di odiare

 
Il commento
Se la festa di Halloween a Bari diventa una catastrofe

Se la festa di Halloween a Bari diventa una catastrofe

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

l'opinione

In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

L’Italia è la seconda manifattura siderurgica europea con 23,4 milioni di tonnellate, 30 miliardi di fatturato e 75mila addetti dopo la Germania che da solo produce un terzo dell’acciaio europeo

Ilva

Nel 1946, davanti a una commissione dell’assemblea costituente, Oscar Sinigaglia, ingegnere di famiglia ebraica, collaboratore di Alcide De Gasperi e autore del Piano Sinigaglia per la siderurgia italiana, si presentò con queste parole: <Io difendo la siderurgia non solo perché ha 60mila operai ma perché è la base indispensabile per l’industria meccanica, perché considero quest’ultima uno dei più alti e importanti interessi italiani>. Su questi contenuti fu strutturata la politica industriale dell’Italia negli Anni Cinquanta del secolo scorso, gli anni del Miracolo economico, della ricostruzione e dello sviluppo industriale. Alla fine del decennio, a ulteriore integrazione del Piano Sinigaglia del 1948, la Finsider, la finanziaria dell’Iri fondata da Sinigaglia (morto poi nel 1954), scelse Taranto come sede del quarto centro siderurgico (gli altri, Cornigliano, Piombino e Bagnoli). Nel 1961 la prima pietra del primo complesso a ciclo integrale, nel 1965 il raddoppio. Erano ancora gli anni della crescita forte. Taranto diventò così il perno decisivo della siderurgia italiana. L’intuizione di Sinigaglia era giusta, la siderurgia accompagnò lo sviluppo industriale della meccanica.

L’Italia è la seconda manifattura siderurgica europea con 23,4 milioni di tonnellate, 30 miliardi di fatturato e 75mila addetti dopo la Germania che da solo produce un terzo dell’acciaio europeo. L’export della meccanica rappresenta il 58 per cento della produzione totale salvando così l’economia e la sovranità dell’Italia. Un milione gli occupati diretti. Se cade Taranto cade l’Italia. Questa è la realtà. La politica, immemore e cognitivamente sgretolata, non solo non conosce, ma si rifiuta di conoscere attraverso lo studio e la preparazione. Nessuno dei capi politici, nelle ultime stagioni, ha dimostrato capacità strategiche, lungimiranza e lealtà verso l’Italia. L’unica angoscia è il destino personale.

Dal 2012 in poi, anno dell’offensiva giudiziaria, i diversi governi hanno approvato 13 decreti, due ogni anno. Il Parlamento, ultimo la decisione del Senato di eliminare la copertura giuridica ai gestori della fabbrica, a volte si è mosso liberamente senza alcun vincolo di direzione politica in materia industriale. Ogni decreto diverso dall’altro, in base ai mesi e ai governanti. Mai una scelta coerente con un nucleo fondamentale di indirizzo industriale. Eppure, la stessa Italsider, nei primi anni, si è mossa con grande passione e lungimiranza. Il modello era l’Eni di Mattei. Un centro di ricerca, il Csm (Centro sperimentale matriali), una scuola di alta formazione, come quella fondata da Enrico Mattei a San Donato milanese. L’Italia all’avanguardia. Poi l’avvento dell’assistenzialismo, le derive clientelari, l’assenteismo in fabbrica, i sindacati corrotti, i politici alla ricerca spasmodica di soldi, il mercato delle consulenze, il disinteresse, i fallimenti. Una dissipazione morale e materiale. Nel 1985 le perdite della Finsider avevano superato i 7mila miliardi di lire. I diversi governi si sono mossi senza un programma delineato. Anche la privatizzazione con la famiglia Riva è avvenuta solo nelle stanze politiche. La questione ambientale non è stata mai affrontata e discussa in modo sincero e trasparente. . L’esempio più drammatico viene dalla Baia di Bagnoli a Napoli.

L’impianto di Bagnoli è stato il primo della siderurgia nel Mezzogiorno, voluto da Francesco Saverio Nitti (1868-1953). Nel 1980 un ministro si presentò davanti a duemila operai e disse: m’impegno a rinnovare la fabbrica in sei mesi, il nuovo stabilimento sarà molto più produttivo, pulito e salubre. Bagnoli non ha più riaperto e ancora oggi è una distesa di lamiere arrugginite, di discariche di metalli pesanti e di terre intossicate, tutto lungo una costa stupenda.

Mai in questi anni una scelta chiara. Solo incursioni personali. E scontri, con ogni attore ripiegato sul proprio disegno, a livello locale e nazionale. Nel vuoto si è inserita la magistratura, ma la giustizia non può risolvere i problemi di politica industriale né può determinare strategie efficaci. Due i momenti significativi. La scelta del commissario Enrico Bondi, il risanatore della Parmalat, dopo gli arresti del 2012-2013 per disastro ambientale. Bondi tenta di garantire una gestione corretta e presenta un piano per affrontare la questione ambientale, inclusa la possibilità di ricorrere al gas del Tap per sostituire il carbone coke e abbattere così le emissioni. Bonifica e nuovi impianti, spesa necessaria almeno quattro miliardi. Ma i governi i soldi li vogliono per altri obiettivi e tutto viene archiviato. La speranza è che i soldi li mettano i privati. Ma le aziende private i soldi li prendono dagli azionisti e dai privati, e li spendono solo se i soldi entrano dal mercato. Negli ultimi anni in tutto il mondo c’è una sovrapproduzione di acciaio, ovunque, dall’Asia, dove ci sono i nuovi campioni, all’Europa e agli Usa, dove il gas costa un terzo rispetto all’Italia.

Secondo grosso problema. Il ceto politico non capisce quello che avviene nel mondo. C’è chi fa viaggi, solo per turismo e senza risultati perché l’Italia è amata ma non stimata. Sfide di mercato e politica mediocre. In questo intreccio drammatico si trova oggi avviluppata la comunità di Taranto, la Puglia e l’intero Mezzogiorno. Sì, perché in trappola è l’intero Sud. L’Italia non ha più capitani d’industria coraggiosi e generosi, né manager di spessore e capaci di visione. Bisognerebbe imporre la lettura dell’ultimo discorso di Enrico Mattei a Gagliano Castelferrato in Sicilia, prima dell’esplosione del suo aereo nel cielo di Bascapè, sia nelle aule politiche sia nelle aule universitarie. Forse qualche frutto verrebbe. Perché sono rari i politici capaci di usare le parole con parsimonia e capacità di contenuti logici. Solo bassa retorica, nichilistica e demagogica. Una parte consistente del Parlamento vuole la chiusura dell’Ilva e 8300 dipendenti passare allo Stato. Se avessero letto le parole di Sinigaglia e quelle di Mattei forse a qualcuno i dubbi sarebbero venuti e l’Italia sarebbe migliore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie