Martedì 25 Giugno 2019 | 12:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il tour della Puglia di Antenuccitra cene, amici e calciatori

Il tour della Puglia di Antenucci tra cene, amici e calciatori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatFerrotramviaria
Strage treni: Corte d'Appello Bari accoglie ricusazione dei giudici

Strage treni: Corte d'Appello Bari accoglie ricusazione dei giudici
«La Regione non è responsabile civile»

 
PotenzaL'episodio 2 anni fa
Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

 
BrindisiMusica
Piano Lab, a Torre Guaceto concerto all'alba con William Greco

Piano Lab, a Torre Guaceto concerto all'alba con William Greco

 
BariNel Barese
Molfetta, GdF scopre negozio abusivo di abiti griffati, da Moncler a Gucci

Molfetta, GdF scopre negozio abusivo di abiti griffati, da Moncler a Gucci

 
LecceL'emergenza
Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

 
FoggiaL'annuncio
Foggia, ok da Palazzo Chigi a 43 progetti per 280 mln. Conte: lavoro di squadra

Foggia, ok da Palazzo Chigi a 43 progetti per 280 mln. Conte: lavoro di squadra

 
TarantoIl caso
Bonifiche, commissario Taranto: «Accordo da 12 mln per 4 Comuni»

Bonifiche, commissario Taranto: «Accordo da 12 mln per 4 Comuni»

 
MateraA Montescaglioso
Matera, cadde mongolfiera e morirono 2 studenti: chieste 4 condanne

Matera, cadde mongolfiera e morirono 2 studenti: chieste 4 condanne

 

i più letti

L'editoriale

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Se il presidente del Consiglio si dimette, cade l’intero governo. Se, invece, si dimette un singolo ministro, il titolare di Palazzo Chigi può sostituirli senza problemi rimanendo in carica

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Il presidente del Consiglio, in Italia, non ha i poteri dei capi di governo di altri Paesi democratici. Ma solo chi approda a Palazzo Chigi può ambire alla copertina della storia politica nazionale. In passato, in piena stagione democristiana, alcuni segretari e capicorrente dello scudocrociato contavano, nel partito, molto di più del presidente del Consiglio. Ma solo la guida dell’esecutivo assicurava un grado, un prestigio e uno status che il titolo di numero uno del partito poteva solo far sognare. Non a caso nessuno cita o ricorda più i nomi di quei personaggi chiave della Prima Repubblica che, pur avendo ricoperto cariche politiche e governative di indubbio rilievo, e pur avendo toccato straordinari livelli di influenza nel Paese, sono stati colpiti dalla dura legge dell’oblio

Guido Gonella (1905-1982), Benigno Zaccagnini (1912-1989), Paolo Emilio Taviani (1912-2001), Flaminio Piccoli (1915-2000), Antonio Bisaglia (1929-1984), Antonio Gava (1930-2008) e parecchi altri pezzi da novanta hanno gestito molto potere, nella Dc o nel governo, ma nessuno tra loro ha mai presieduto il Consiglio dei ministri, il che, diciamo, non ha giovato alla loro fama postuma. Solo chi, tra i big, democristiani e non, è riuscito a conquistare il Quirinale, ha potuto scongiurare il rischio della damnatio memoriae, anzi ha ottenuto molto di più in termini di carriera e popolarità, perché il Quirinale è il Quirinale, il sito più stabile e significativo della politica nazionale.


Ma torniamo alla particolare figura del capo del governo, disegnata dai costituenti - condizionati dal complesso del tiranno (dopo il ventennio mussoliniano) -, in guisa di primus inter pares. È vero. In Italia il presidente del Consiglio, a differenza dei suoi colleghi stranieri, deve badare più a mediare che a decidere, più a sopravvivere che a progettare. Ma se il presidente del Consiglio si dimette, cade l’intero governo. Se, invece, si dimette un singolo ministro, o se ne vanno più ministri, il titolare di Palazzo Chigi può sostituirli senza problemi rimanendo tranquillamente in carica.


Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono i due vicepresidenti del Consiglio più importanti mai visti sullo Stivale. Tanto che si sprecano le definizioni sull’esecutivo diretto dall’«avvocato del popolo»: diarchia, duumvirato, vicepresidenzialismo... Tutte formule tese a oscurare, se non a ignorare, il ruolo e l’identità del capo del governo.
Ma è davvero così? Un governo può fare davvero a meno del proprio capo formale, anche se costui è privo di un mandato elettorale, non dispone di una formazione politica di riferimento ed è stato scelto dai due principali azionisti della maggioranza spa? No. Un governo non può farne a meno, sia perché l’organo fa la funzione e la funzione fa l’uomo; sia perché all’estero bisogna parlare con una voce sola; sia perché, strada facendo, anche il più schivo, mite e disinteressato tra i premier si accorgerebbe che, per dovere e per piacere, gli incarichi di responsabilità vanno onorati, e che se la Costituzione attribuisce all’inquilino di Palazzo Chigi la prerogativa di coordinare l’attività dei ministri, prima o poi questa direttiva dovrà essere rispettata.


Dopo un anno di rodaggio, Giuseppe Conte ha preso confidenza con la macchina governativa, ma soprattutto si sta affrancando dall’ingombrante tutela dei suoi due dioscuri. Glielo consente il dettato costituzionale, glielo impone l’agenda quotidiana. Glielo suggerisce l’interesse generale dello Stato che, in una circostanza delicata come il richiamo dell’Europa all’Italia per il debito eccessivo, richiede una linea di condotta ragionevole e dialogante, senza colpi di testa o strappi istituzionali.


In breve. È vero che i due soci di maggioranza dell’attuale compagine ministeriale sono Salvini e Di Maio, ma, stringi-stringi, la golden share (la quota azionaria decisiva) la possiede Conte. È sufficiente, per Conte, ricordare che la sorte del governo è legata alle decisioni della presidenza del Consiglio, per calmare sùbito i bollenti spiriti di Matteo e Luigi, a meno che quest’ultimi non decidano di togliere la corrente a Palazzo Chigi e all’intera squadra di governo. Ma è risaputo che le crisi si sa come iniziano, ma non come finiscono. E oggi, nessuno tra Di Maio e Salvini, può sapere come evolverebbe il quadro politico se Conte comunicasse di andar via o se M5S e Lega lo silurassero mentre è al timone della nave. Troppe sono le variabili in campo. Troppe le esigenze. Troppi i retropensieri. Troppi i calcoli.


Il presidente del Consiglio ne è consapevole, sa pure che più la situazione s’ingarbuglia, più lui può alzare la voce per rivendicare il proprio ruolo costituzionale. Ad esempio, sa, Conte. che la controversia con l’Europa, non può concludersi con un salasso sulla pelle dei contribuenti italiani, cosa che farebbe da apripista al disimpegno dall’euro. Le macerie del tracollo europeo cadrebbero sulla testa di tutti, a cominciare da quella del capo del governo. Prospettiva che solo un kamikaze potrebbe accettare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie