Venerdì 26 Aprile 2019 | 08:50

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
La lezione del 25 aprile: l'Europa e le democrazie

La lezione del 25 aprile: l'Europa e le democrazie

 
L'analisi
Ma a crescere è sempre il debito pubblico

Ma a crescere è sempre il debito pubblico

 
Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

 
LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

La riflessione

Lo schiaffo di Tripoli dopo lo schiaffo di Tunisi?

Le notizie drammatiche provenienti dalla Libia e le indiscrezioni circa coinvolgimenti di Paesi terzi (leggasi Francia) negli scontri tra il Governo di Tripoli e l’esercito del Generale Haftar, non mancano di richiamare alla memoria degli storici l’antico “schiaffo di Tunisi”

Un dramma che richiede una strategia italiana

Le notizie drammatiche provenienti dalla Libia e le indiscrezioni circa coinvolgimenti di Paesi terzi (leggasi Francia) negli scontri tra il Governo di Tripoli e l’esercito del Generale Haftar, definito “signore della guerra” di Bengasi, non mancano di richiamare alla memoria degli storici l’antico “schiaffo di Tunisi” il colpo di mano francese con il quale Parigi occupò militarmente la Tunisia nel 1881 senza che il governo italiano – che aveva anch’esso delle mire sul Paese maghrebino - ne fosse al corrente. A causa delle polemiche l’allora Primo Ministro del Regno d’Italia Benedetto Cairoli dovette dimettersi e la Francia instaurò un Protettorato sulla Tunisia, Paese che divenne indipendente solo nel 1956.

Dallo schiaffo di Tunisi sono trascorsi centotrentotto anni e la situazione politica internazionale non autorizza a parlare di “schiaffo di Tripoli” da parte della Francia a discapito dell’Italia. E’ vero peraltro che all’epoca della creazione del Protettorato sulla Tunisia, questa divenne un importante fornitore di prodotti agricoli e di prodotti minerari (principalmente fosfati) verso la Francia. Oggi Parigi attraverso le sue grandi aziende è certamente molto interessata alla partita dell’influenza sulla produzione petrolifera della Libia, che detiene riserve di greggio stimate in 48 miliardi di barili con una produzione di circa un milione di barili al giorno. Si aggiunge che la gran parte dei pozzi è concentrata nelle zone orientali del Paese, controllate dal Generale Haftar, il quale intrattiene stretti contatti anche con la dirigenza egiziana, con Arabia Saudita ed alcuni Paesi del Golfo oltre che con la Russia di Putin.

La scena della crisi è quindi particolarmente complessa e comprende una molteplicità di attori. Il Governo italiano (l’Italia è il primo importatore di energia dalla Libia) appare alla ricerca di un percorso che le consenta di salvare la dirigenza libica che fa capo ad Al Serraj (peraltro l’unico governante riconosciuto a livello internazionale) e di far accettare alle Parti in conflitto una tregua e dei negoziati di pace nell’attesa che possa riprendere il cammino prospettato dalle Nazioni Unite di addivenire ad una Conferenza Nazionale sulla Libia, già prevista per il 14 aprile 2019, recentemente annullata. Senza dimenticare le conseguenze che la crisi in atto è in grado di far deflagrare sul piano delle urgenze migratorie dal Nord Africa verso le coste italiane.
I contatti di cui si è appreso dalla stampa fra Roma e Berlino sembrano attualmente esplorare una strada quasi obbligata: quella dell’Unione Europea o quanto meno quella dei maggiori membri fondatori dell’Unione Europea. La Cancelliera tedesca potrebbe essere incoraggiata ad utilizzare gli strumenti forniti – secondo quando a suo tempo ebbe a rivelare la stampa internazionale – dal recente Trattato franco-tedesco di Aquisgrana per mettere sul tavolo, coinvolgendo Parigi, la necessità di un’energica azione pacificatrice dell’Unione Europea nei riguardi delle parti che si confrontano in Libia, che però vada al di là delle generiche dichiarazioni finora emesse da Bruxelles ad opera dell’ Alto Commissario per la Politica Estera. Pensiamo a mo’ di esempio alla missione dell’allora Comunità Europea che nel 1991 inviò un contingente politico-militare, la European Community Monitoring Mission, in occasione dei conflitti che vennero originati dalla dissoluzione della Jugoslavia tra Slovenia e Croazia da una parte e Belgrado dall’altra.

Bene ha fatto il Presidente del Consiglio ad avocare a sé la trattazione del dossier libico assieme al titolare della Farnesina. E’ un dossier troppo delicato per essere lasciato a chi improvvisa quotidianamente allo scopo di ottenere consensi di parti dell’opinione pubblica. L’augurio che gli Italiani si fanno è che il modello comportamentale del Governo in questo difficile frangente sia basato sull’approfondimento, sulla serietà, e su competenza, concretezza, lungimiranza e senso dello Stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400