Giovedì 25 Aprile 2019 | 14:22

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Ma a crescere è sempre il debito pubblico

Ma a crescere è sempre il debito pubblico

 
Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIslam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

La riflessione

L’autonomia non fa cultura

Autonomia regionale: inesorabile destino italiano che tanto preoccupa i meridionali. Ma inevitabile perché lo abbiamo costruito un po’ tutti

E pensa tu se il Sud non fosse ignorato

Autonomia regionale: inesorabile destino italiano che tanto preoccupa i meridionali. Ma inevitabile perché lo abbiamo costruito un po’ tutti: dalle grandi forze politiche del passato DC e PCI, che sulla realizzazione delle Regioni strinsero un accordo forte eppure appena sussurrato, alle opinioni pubbliche locali a Nord come a Sud.Si realizzò un patto sociale che prevedeva la fine dello Stato unitario da tenere in piedi come apparenza anche se non lo confessavamo battendoci il petto in Chiesa.
Oggi l’autonomia coglie di sorpresa le Regioni meridionali sia per le conseguenze su delicati settori civili come la sanità, già malcondotta, su quelli economici come la agricoltura già a rischio per i cambiamenti climatici, il clientelismo localistico incapace di programmazione nell’età globale con i mandarini che arrivano dalla Tunisia, e proprio per la mancanza di capaci e stringenti politiche statali. Ed i settori di evasione e piacere come la cultura che fine faranno?
Sono possibili reali politiche di orgoglio culturale regionale?
Io personalmente l’ho creduto ma forse ho sbagliato e mi cospargo il capo di cenere. L’attuale TPP (Teatro Pubblico Pugliese) nasce dalla mia tenace volontà (e dalle mie illusioni) di allora di creare “infrastrutture immateriali culturali” nel Mezzogiorno. Quindi impostai molto bene, tant’è che non venne impugnata dal Governo, una legge famosa perché citata nei testi di diritto amministrativo come prima legge regionale sullo spettacolo, competenza che la Costituzione affidava allo Stato centrale. Roberto de Monticelli sul Corriere della Sera 16 maggio 1975 scriveva “La Puglia è in questo momento Regione all’avanguardia per la legge su teatro che vi è stata approvata”( Legge regionale n.16 approvata dal Consiglio regionale nel dicembre 1974 e promulgata nel gennaio 1975).
E anni dopo, quando l’invadenza regionale si andava sempre più precisando in diverse Regioni, il geniale regista Luca Ronconi (1933 – 2015) era certo che il teatro di prosa poteva sopravvivere in Italia regionalizzandosi.
Oggi possono tirarsi le somme. Il teatro di prosa italiano è in crisi profonda (bisogna dirlo ai giovani spesso buttati allo sbaraglio). Le classiche compagnie nazionali di giro stentano a sopravvivere ed i cast sono montati con qualche giovane, necessario per ottenere i contributi ministeriali, e degli attori conosciuti in TV con qualche riscontro di popolarità mediatica. La TV crea l’attore, il comico, il caratterista. Oggi non ci sarebbe spazio per un Ruggero Ruggeri e neppure per un Totò. Non a caso il cinema italiano crolla dinnanzi ai film francesi ancora con straordinari interpreti. Allora Regione e Teatro a stretto contatto anche per la pianificazione dei Teatri e le ospitalità. Il teatro sarà regionale e costruirlo non sarà facile. Il tempo delle infinite possibilità è finito. Sarà necessaria una legislazione coordinata, rigorosa trasparente ed un impegno serio formativo per giovani. Dovrà presiedere il tutto non l’arte della scena (cui non crede più nessuno: chi fa più uno Shakespeare integrale?) ma l’economia delle possibilità reali.
Il clientelismo e le illusioni fuori dalla porta degli Assessorati (e fuori dalla scena della politica).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400