Sabato 23 Marzo 2019 | 15:28

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaUn 72enne
Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

 
BariI fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
LecceA san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 
TarantoDivieto di avvicinamento
Taranto, aggredisce la sorella perché geloso del fidanzato

Taranto, aggredisce la sorella perché geloso del fidanzato

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
MateraPer porto d'armi bianche
Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 

L'analisi

Badante di condominio: la creatività dei lucani

In Basilicata la pensione media è di 580 euro e per garantirsi la presenza in casa di un'assistente bisogna sborsare non meno di 1.100 euro al mese

Le mani della mafia dell’Est  sul «business» delle badanti

Portiere o portinaio, al netto delle indicazioni lessicali dell'Accademia della Crusca, era la figura che incarnava un servizio condiviso tra gli inquilini dello stesso palazzo. Oggi è sempre più raro incontrarlo, acquattato nel suo «gabbiotto» all'ingresso del portone o alle prese con la posta da smistare. Ognuno penserà a ritirare la corrispondenza per conto proprio e qualcuno che lo sostituisca a origliare bisbigli da pianerottolo non mancherà di certo. Vuoi che non ci sia un vicino ficcanaso? Tra crisi, necessità di tagli alla spesa e condomini trasformati in dormitori, il portiere ormai è diventato un lusso che in pochi possono ancora permettersi.

Ma non è solo una questione puramente economica. Le esigenze dei residenti sono cambiate. Nei nostri palazzi c'è lo specchio di ciò che sta avvenendo sul territorio: i giovani vanno via e restano gli anziani. Spesso in perfetta solitudine. Trovi l'ottantenne vedovo, la nonna claudicante, reduce dall'operazione al femore, il pensionato a prova di decibel. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone che necessitano di compagnia e cure.

I più fortunati hanno il sostegno costante di figli e nipoti, i più facoltosi potrebbero permettersi una badante. Un momento, quali facoltosi? In Basilicata la pensione media è di 580 euro e per garantirsi la presenza in casa di un'assistente bisogna sborsare non meno di 1.100 euro al mese. Più vitto e alloggio. Considerazione alla base di un’idea imprenditoriale da cui è nata una sperimentazione a Potenza che sta riscuotendo interesse: la badante condominiale. Non la classica «dama di compagnia», la Irina o Svetlana che sui conti (propri) è più sveglia di un broker navigato, ma una operatrice socio sanitaria qualificata, in grado di intervenire anche per urgenze sanitarie. D'altra parte, l'anziano da assistere non è solo malato di solitudine. Il progetto lo sta portando avanti Michele Di Tolla, titolare della Sepim, società di multiservizi, registrando adesioni in diverse zone del capoluogo lucano e puntando l'attenzione soprattutto sui piccoli paesi, dove il potenziale bacino d'utenza, tra emigrazione e scarsa natalità, è consistente. L'assistenza condivisa con gli altri inquilini permette al pensionato di utilizzare la badante per il tempo di cui ha realmente bisogno e consente alla professionista di ottimizzare il proprio lavoro non perdendosi in spostamenti da una parte all’altra della città, svolgendo anche le stesse mansioni per più persone contemporaneamente come fare la spesa, cucinare, pulire casa, pagare le bollette, andare in banca o acquistare i farmaci necessari. Il tutto si traduce in un risparmio.

L'esperienza potentina è agli albori e, come dicevamo, sta calamitando consensi. Magari si otterranno quei risultati che altre città italiane non hanno registrato. E magari si riuscirà a centrare l'obiettivo laddove ha fallito perfino il nuovo «contratto collettivo nazionale per i dipendenti dei proprietari di fabbricati» al cui interno è prevista, al fianco di custodi, la badante di condominio. Prevista, certo, ma sfidiamo i lettori a indicarci un'amministrazione condominiale che abbia ingaggiato una figura professionale di questo tipo. La debolezza della proposta, probabilmente, è soprattutto di natura culturale, come segnala un sondaggio di Cergas Bocconi su un campione di anziani non autosufficienti: solo il 24 per cento si è dichiarato disponibile a condividere una badante con altre famiglie all’interno del proprio condominio o quartiere. C'è poi un aspetto organizzativo da tenere conto, con la badante che deve essere reclutata, coordinata e presidiata nella sua attività. Chi deve occuparsene? È molto difficile trovare famiglie disposte a farsi carico, anche economicamente, di questa incombenza. Lo sa bene la stessa Sepim che risolve il problema alla radice perché è la società che «ingaggia» la professionista, la valuta e la controlla nelle sue mansioni quotidiane, spalmando il costo su tutti i condomini. Assistiti, felici, contenti e con qualche euro in più in tasca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400