Giovedì 28 Maggio 2020 | 21:39

NEWS DALLA SEZIONE

il libro
Un road movie lungo i mari del Salento

«In bici lungo i mari del Salento»: il percorso di Roberto Guido in un libro e un road movie

 
tecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
La recensione
Una immagine del film

La speranza nel Sud di «Bar Giuseppe»: da oggi su Rai Play il film di Giulio Base

 
Ostaggi Selvaggi
Felice Laudadio con la moglie Orsetta Gregoretti

«Il Bif&est di Bari appeso a un filo»: Laudadio attende il 'sì' da Emiliano

 
IL PREMIO
Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

 
SPETTACOLI
Amore e accoglienza al «Bar Giuseppe»

Amore e accoglienza al «Bar Giuseppe»: il film di Giulio Base girato tra Puglia e Basilicata

 
fase 2
Wedding, a rischio 50mila matrimoni: la chiesa, il bacio, la sala e il ballo. I tanti «nodi»

Wedding, a rischio 50mila matrimoni: la chiesa, il bacio, la sala e il ballo, i tanti «nodi»

 
il libro
E Luca Bianchini manda baci da Polignano tra nozze e un «toy boy»

Luca Bianchini manda «Baci da Polignano», tra nozze e un «toy boy»

 
l'iniziativa
«L’Italia che canta». L’Orchestra di Bari online con la Cucinotta madrina

«L’Italia che canta»: l’Orchestra di Bari online con la Cucinotta madrina

 
L'idea
Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

 

Il Biancorosso

serie C
Il tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini

Il Bari pronto a tornare in campo: i play-off l’ipotesi più credibile

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

 
Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
Leccel'incidente
Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

 
Foggial'indagine
Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

 
Baritecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
Brindisinel Brindisino
Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

 
Batnella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Materatecnologia
veduta di Montescaglioso

Montescaglioso, dal Comune un «no» deciso alla sperimentazione 5G

 

i più letti

tipi da spiaggia

Derubato a Polignano
dei calzini
(e anche dell'auto)

Avventure semiserie di Alberto Selvaggi

calzini

di ALBERTO SELVAGGI

Mi sono stati rubati un paio di calzini color ciclamino, marca «Pompea», modello donna 39-40. Erano custoditi all’interno di una Nissan Micra 1500 diesel cinque porte di colore nero, sparita anch’essa con l’indumento sudato. Per cui se qualcuno dovesse avvistarli, alle zampe di negri furtivi magari, è pregato di avvisare i Carabinieri di Polignano a Mare.

Ero partito da Bari alle 12 con costume Roberto Ricci modello «Love & Peace» già innestato (sono tutti dati che potrebbero risultare utili agli investigatori). Imboccando il varco tra le nuove staccionate in stile Sud Tirolo ho raggiunto il parcheggio della cala di ciottoli Ponte dei Lapilli, poco prima di Cala Paguro (Paura), cioè dell’ingresso del paese. Ho sfilato le scarpe Lotto bianco avariato (ehi, ritrovatemi pure queste!), e i calzini ciclamino, posandoli (che schifo) sul sedile posteriore dell’auto intrisa di mare. Ho calzato le Crocs, prensili sugli scogli a pugnale, e ho raggiunto la punta estrema, a destra guardando l’infinità.
D’attorno non c’era traccia di infezione umana. Soltanto un amico di Polignano che si apprestava ad andarsene: «Guarda che fortuna che c’hai, tutto questo ora è tuo, sei l’unico proprietario, non ci sta nessuno manco di fronte né sulla spiaggia». Io, l’acqua, la roccia e ciò che rimane della mia anima.

Ho scattato foto, inviandole su WhatsApp con offese ai Barbieristi, ricchi e potenti habitué di uno storico figaro di Bari: «Fottetevi, ricottari». In mare avevo quasi caldo, avvezzato ai bagni invernali. Risalito, ho riposto le pudenda in un costume asciutto azzurro Rrd (anche questo può essere un elemento prezioso), stessa marca. Sdraiato in posizione «savasana» («del cadavere», pancia all’aria), ho focalizzato impressioni di morte: come cambia la nostra prospettiva nella consapevolezza della fine della vita, il camposantiere di Polignano, Giovanni, la sua Vespa celeste metallo, le sigarette strette nel sorriso del predecessore Ignazio, due vigilesse bionde che mi attesero oltre orario di sera fuori dal cimitero…
Ho dormito? Ho pensato? È lo stesso: che cambia? Mi sono voltato e ho riconosciuto una crapa: uno dei temibili Urlatori, cioè i giocatori di carte, che stavano arrivando alla spicciolata. Lontano Paolo, un addome parlante scolpito da Prassitele. Qualche turista. Alle 15 i Lapilli si ripopolavano. Altro bagno. Poi: «Beh, ciao, ragazzi, me ne vado… Ma…». Nella tasca sinistra mancavano 40 o 140 euro: memoria fallace. Nella destra c’era tutto lo spicciolame. «Sei sicuro che li avevi?». «Sì. Penso». «Hai visto qualcuno in giro?». «Manco un’ombra». «Hai dormito?». «Non credo, mi sono giusto steso». «Ma se russavi che si sentiva fino a qua!».

Risalendo la scogliera ho incontrato l’amichetto Ermanno: «Com’è, hai perso i soldi?». Raggiunto il parcheggio ho notato che la mia auto si era smaterializzata. Ho strizzato gli occhi ma, stranamente, non è ricomparsa. Allora ho infilato la manina nella tasca destra della giacca: mancava la chiave. Qualcuno aveva rubato i calzini ciclamino e – probabilmente a sfregio – anche l’involucro Nissan Micra 1500 in perfetto stato, non assicurata contro il furto, detta «U’ sciumm’» (La gobba) da Peppino del Bar di via Roma. Ho immaginato le facce dei ladri, visti i calzini appena maleodoranti, in bella mostra sul sedile con a piè le scarpe. Cosa avranno pensato?

Dal vuoto è sbucato un turese, vecchio amico del mare: «Alberto, quindi la Micra nera che ho visto passare alle ore 14.10 era tua, non come la tua! Arrivando ho visto un immigrato, negro, ma un poco sbiancato, tipo mulatto, con un largo spazio fra gli incisivi, che era al volante e davanti un altro, tipo staffetta, con macchina grigia metallizzata». Ermanno stava male, schiumava: «Porca put..! Non ci posso credere». Ma io, savio, ho fatto notare: «E pensate che si sono fregati la macchina con i calzini dentro».

Ermannuccio mi ha accompagnato in caserma in auto, inacidito al Ph massimo: «Non te ne frega niente che ti hanno rubato la macchina, Alberto?! Stai là tranquillo, sembri quasi contento! Sei pazzo!» «Coraggio, Ermanno, supererai questo momento».
I militari per poco non ci arrestavano: lui è stato cacciato dalla stanza («per cortesia, si accomodi nel salottino») causa agitazione cinetica e lo straparlare («tanto lo so che sto sul cazzo a tutti»). E io pure me la sono cavata: «Selvaggi, qual è la targa della sua auto?». «Uh… D… 4… Eh…». «Abbiamo capito, gliela trovo io. Che assicurazione ha?» «...» «Il nome» «Sai, sì, o Unipol. Brigadiere, comunque in auto c’erano pure dei calzini, tipo lillà, violetti…». «Sintetizzi sulle cose importanti, la prego. Che mestiere fa?». «Uh… Cioè, scrivo, così…». «Il mestiere!». «Vabbè, giornalista». «Ah».

Ho lappato lo spumone al Bar Minerva in piazza. Poscia, il solito gelato al Bar Turismo, ove è comparso mio fratello Valeria (è femmina, ma la soprannominò «tuo fratello Valeria» Peppino del Bar), sgridandomi assai: «Ma sei un defo?! Ma sei uno scimunito?! Ti hanno rubato la macchina e non ti incazzi almeno un poco?! Eeeh?! Sto male io e tu no!, mi fai agitare: ci svaligeranno tutte le case, ora ti staranno seguendo i ladri, le penso tutte!». E io: «Trattasi di negri. E pensa, cosa fantastica, avevo lasciato dentro l’abitacolo pure i calzini ciclamino usati». Perché, davvero, spero ne facciano buon uso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Moggiano

    Moggiano

    28 Maggio 2017 - 15:35

    Grande, immenso Selvaggi... Ma mo che l'articolo l'hai fatto, quelli della Gazzetta ti danno una vettura sostitutiva oppure sene escono con un paio di pedalini? Magari usati e della moglie di qualche collega...

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie