Sabato 18 Settembre 2021 | 01:23

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

la proposta

«Pali elettrici
come opere d’arte
nella valle del Bradano»

pali artistici

di ANTONIO PACE

POTENZA - «Il Parco dei giganti elettrici»: Ovvero come trasformare i tralicci degli elettrodotti in opere d’arte e inserirle nell’ambiente dando al territorio che li ospita una immagine che li faccia riconoscere e identificarli, oltre che assegnare opportunità di sviluppo e valorizzazione. È la proposta di Fabio Satriano, giovane architetto di Potenza che vive e lavora a Roma, ma fortemente radicato alla sua terra. «L’idea prende forma - spiega Satriano - dalla considerazione che le infrastrutture, per loro stessa natura di utilità pubblica, sono abbondantemente presenti, ovunque il territorio sia antropizzato. Ho intravisto l’opportunità di un progetto dal diverso approccio: non pensare, cioè, l’infrastruttura come qualcosa che al massimo possa diventare un bell’oggetto di design o di arredo urbano, ma un’opportunità di sviluppo e valorizzazione del territorio».

«E’ una cosa che in passato è successa spesso - continua - la torre Eiffel, un esempio su tutti, oggi uno degli indiscussi attrattori turistici, simbolo di Parigi e della Francia, nacque anche per rispondere alle esigenze legate alle tecnologie (radio e telecomunicazioni) che all’epoca esordivano. Si tratta di un parco tematico pensato nella valle del Bradano che si sviluppa attorno al tema dell’elettrodotto (infrastruttura inevitabilmente già presente in larga misura sul territori) i cui tralicci hanno forme antropomorfe in posizioni che ricordano le acrobazie dei bimbi intenti a divertirsi: si gioca, è il caso di dire, sul fatto che un traliccio può, come del resto già accade, assumere diverse forme. L’ambizione è quella di produrre un’immagine dalla forte valenza iconica, che sappia integrarsi ponendo l’accento sulla bellezza di quei territori rendendoli più riconoscibili e mediaticamente più accattivanti. Oltre all’aspetto strettamente legato all’immagine – ha concluso l’architetto Satriano - la proposta prevede lo sviluppo, lungo il tragitto dell’elettrodotto, di una serie di attrezzature e di percorsi tematici, da qui l’idea di farne un vero e proprio parco, il “parco dei giganti elettrici” dove siano previsti interventi di minima entità ed impatto: trekking campestre e di archeologia rurale (che preveda il tour delle masserie o dei borghi rurali dismessi) tracciati per bici, percorsi informativi e formativi finalizzati alla conoscenza del territorio (la sua storia, la sua architettura) ed all’introduzione soprattutto per i più giovani, al mondo dell’agricoltura (del grano in particolare) e dell’allevamento, fattorie didattiche (si prevede il recupero di alcuni degli innumerevoli ruderi disseminati in tutta la valle), si è pensato infine di inglobare la già esistente rete ferroviaria delle Fal (tramite, anche qui, il recupero delle molte stazioni abbandonate)».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie