Mercoledì 22 Settembre 2021 | 01:01

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

fine settimana

MarTa, visite guidate
per due giorni

museo archeologico taranto

di PAMELA GIUFFRE'

TARANTO - Due giorni di visite guidate, dibattiti, laboratori e rievocazioni storiche al MarTa. Anche il Museo archeologico nazionale di Taranto celebra l’edizione zero della “Festa dei Musei”, dal tema: “Musei e paesaggi culturali”.
Il grande evento nazionale promosso dal MiBact, il ministero per i Beni architettonici, e culturali impegnerà tutto il prossimo week end.
L’iniziativa coincide con la XXIV Conferenza generale dell’Icom, l’International Council of museum, che si svolgerà in tutt’Italia proprio il 2 ed il 3 luglio.
Il fine settimana sarà interamente dedicato all’arte e alla cultura a Taranto. Gli eventi saranno organizzati in collaborazione con il concessionario del Museo, la cooperativa “Nova Apulia”, l’Università della Basilicata e le associazioni “Amici dei Musei di Taranto onlus”, la delegazione Fai Taranto e “I Cavalieri de li Terre tarentine”. Il programma dettagliato è stato illustrato ieri al MarTa in via Cavour.

Alla presentazione, accanto alla direttrice del Museo, Eva Degl’Innocenti, c’erano anche Paolo Pirami e Giacomo Scarfato della delegazione Fai, Fondo ambiente italiano di Taranto; Anna Paola Petrone Albanese, presidente dell’associazione “Amici dei Musei di Taranto onlus”; Vito Maglie e Danilo Quibrino dell’associazione “I cavalieri de le Terre Tarentine”; e Elisa Amati della “Nova Apulia”.

Si comincia alle 17 di sabato con il laboratorio didattico “Cartoline d’autore” e si prosegue alle 17,30 con la visita guidata sui paesaggi culturali: “Archeologia e paesaggio” a cura di “Nova Apulia”. Alle 18 ci sarà invece una conferenza su: “Paesaggio per la città e ed il territorio di Taranto”. Relazionerà Maria Valeria Mininni, docente all’Università della Basilicata.
Alle 20,15 ancora spazio al dibattito con una conferenza-conversazione su: “Taranto in divenire - gli Amici dei musei ed il paesaggio culturale”.
Alle 20,15 e alle 21,30 visite guidate su “Taranto ed il mare”. Alle 20,45 e alle 22 , un percorso attraverso il “MarTa racconta… archeologia e paesaggio”, a cura di “Nova Apulia”. Alle 20:20, 20:40, 21, 21:20, 21:40, 22, 22:20 e 22:40, è prevista la manifestazione di Living History, a cura de “I Cavalieri de li Terre Tarentine” nel chiostro del museo. Previsti danza pirrica e scontro tra gli opliti.

Il programma di domenica: visite guidate tra i capolavori del MarTa alle 11, alle 12,30, alle 16,30 e alle 18. Alle 17 il laboratorio didattico e alle 17,30 la visita guidata sui paesaggi culturali: “Archeologia e paesaggio”.
Alle 18, per concludere, la conferenza-conversazione della delegazione Fai di Taranto con la presentazione del restauro dei quadri della collezione Ricciardi de “Il Redentore” e “L’Addolorata” finanziato dal Fai di Taranto attraverso il sostegno economico dei soci e della Deutsche Bank. Il restauro è durato un anno.
Nel corso della serata i delegati del Fai presenteranno le attività della fondazione sul territorio, oltre a soffermarsi con diapositive e slide sui dipinti del De Matteis che si trovano in San Cataldo a Taranto vecchia, facendo un excursus sulla pittura napoletana del ‘700 e tracciando un profilo del vescovo Ricciardi. Ci saranno poi delle sorprese, alcune ad opera dei rievocatori, all’incirca una quindicina, che indosseranno armature d’epoca e costumi realizzati da artigiani. Tutto in chiave locale. La festa dei Musei cade nel primo week end del mese dedicato all’“Open day”.

Il MarTa sarà quindi accessibile al costo promozionale di 1 euro dalle 20 alle 23 di sabato, mentre l’ingresso sarà gratuito domenica. «Abbiamo voluto dare a questa festa un approccio multiculturale - sottolinea la direttrice Degl’Innocenti - nell’intento di dimostrare che l’Archeologia dev’essere considerata la scienza del futuro guardando al passato non solo per preservare la nostra identità ma anche per costruire il presente ed il domani. Non si tratta di parole retoriche per il nostro territorio, ma di un obiettivo ben chiaro che deve essere realizzato attraverso un lavoro di rete».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie