Lunedì 18 Gennaio 2021 | 02:33

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 
date e programmi
Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

 
Il personaggio
Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Il concerto

Corato, con Chopin e Mickiewicz la ballata si fa «eroica»

Online il concerto di Balducci e Lestingi per il Comune

Corato, con Chopin e Mickiewicz la ballata si fa «eroica»

Da una parte le quattro memorabili «Ballate» di Fryderyk Chopin (1810-1849). Dall’altra quattro poemi di Adam Mickiewicz (1798-1855), il poeta e scrittore polacco che nel 1822 aveva pubblicato le sue «Ballate e Romanze», ispirando proprio il celebre compositore. È a queste due grandi figure, le cui opere hanno travalicato i confini nazionali, che hanno dedicato un concerto-spettacolo il pianista Filippo Balducci e il regista e autore Leo Lestingi, intitolato «Fra Poesia e Musica»: l’iniziativa, a cura dell’associazione musicale e culturale «Fausto Zadra», è stata realizzata nell’ambito di «Sospeso», il cartellone degli eventi del Natale a Corato (il video è ancora in visione sulle pagine social del Comune di Corato e dei protagonisti). Balducci e Lestingi, all’interno della Sala Verde del Comune di Corato, hanno acceso un faro su due artisti ottocenteschi influenzatisi a vicenda, entrambi portavoce degli esuli tormentati, e di una Polonia sconvolta dall’insurrezione del 1830 e 1831 - poi fallita - contro il dominio russo.

Così, se Lestingi assume la funzione di voce recitante, in un percorso non solo divulgativo dell’opera di Mickewicz, Balducci esegue da par suo le Quattro Ballate, in un contrappunto virtuoso tra musica e narrazione che ben spiega quanto i fremiti poetici dello scrittore abbiano stimolato la straordinaria musica di Chopin.
Tra l’altro Lestingi legge quattro opere di Mickewicz («Konrad Wallenrod», «Il lago Świteź», «Świtezianka», «La fuga»), nella traduzione di Miriam Gaudio e Paolo Statuto, adattandole al concerto-spettacolo, e con una personale supervisione linguistica che dà alla narrazione fluidità e coinvolgimento.

Poco più di dieci anni intercorrono tra la Prima e la Quarta Ballata di Chopin (tra il 1831 e il 1842), entrambe terminate a Parigi. Un lasso di tempo in cui il compositore polacco affina la sua scrittura pianistica, conferendo alla forma della Ballata una struttura musicale propria, seppur aperta e mai facilmente catalogabile. Anzi, come dimostra l’operazione di Balducci e Lestingi, è evidente l’ispirazione che Mickiewicz ha dato a Chopin. Sebbene il compositore rifugga il carattere narrativo, leggendario e cavalleresco che i poeti romantici evocano nelle loro leggende d’amore, d’armi e di cavalleria, vagheggiate in un favoloso Medioevo.

Eppure basta ascoltarle tutte e quattro, le Ballate chopiniane (ottimamente rese in ogni sfumatura timbrica dal pianista), per rendersi conto quanto l’influenza anche inconscia di questi temi sia decisamente rinvenibile nella musica. Il linguaggio è non solo incantevole, ma epico, trasognato, decorativo quanto basta nella scrittura arabescata. E sempre, profondamente spiritualizzato. Capolavori assoluti, insomma, e drammatici nella ricerca di un eroismo sonoro che va spesso a braccetto con il racconto poetico.

Nell’interpretazione di Balducci non manca quell’opportuno fuoco sacro presente nella scrittura pianistica: per esempio nella coda impetuosa della Ballata n. 1, e nello sferzante «Presto con fuoco» che conclude drammaticamente il lavoro.
E se ogni Ballata si alterna alla voce di Lestingi, che prende per mano l’ascoltatore e lo conduce in un’epoca irripetibile, l’approdo finale alla Quarta Ballata svela uno Chopin più riflessivo, capace di giungere all’apice del dramma in una calcolata successione tematica, impreziosita da una maggiore ricerca timbrica sul pianoforte. Anche qui Balducci mette ben in luce alcune caratteristiche che il compositore «disegna» nel capolavoro pianistico: regolarità ritmica, agogica e dinamica sorprendente, con gradazioni che si addensano pian piano e non rompono quasi mai un equilibrio che richiede all’interpretazione un carattere fantastico, visionario, sognante e teneramente elegiaco. Il finale, poi, raggiunge una forte tensione drammatica, che si scioglie in una trasfigurazione lirica senza precedenti, che Chopin stesso ha affidato alla comprensione della posterità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie