Venerdì 30 Ottobre 2020 | 18:44

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
L'amore che nasce dalle difficoltà: esce il video di «Loto», nuovo singolo di Emanuele Barbati

L'amore che nasce dalle difficoltà: esce il video di «Loto», nuovo singolo di Emanuele Barbati

 
La recensione
Con «Wild Geese» il lascito musicale di Gianni Lenoci

Con «Wild Geese» il lascito musicale di Gianni Lenoci

 
Musica
«Lu Rusciu de lu Mare»: Mava omaggia le sue radici salentine con una cover che sembra un film

«Lu Rusciu de lu Mare»: Mava omaggia le sue radici salentine con una cover che sembra un film

 
Nuove uscite
«Molteplice», online il nuovo video del chitarrista salentino Marcello Zappatore

«Molteplice», online il nuovo video del chitarrista salentino Marcello Zappatore

 
Musica
«Sabato mattina», esce il nuovo singolo di Daniele Lanave

«Sabato mattina», esce il nuovo singolo di Daniele Lanave

 
Musica
Gianluca De Rubertis: «Il pop è la metafora della mia anima»

Gianluca De Rubertis: «Il pop è la metafora della mia anima»

 
Musica
Locus Festival 2021: l'anteprima è a Trani con Devendra Banhart

Locus Festival 2021: l'anteprima è a Trani con Devendra Banhart

 
Dopo il Dpcm
Puglia, l'urlo dal mondo della musica live: «Distribuire meglio i ristori, priorità a chi è in regola. Solo col vaccino torneremo alla vita di prima»

Puglia, l'urlo dal mondo della musica live: «Distribuire meglio i ristori, priorità a chi è in regola. Solo col vaccino torneremo alla vita di prima»

 
Nuove uscite
«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

 
Il personaggio
Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

 
L'appuntamento
Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 
PotenzaLe dichiarazioni
Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

 
TarantoCoronavirus
Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

 
FoggiaCoronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

L'appuntamento

Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

Stasera il Requiem con gli 'ex' della band tedesca

Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

Questa volta sarà il suo spirito a essere evocato. Parliamo di Florian Fricke, geniale compositore e intellettuale del gruppo tedesco dei Popol Vuh che, a 19 anni dalla sua scomparsa (dicembre 2001), sarà omaggiato con il progetto Popol Vuh Beyond – Requiem for Florian a firma degli ex compagni Frank Fiedler e Guido Hyeronimus, con la voce di Biljana Pais, il violoncello di Nicoletta D’Auria e le percussioni di Domenico Monaco. Il live andrà in scena questa sera alle 21 al teatro Kismet di Bari per il penultimo appuntamento della XXXV edizione del festival Time Zones. La serata sarà aperta dal duo Cico Beck (Aloa Input, the Notwist) e Nico Sierig, con un nuovo live che combina strumenti robotici, elettronica e percussioni trash, in un continuo sincretismo tra sintetizzatori analogici, strumenti a percussione e computer.

Non si esagera nel definire i Popol Vuh come una parte importante della storia della musica del ‘900: precursori della musica elettronica e new age, che ha poi ispirato l’ambient di Brian Eno e Robert Fripp, e una costante ricerca nella musica sacra per conciliare il misticismo occidentale con quello orientale. Per questo le intuizioni di Fricke, sono diventate patrimonio di tutti quelli artisti che ancora oggi si ispirano alle sue invenzioni. Il loro suono rappresenta ancora oggi il più alto incontro della musica con la filosofia e non solo quella orientale. Capolavori come Osiana Mantra, In den garten pharaos e le colonne sonore per il regista tedesco Werner Herzog, disegnano visualizzandolo qualcosa di sospeso tra la terra ed il cielo. Ed è questo un mondo di suoni e di sensazioni davvero inarrivabile, indicibile nella sua maestosità, nella sua bellezza cosmica.

I Popol Vuh colpiscono la nostra immaginazione, la nostra fantasia con raffiche fatte di esotismo e di esoterismo timbrico. Hanno la capacità di raggiungere il segno della nostra essenza, affascinano sensi e nervi, catturano la nostra attenzione e la nostra mente, per trasportarci in paesaggi lontani, in mondi diversi, dove la parte più intima e nascosta di noi stessi, trova la chiarezza e tende a risplendere. Il tributo «Popol Vuh Beyond», nasce a Bari perché Florian ha lasciato un pezzo del suo cuore e a Time Zones, nel labirinto del centro storico di Molfetta nel 1998 con una live installation stravolgente dando prova di essere un’artista talmente avanti da essere fuori dalla comune concezione del tempo. Da quell’esperienza nacque l’idea di Messa di Orfeo, ultimo lavoro discografico dei Popol Vuh. Con quel disco, inizia una lunga collaborazione l’artista argentina, barese d’adozione, Guillermina De Gennaro: prima come voce recitante in questo oratorio lisergico ispirato a Orfeo e poi come visual nella live installation.

Di quel lavoro di Fricke, venne affascinato anche Franco Battiato che lo volle al festival di Fano «Il violino e la Selce» da lui diretto. «Lavorare con Florian è stata una delle avventure più importanti del mio percorso d’artista visuale – ricorda l’artista De Gennaro -. Avendo lavorato a lungo nel cinema per Herzog, Florian riusciva a capire perfettamente come potesse essere importante nell’arte contemporanea il ruolo della musica. La dimensione estatica nelle due installazioni nelle quali ho collaborato, avevano trovato nella musica una naturale estensione del campo percettivo di chi in questi spazi d’arte ci finiva dentro. Oggi queste intuizioni possono apparire persino scontate ma, alla fine degli Anni ’90, si faticava a trovare spazio nell’arte contemporanea».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie