Venerdì 05 Marzo 2021 | 21:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

 
L'intervista
Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

 
Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
PotenzaL'idea
Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
LecceLa curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
FoggiaQuesta sera
Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

L'evento

Time Zones: tra jazz e colonne sonore con Remo Anzovino

Roberto Cherillo apre la serata venerdì al Kismet

Time Zones: tra jazz e colonne sonore con Remo Anzovino

foto Simone Di Luca

Musica e arte a Time Zones. A partire da venerdì 2 ottobre, infatti, il festival delle musiche possibili si sposta per sette appuntamenti all’interno del teatro Kismet di Bari. Il primo, venerdì 2 alle 21, vede impegnati Remo Anzovino e Roberto Cherillo. Il primo set è affidato a Cherillo, una delle voci più belle e raffinate del jazz italiano, nonché un pianista fuori dall’ordinario. Compositore e cantautore, la sua ricerca musicale è una costante sperimentazione che, nel corso del tempo, ha identificato il canto quale passione principale. Di qui gli studi d’avanguardia sui timbri e sulla voce.
A seguire ci sarà Remo Anzovino, considerato uno dei più originali compositori e pianisti in circolazione, nonché il nuovo vero erede della grande tradizione italiana nella musica da film. L’anno scorso, infatti, ha ricevuto il «Nastro D’Argento – Menzione Speciale Musica dell’Arte» per le colonne sonore de «La Grande Arte al Cinema» su Sky Arte (da Van Gogh a Frida Kahlo, passando per Picasso, Monet e Gauguin). Il 44enne compositore di Pordenone, inoltre, è uno dei massimi esponenti della musica strumentale (oltre 8 milioni di streams solo su Spotify). Durante tutto il periodo del lockdown, Anzovino si è distinto per aver ideato e realizzato il «Diario Sonoro», un format online che attraverso la fantasia, la sua musica e i suoi racconti, ha guidato il pubblico (500mila visualizzazioni) in viaggi immaginifici.

Anzovino, il suo rapporto con la musica passa attraverso due momenti nodali: l’impegno civile, segnato dalla composizione «9 ottobre 1963 (Suite for Vajont)», e il rapporto quasi carnale con l’arte. Come si combinano?
«Tutta la mia storia artistica e compositiva è legata alla narrazione. Quindi sono un musicista ma anche un narratore che riesce a stare a suo agio dove c’è qualcosa da raccontare. Ho composto “9 ottobre 1963 (Suite for Vajont)” perché nessuno aveva pensato di ricordare quelle 2mila vittime. A ispirarmi è stato lo spettacolo dell’attore e regista Marco Paolini. Poi, il lavoro realizzato con Cineteca di Bologna mi ha permesso di avvicinarmi al linguaggio del cinema ed è arrivato anche il film “Hitler contro Picasso”».

Si sente all’interno di un genere musicale o le dà fastidio essere etichettato?
«Il compito di dare un’etichetta alla musica non è del musicista. Personalmente la divido in due categorie: quella che mi produce emozioni e quella che non lo fa. La musica è in ogni suono e rumore che le nostre orecchie possono udire ma, soprattutto, è nei silenzi».

A cosa sta lavorando e, soprattutto, cosa presenta a Time Zones?
«Ho appena finito la nuova colonna sonora del docu-film “Pompei. Eros e Mito” di Pappi Corsicato con la voce di Isabella Rossellini. Il disco uscirà il 9 novembre in concomitanza con il film. Amo Bari e da voi eseguirò alcuni dei temi più importanti della mia carriera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie