Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 18:51

LETTERE ALLA GAZZETTA

Il premier dimissionario non è un leader fuori gioco

Renzi prenda con filosofia la sconfitta al referendum e anche con un po’ di umorismo.
Ritengo che Renzi debba tornare a governare, perché non ci sono alternative valide.
Il no al referendum non è una bocciatura a Renzi, ma solo un suo ridimensionamento.
Non era una riforma perfetta quella della Boschi ed essersi battuto come un leone per la sua approvazione è stato un grave errore commesso da Renzi.
I Baresi potrebbero sintetizzare il no a Renzi per la riforma costituzionale con questa semplice frase: «T'è piaciut a sci ndret ndret ...».
Scusate questa frase umoristica dialettale, ma serve solo a stemperare l'umore di Renzi, che certamente in questi giorni è nero, ma di un nero che più nero non si può, neppure se andasse nella foresta nera.
Ritengo, comunque, che non ci siano alternative a Renzi, perché vedo Salvini ancora troppo legato alla lega. Spesso egli ha rimpianto il vecchio Miglio che era leghista che più leghista non si può. Oltre Salvini ci sarebbe la Meloni, che ad onor del vero potrebbe essere a capo della Destra, ma si è ridimensionata da sola avendo scelto come suo leader Salvini.
Nel Movimento 5 stelle c'è un Di Maio che assolutamente non ha il fisico del ruolo di premier.
Più che Maior io lo vedo Minor. Per non parlare di Di Battista. Uno che ha quel nome fa pensare ad un maggiordomo e non credo che gli Italiani abbiano bisogno in questo momento di questi servitori dell'aristocrazia.
Ci sarebbe Berlusconi come revival, ma non esiste più il suo partito compatto.
Alfano vorrebbe tornare a servirlo, ma non credo che Berlusconi vorrà perdonarlo dopo che questi lo abbandonò per servire un altro padrone.
La servitù è donna e non puoi perdonare una donna che ti ha tradito.
D'Alema ormai fa parte del passato rottamato, come Bersani e Prodi.
I poteri forti dell'economia internazionale hanno proposto un governo tecnico, ma al pensiero che possano tornare Monti e Fornero gli Italiani già si preparano alle barricate.
In conclusione non ci sarebbero alternative ad un nuovo governo Renzi, per cui tutto questo bailamme causato dal no alla riforma voluta da Renzi è diventata una semplice commedia all'Italiana, una roba da matti.
Ma niente paura, perché in questo campo siamo all'avanguardia. I matti in Italia, come anche nel resto del mondo, sono tanti.
Io sono fiducioso e sono certo che tutto si aggiusterà.
Ci penserà il nostro presidente della repubblica. Il suo nome è una garanzia per tutti gli Italiani.

Biagio Sannicandro, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400