Domenica 19 Gennaio 2020 | 20:25

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl riconoscimento
Bari, dal Taekwondo alla maratona di New York: il Comune premia 4 sportivi

Bari, dal Taekwondo alla maratona di New York: il Comune premia 4 sportivi

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Bari il Ponte andrebbe intitolato a Calabrese

Il ponte è un mezzo di comunicazione che unisce punti difficili da raggiungere: serve ad avvicinare, trasportare e comunicare. In quest’ottica, nessun cittadino di Bari può meritare più di Giuseppe Calabrese (1913-1998) tale appellativo.
Il ponte nuovo di Bari collega le zone Nord e Sud della città. Calabrese ha fatto molto di più. Ha unito ed amalgamato operai di Bari a quelli del suo entroterra, dando lavoro a cittadini baresi e della provincia, facendo in modo che si integrassero ed alternassero nelle linee di produzione, e facendo sorgere in Puglia un indotto locale ancora oggi molto attivo. Da via Crisanzio e via Brigata Regina, alla Zona Industriale.
Non a caso il primo stabilimento che si incontra nella zona Industriale di Bari è l'azienda del Gruppo Calabrese. Ha unito Nord e Sud con stabilimenti sparsi in tutta Italia. Ha unito Est e Ovest invadendo strade e Paesi di diversi continenti. Dal Nord Africa, dalle sponde meridionali del Mediterraneo al Sud Africa, non tralasciando tanti Paesi del continente nero, dal Sudan alla Tanzania, dal Congo all’Eritrea, dall’Egitto alla Nigeria, dall’Ovest all’Est dell’Asia, dal vicino Libano ed Iran al lontano Pakistan e alla lontanissima Cina, dal Nord della baia di James Bay (nel Nord del Canada), alle strade del Sud America.
Quello che più meravigliava era il suo modo di fare “ponte” sempre e solo in lingua italiana, con intercalari tipici dell’espressione più barese possibile, trasmettendo sempre il messaggio di quello che intendeva comunicare. Calabrese ha fatto da ponte a tanti rapporti umani, e ha contribuito allo sviluppo della nostra terra e della nostra città.
Non dimentichiamo che il nostro porto ha avuto momenti di altissimo splendore quando ogni settimana arrivavano navi che caricavano veicoli e li trasportavano in tutto il mondo. I più ricorderanno le navi della Tirrenia che salpavano Bari ogni settimana per trasportare rimorchi e veicoli municipali in Libia.
Riteniamo pertanto che intitolare il Ponte a Giuseppe Calabrese sia un atto dovuto da parte della Città di Bari.

Lorenzo Ferrigni (nipote di Giuseppe Calabrese) Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie