Giovedì 28 Gennaio 2021 | 07:05

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
L'iniziativa
Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

 
Il caso
Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti

Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti»

 
Amici a 4 zampe
Locorotondo, niente Tari da pagare per chi adotta un cane

Locorotondo, niente Tari da pagare per chi adotta un cane

 
SHOAH
Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

 
La curiosità
Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

 
Il personaggio
Una potentina prima segretaria all’Ambasciata di Pechino

Una potentina prima segretaria all’Ambasciata di Pechino

 
La novità
Basilicata, il boom dei «Nutella Biscuits: Ferrero investe su Balvano

Basilicata, il boom dei «Nutella Biscuits: Ferrero investe su Balvano

 
Il personaggio
Michele Salomone: «Con il microfono sconfissi la balbuzie e divenni la voce del Bari»

Michele Salomone: «Con il microfono sconfissi la balbuzie e divenni la voce del Bari»

 
la polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

L'esperienza

Bari, al Libertà una web radio racconta il cuore della città che cresce

I promotori: «La cooperazione nazionale si costruisce nei quartieri. Poi si esporta»

Afana Bella Dieudonne, 26enne del Camerun laureato in comunicazione linguistica interculturale e iscritto a un master in risorse umane alla Cattolica di Roma, ha il piglio del manager. «Bari è zona di passaggio. I migranti che qui hanno messo su casa e famiglia sono una percentuale irrisoria se paragonata ad altre città italiane. Eppure chi deve raggiungere la Germania, la Francia, o Roma, Napoli o gli opifici del Nord Italia, una sosta nel capoluogo pugliese deve farla. Ma non esistono bistrot e ristoranti di cucina africana di qualità, ben gestiti nel rispetto delle normative, in grado di trasformarsi anche in luoghi di incontro e di scambio fra le culture. Gli stranieri nel capoluogo pugliese non hanno spazi per l’aggregazione. Questa città, dove mi sento a casa, è un terreno fertile nel quale seminare amicizie, legami fra le genti e, al tempo stesso, far crescere le comunità dei migranti insieme a quelle dei baresi che vogliono progettare senza barriere e senza confini».

Afana snocciola idee e reti di collaborazione nella stanza al civico 68 di via Manzoni, che è la sede della cooperativa sociale Terra nostra - fondata insieme ad altri tre universitari - in risposta al bando Urbis finanziato dal Comune: l’obiettivo è quello di promuovere la raccolta differenziata porta a porta tra le persone svantaggiate, gli anziani e i portatori di handicap nel quartiere di Carbonara, grazie al supporto dei collaboratori migranti. E in quella che negli anni Settanta e Ottanta è stata una delle strade simbolo del commercio, c’è pure la cabina di regia della web radio Libertà che ha l’ambizione di raccontare la Bari che cambia, che cresce, che guarda al presente e al futuro senza pregiudizi. Sulle frequenze che viaggiano su internet vengono date informazioni su come partecipare ai bandi pubblici per i finanziamenti di nuove attività o su come accedere ai tirocini formativi, si discute di ecologia e ambiente, di borse di studio.

«Il ristorante o la catena di locali con i profumi e i sapori dell’Africa - ragiona Afana - saranno gli strumenti per finanziare la crescita delle comunità migranti e creare un’impresa di cooperazione per far progredire le popolazioni africane attraverso l’agricoltura e l’istruzione». Non soltanto la tavola, dunque, come ponte fra le culture, ma come volano per esportare conoscenze e competenze nei Paesi dei fondatori di Terra nostra, nonché speaker della web radio: Luisa Chilanbi Ngondo, studentessa angolana, laureanda in relazioni internazionali e già laureata in scienze sociali, Modeste Jean Koumen, della Costa d’Avorio, laureato in scienze politiche, e Joakim Agnakan, del Togo, laureando in comunicazione linguistica e interculturale. A loro si affiancano altri stranieri impegnati nell'accoglienza, nell'integrazione e nel sostegno alle persone in difficoltà. La coop opera nel campo della sostenibilità ambientale e del rispetto dei luoghi del bene comune, per sensibilizzare i cittadini a stili di vita sostenibili e al rispetto dell’ambiente, per far comprendere i benefici in termini di economia e di vivibilità ambientale. I soci offrono competenze nel campo della comunicazione ambientale e della partecipazione, dell’economia sociale, della cooperazione internazionale. La cooperativa vuole essere un’originale formula organizzativa d’impresa che ha come scopo quello di mettere in atto azioni di natura economico-sociale finalizzate allo sviluppo di servizi che incrementino la qualità della vita delle persone e impedire l’esclusione sociale, attraverso politiche d’investimento e di distribuzione del reddito non finalizzato al profitto, ma ispirato a criteri di utilità sociale. Una cooperativa nata per sperimentare nuovi progetti di qualità e innovative metodologie al fine di interpretare e concretizzare percorsi d’aiuto efficaci per persone in difficoltà, anziani, diversamente abili e stranieri.

Afana scommette sull’emancipazione e sulla crescita economica, nello stesso tempo, di Bari, della Puglia e dell’Italia come pure dell’Africa subsahariana, a sud del deserto del Sahara, quella un tempo chiamata l’Africa nera.
Nel frattempo nei quartieri Libertà e Carbonara vengono coinvolti nelle iniziative altri universitari, le scuole, gli anziani.
Ha scommesso sulla cooperazione e sulla forza delle persone l’assessore alle Politiche giovanili, Paola Romano che, attraverso i progetti Urbis, accompagna associazioni e cittadini che credono nella cittadinanza attiva e nel cambiamento dal basso: «Il fine ultimo è andare oltre l’accoglienza, la tolleranza, la riconoscibilità. Vogliamo creare comunità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie