Giovedì 21 Febbraio 2019 | 02:14

NEWS DALLA SEZIONE

Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
Il caso
Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

 
A Foggia
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Migranti, giù le baracche abusive di Borgo Mezzanone FT/VD
Salvini: «La pacchia è finita»

 
La storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
La mobilitazione
Borgo Mezzanone, in 50 bloccano strade per protesta: «Crollano le case»

Borgo Mezzanone, bloccano strade con cassonetti per protesta: «Crollano le case»

 
La denuncia
Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

 
Lite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
Nella notte
Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Incendio doloso

Paura a Foggia, esplode un bar: chiuso due volte per mala

È successo sotto i portici in via Piave. Foggia, esplosione e incendio di un bar in via Piave. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri. La deflagrazione ha provocato disagi nel palazzo, dove è andata via l'energia elettrica. Indagini in corso

FOGGIA - Un bar situato sotto i portici a Foggia, è stato distrutto da un incendio, anticipato da un boato che ha spaventato i residenti della via e della zona. Ingenti i danni. La deflagrazione ha provocato disagi nel palazzo, dove è andata via l'energia elettrica. Le fiamme, propagatesi dall'interno del locale, hanno provocato anche l'esplosione di un recipiente sotto pressione, oltre che l'annerimento della facciata dello stabile.

I Vigili del Fuoco, dopo aver spento l'incendio, hanno accuratamente ispezionato il locale, senza però rilevare tracce utili a risalire alle sue cause.

Il noto ritrovo del quartiere Ferrovia è stato nel tempo in più occasioni oggetto di controlli venendo anche chiuso in due circostanze, nel 2017, perché abituale ritrovo di pregiudicati pericolosi e sia perché il titolare, un cittadino di origine albanese con a carico svariati precedenti soprattutto in materia di stupefacenti, aveva assunto dei dipendenti in nero. I Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia hanno avviato le indagini per verificare la natura del rogo e le eventuali responsabilità del suo innesco. Un valido aiuto alle indagini potrà giungere dalla visione delle telecamere di sicurezza posizionate nella zona. Al momento gli investigatori non escludono l’origine dolosa ma ritengono improbabile il movente legato al racket delle estorsioni. (Foto Maizzi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400