Lunedì 27 Settembre 2021 | 07:20

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'intervento dei vigili

Bari, paura in via Dalmazia per una palazzina pericolante

Sopralluogo dei vigli del fuoco che l'hanno messa in sicurezza. Melchiorre di Fratelli D'Italia: «C'è bisogno di un censimento degli stabili a rischio per programmare gli interventi»

BARI - 

BARI - Attimi di paura in centro a Bari: un palazzo di via Dalmazia ha mostrato segni di cedimento poche ore fa, allarmando i cittadini. Secondo quanto si apprende gli scricchiolii dell'immobile, molto datato e per la maggior parte disabitato, avrebbe allarmato l'unica inquilina del palazzo che, spaventatasi, ha avvertito immediatamente i vigili del fuoco per la messa in sicurezza dello stabile. Immediato è stato l'arrivo della squadra che ha subito transennato la zona. Ecco alcuni scatti (Foto Luca Turi).

Secondo Filippo Melchiorre, capogruppo di Fratelli D'Italia accorso sul posto per un sopralluogo assieme al collega Michele Caradonna, si tratta di un problema strutturale: «Lo dico da non tecnico, è un palazzo molto vecchio e probabilmente non curato a dovere. Come ben sappiamo via Dalmazia è una delle vie più trafficate e percorse in città, se non si provvede alla manutenzione costante - sottolinea - il rischio di cedimenti aumenta. Poteva succedere qualsiasi cosa, menomale che l'inquilina ha avuto un sentore d'allarme e ha chiamato i vigili del fuoco». 

Un caso questo che però potrebbe non essere isolato: «Sono tanti i palazzi in queste condizioni a Bari, per questo noi di Fratelli D'Italia vorremo fare una sorta di censimento degli edifici che versano in pessime condizioni in modo tale da monitorare la situazione. In più - aggiunge Melchiorre - sarebbe opportuno ricevere un elenco di tutti gli immobili le cui spese di manutenzione sono divise tra Comune di Bari e privati, così da fare una cernita e fare in modo che il pubblico non si accolli spese che non siano di loro competenza. Questo ci sembra un buon metodo per programmare gli interventi sulle varie strutture pericolanti. Alla fine è meglio prevenire prima che curare poi a danni fatti», conclude il capogruppo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie